ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 min

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
19 min

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
19 min

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
1 ora

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
1 ora

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
2 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
2 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
3 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
3 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
3 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
4 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
Locarnese
4 ore

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
4 ore

‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’

Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
Locarnese
4 ore

Lionza, per Palazzo Tondü ecco i vincitori del concorso

Sabato pomeriggio saranno presentati al pubblico i lavori dei premiati, con visite guidate allo storico edificio
12.05.2021 - 17:17
Aggiornamento: 13.05.2021 - 15:28

Lugano, presunto stupro: botta e risposta fra accusa e difesa

Nel processo a carico del 56enne sospettato di aver violentato l'ex amante, i difensori tacciano di parzialità la procuratrice pubblica

lugano-presunto-stupro-botta-e-risposta-fra-accusa-e-difesa
Il processo è indiziario (Ti-Press/Archivio)

Si è conclusa con un fuoco incrociato la fase dibattimentale del processo a carico di un 56enne italiano sospettato di aver stuprato l'ex amante. Già la prima giornata processuale si è contraddistinta per una netta contrapposizione, dato che l'imputato nega le accuse e il processo è di fatto indiziario. Mercoledì si è arrivati alla resa dei conti.

‘Inchiesta unilaterale’

Ad aprire le danze è stato Marco Bertoli, che con Elio Brunetti difende l'accusato. «Se l'accusa è infamante, vi è qualcosa di peggio: l'accusa infondata – ha detto l'avvocato –. L'inchiesta è stata unilaterale. La procuratrice pubblica ha avuto un atteggiamento conflittuale con l'imputato. Ha sposato acriticamente le dichiarazioni dell'accusatrice, occorreva invece un approccio più imparziale. Proprio perché ha dei problemi (il 56enne è affetto da bipolarismo e consuma dei farmaci, ndr) ci sarebbe voluto un garbo accresciuto». Il legale ha quindi citato delle presunte manchevolezze da parte della pp Valentina Tuoni, fino a scagliarsi contro la presunta vittima: «È un'ottima attrice, merita una candidatura all'Oscar».

Ma Bertoli si è concentrato principalmente sui capi minori dell'atto d'accusa: violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari per aver verbalmente aggredito e minacciato un ispettore di polizia durante un colloquio al carcere giudiziario La Farera e infrazione nonché contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti per avere, rispettivamente, offerto cocaina e consumato sempre cocaina e marijuana. «Il mio assistito non aveva compreso l'illecità del suo atto, chiediamo l'impunità» ha detto l'avvocato riguardo alla prima accusa, chiedendo di «prescindere dalla persecuzione» anche dei reati inerenti alla droga in quanto è reo-confesso e si è nel frattempo ravveduto. Infine, fra spese processuali e torto morale è stato chiesto un indennizzo di poco inferiore ai 200'000 franchi.

‘Mai visto un imputato così difficile’

Sono seguiti poi gli interventi di replica e duplica. «Niente di quanto ha indicato la difesa spiega il radicale cambiamento di personalità della vittima dopo la violenza. Niente di quanto indicato spiega la sparizione dell'imputato dopo la violenza – ha detto Tuoni –. I difensori non sono psichiatri e dedurre che la vittima non fosse scompensata e depressa rimane una loro opinione». La pp ha ribadito che la donna è credibile e «denota buona fede». «Ieri per ore ho sentito parlare della truffa all'assicurazione – ha detto invece Sandra Xavier, rappresentante dell'accusatrice privata, riguardo a uno dei motivi dell'attrito fra imputato e presunta vittima –. Al Ministero pubblico non è arrivata alcuna denuncia per truffa. Non c'è nessuna procedura civile pendente e quindi parlare di truffa non è serio. Infine, su com'è stata condotta l'inchiesta: un imputato così difficile non l'ho mai visto. Tanto di cappello alla pp per com'è stata svolta l'inchiesta, se c'erano delle censure andavano contestate prima».

I cinque punti a sostegno della falsa denuncia

Brunetti, dal canto suo, ha invece ribadito alcuni concetti già emersi ieri. Dalle presunte contraddizioni dell'accusatrice privata alla validità della perizia di parte che ne mette in risalto le tendenze manipolatorie, fino ad alcuni punti contestati dell'inchiesta come ad esempio il fatto che «un vestito è misteriosamente sparito e questo è un fatto grave» ha detto il legale riferendosi all'abito che la donna indossava la sera dei presunti fatti. Ma il fulcro delle tesi difensive riguardo allo stupro rimane che si tratterebbe di una falsa denuncia, maturata per cinque motivi. Ossia: il desiderio di liberarsi di liberarsi dell'imputato perché le chiedeva sempre prestazioni sessuali minacciandola di divulgare video privati; la diffida dal diffamare l'imputato; una denuncia relativa a una presunta truffa immobiliare; il fatto che la donna si sia sentita manipolata; infine la vicenda assicurativa. «Vero che non c'è una causa civile ma c'è un precetto esecutivo – ha sottolineato Brunetti –. La compagnia ha rinunciato a fare una denuncia per truffa, ma mi risulta che il Ministero pubblico dovrebbe aprire un'inchiesta d'ufficio». «È l'accusa che deve dimostrare che ci siano state azioni penalmente rilevanti – ha detto infine Bertoli in risposta a Tuoni –, è un principio del Codice penale».

La Corte delle Assise criminali presieduta da Mauro Ermani si è quindi riunita in camera di consiglio e pronuncerà la sentenza settimana prossima.

Leggi anche:

Lugano, l’ex amante nega lo stupro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved