Lazio
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Zugo
4
Langnau
2
2. tempo
(3-0 : 1-2)
Ambrì
2
Davos
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
Friborgo
2
Lakers
2
3. tempo
(0-1 : 2-0 : 0-1)
Ginevra
1
Bienne
2
3. tempo
(1-0 : 0-2 : 0-0)
Lugano
1
Berna
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
Visp
4
Ticino Rockets
3
fine
(0-0 : 2-1 : 1-2 : 1-0)
La Chaux de Fonds
4
Zugo Academy
1
3. tempo
(2-0 : 0-0 : 2-1)
Kloten
7
Sierre
0
3. tempo
(1-0 : 4-0 : 2-0)
BUF Sabres
6
PHI Flyers
3
3. tempo
(4-2 : 1-0 : 1-1)
BOS Bruins
1
WIN Jets
1
1. tempo
(1-1)
aperto-il-processo-sul-delitto-alla-pensione-di-viganello
TI-PRESS
Il luogo del delitto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
16 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
16 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
1 gior

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
1 gior

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
1 gior

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 gior

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
1 gior

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
1 gior

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
1 gior

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
1 gior

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 gior

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
18.05.2021 - 11:020
Aggiornamento : 17:58

Aperto il processo sul delitto alla pensione di Viganello

Un 35enne austriaco alle Criminali per assassinio, omissione di soccorso e droga. In aula i familiari della vittima, Matteo Cantoreggi

Assassinio o, in via subordinata, omicidio intenzionale o omicidio colposo per omissione di soccorso o lesioni colpose. Si è aperto stamane - con un ampio spettro di ipotesi accusatorie - davanti alla Corte delle assise criminali di Lugano, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta e con gli assessori giurati, il processo per il delitto di Matteo Cantoreggi, 35enne di Bellinzona, ucciso la sera del 17 dicembre 2019 alla pensione La Santa di Viganello. 

In aula, davanti alla Corte, l'imputato: un 35enne austriaco, alto, snello, capelli rasati, camicia bianca. Dietro di lui, seduti in prima fila, i familiari della vittima. L'imputato - si legge nell'atto d'accusa stilato dalla pp Valentina Tuoni, ha agito "con particolare mancanza di scrupoli, segnatamente con movente, scopo e modalità particolarmente perversi"; "consapevole dello stato di alterazione di Cantoreggi Matteo, a causa dell'alcool assorbito e degli psicofarmaci con effetto sedativo assunti da quest'ultimo lo stesso giorno».    

La Corte ha dapprima interrogato l'imputato sulla sua vita anteriore. «Ero in assistenza - dichiarato. Per vivere vendevo cocaina e farmaci. L'alloggio alla pensione La Santa era pagata dall'assistenza. Ho molti precetti esecutivi. Ho iniziato a 16 anni con marijuana e ecstasy, a 17 anni con la cocaina e a 19 anni ho trovato l'eroina. Ho proseguito con la cocaina, la marijuana e psicofarmaci». A La Santa il cittadino austriaco vi è arrivato dal carcere dello Stampino, dove aveva scontato una pena per droga di quattro mesi. Il 34enne ha precedenti penali: ha condanne per droga, furti e falsificazione di ricette.

Come ha conosciuto Cantoreggi? «L'ho conosciuto alla pensione La Santa, fumavamo e bevevamo insieme, c'era un'amicizia». Prima del delitto, l'11 dicembre c'era già stata una prima lite e una seconda il 15 dicembre in camera dell'imputato: «Lui mi aveva aggredito e io gli ho tirato pugni e poi l'ho lasciato in corridoio». Perché aveva avuto questa violenza? «Non me lo so spiegare».

La sera del delitto nella stanza dell'imputato. Che ha ammesso: 'Non era cosciente'

Le condizioni di Matteo Cantoreggi, com'erano? - ha chiesto il giudice Pagnamenta. «Abbiamo bevuto insieme nella mia camera, non sembrava così ubriaco. Abbiamo pure assunto farmaci. Lui beveva whisky. Parlava normale, altre volte l'ho visto in condizioni peggiori». La sera del 17 dicembre, avrebbe iniziato la vittima, secondo l'imputato, ad aggredirlo. «Poi io - ha proseguito il 35enne austriaco - «gli ho dato da 3 a 5 pugni al volto». Non 6 o 7? «È possibile. Poi Cantoreggi si è accasciato sul letto. Potrebbe avere colpito la testa sul muro». La vittima ha perso conoscenza? «Non lo ricordo. Poi ho trascinato Matteo lasciandolo sul corridoio». Le sembrava una persona cosciente?, ha chiesto Pagnamenta, prima di mostrare il video della scena. «Adesso posso dire che non era cosciente» - ha risposto l'imputato. Il 35enne ha abbandonato Cantoreggi sulla schiena. E in un secondo momento, cinque minuti più tardi, lo ha messo sul letto. «Non stava bene lasciarlo così (per terra, ndr.). L'ho messo sul fianco, così non poteva soffocare con il suo vomito. In quel momento non ho pensato che fosse incosciente. Ero arrabbiato, non ero me stesso a causa dell'alcol e dei farmaci. Non mi ero reso conto che stava così male».

Per 8 minuti, bevute di birre dopo averlo colpito. Poi i soccorsi

C'era tanto sangue nella sua stanza dove è avvenuto lo scontro. «Mi sono spaventato - ha dichiarato l'imputato, che ha aggiunto: «Ma nella prima lite c'era più sangue. Nel video non mi riconosco. Non sono una persona violenta. Nella mia vita non era mai successa una cosa del genere, con me si può parlare di tutto». Il giudice Pagnamenta ha chiesto all'imputato se Matteo respirasse, mentre lo ha trascinato nella sua stanza. «Sì, respirava, come se avesse il naso intasato». Con l'imputato c'era anche un suo coetaneo, indagato del delitto ma deceduto negli scorsi mesi per overdose dopo aver ottenuto la libertà provvisoria, che ha aiutato l'austriaco nelle fasi successive il pestaggio: con lui, l'austriaco ha condiviso 8 minuti di birre. Solo dopo questo tempo, l'imputato è tornato nella stanza di Matteo. «Ho ascoltato il polso di Matteo, che non rispondeva e ho chiamato i soccorsi. Di sicuro oggi sarei intervenuto diversamente, sarei intervenuto prima. Dopo averlo colpito avrei guardato meglio le sue condizioni. Non ho mai pensato che potesse morire. Io ero confuso, non pensavo che stesse così male». L'istruttoria proseguirà tutto il giorno. In giornata potrebbe prendere la parola la pubblica accusa per la richiesta di pena. 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved