GOLUBIC V. (SUI)
ZHANG S. (CHN)
06:15
 
STL Blues
5
NAS Predators
3
fine
(2-2 : 2-0 : 1-1)
VEGAS Knights
3
PIT Penguins
2
2. tempo
(3-0 : 0-2)
covid-ma-non-solo-il-2020-della-clinica-luganese-moncucco
Mauro Dell'Ambrogio (presidente Cda) e Christian Camponovo (direttore) davanti alla Clinica Luganese Moncucco (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
8 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
9 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
9 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
9 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
10 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
10 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
10 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
10 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
11 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
11 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
12 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
12 ore

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
12 ore

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
12 ore

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
03.05.2021 - 18:020

Covid, ma non solo: il 2020 della Clinica Luganese Moncucco

Uno dei due centri cantonali Covid, ma non solo: l'ospedale di Lugano ha avuto un anno ricco di novità, ma ora fa i conti con utile diminuito del 30%

Moncucco, un anno dopo. Sono passati poco più di dodici mesi dall'inizio della pandemia di Covid anche in Ticino, ma sembrano un'eternità. Mesi durante i quali la Clinica Luganese è stata una delle due strutture scelte a livello cantonale – oltre naturalmente alla Carità di Locarno – quale ospedale per trattare i pazienti affetti dal coronavirus e che l'hanno inevitabilmente portata sotto i riflettori. Ma durante l'ultimo anno alla Moncucco ci sono state diverse altre novità significative, non legate alla pandemia. Il punto è stato fatto oggi, in occasione dell'annuale rapporto d'esercizio.

I primi casi Covid in Svizzera

Proprio alla Moncucco sono stati diagnosticati e presi in carico i primi due casi di Covid-19 in Svizzera. I primi, purtroppo, di una lunga serie. «Dei quasi 4'000 ospedalizzati in Ticino, circa il 40% durante la prima ondata e circa il 50% durante la seconda erano ricoverati alla nostra clinica – ha ricordato il direttore Christian Camponovo –. Per noi è stata una sfida, anche a livello di veloce riorganizzazione: la sfida più grossa è stata quella legata alle cure intense, siamo passati dall'avere sei letti (pre-pandemia) ad averne ventisei ai picchi, anche grazie alla generosità e alla solidarietà di privati (ad esempio, grazie al contributo di un milione di franchi di Sergio Mantegazza, ndr)».

Utile diminuito del 30%

«È stato un anno speciale per la sanità a livello globale e anche per noi. Un anno all’insegna dell’imprevisto, ma che non ci ha impedito di svolgere altri progetti più programmati – ha aggiunto Mauro Dell'Ambrogio, presidente del Consiglio di amministrazione –. Ormai col Covid abbiamo imparato a conviverci, ma poco più di un anno fa la situazione era drammatica. Gli ospedali erano visti luoghi di contagio. Fu una scelta di grande coraggio dedicarsi prevalentemente a quella sfida». Una sfida che ha avuto anche i suoi costi. «Avendo dovuto lasciar da parte tutta l'attività sanitaria non urgente ci siamo confrontati con una forte riduzione operativa, Covid escluso. Certo, è una situazione che riguarda tutte le strutture sanitarie, in molti lamentano infatti risultati finanziari piuttosto preoccupanti. Per quanto ci riguarda non è andata così male»: l'utile di esercizio registrato nel 2020 è stato di poco inferiore ai 2,5 milioni di franchi, ossia circa il 30% in meno rispetto ai 3,8 del 2019. «Ma tutto sommato siamo ancora nelle cifre nere e questo è positivo».

Eventuali supporti finanziari? ‘Chiediamo chiarezza’

E sebbene i ricavi totali siano comunque aumentati l'anno scorso (+1,6%), la crescita è stata molto maggiore per quanto riguarda i costi di gestione, cresciuti del 6%. È stato anche assunto del personale per far fronte alle aumentate necessità lavorative dovute ai picchi della pandemia, e il cui destino tuttavia è incerto e dipende anche dal supporto che la clinica riceverà dallo Stato. La preoccupazione per il futuro infatti non manca. «Nessuno per il momento ci ha compensato la diminuita operatività – ha spiegato Dell'Ambrogio –. Già dopo la prima ondata ci siamo accorti che facevamo fatica a sopportare la situazione. Anche nell'ottica di una terza ondata vorremmo avere un po' più di sicurezza e soprattutto un po' più di chiarezza. Desideriamo poter continuare a crescere, a svolgere il nostro servizio pubblico, senza avere la paura di ritrovarci con le casse svuotate nel giro di pochi anni».

I fronti di crescita

E nel 2020, nonostante tutto, la Moncucco è cresciuta. «Abbiamo ottenuto la certificazione quale Centro per la traumatologia dell'anziano, una modalità inedita di lavoro che prevede l'integrazione di figure non mediche per la presa a carico – ha ricordato il direttore –, abbiamo rafforzato l'oncologia in particolare per il trattamento dei tumori del tratto gastrointestinale, abbiamo lavorato sul fronte della formazione con il riconoscimento della specializzazione dei medici in chirurgia (due anni invece di uno, ndr) e di quella degli infermieri in cure intense, c'è stata inoltre l'occasione per rafforzare l'impegno nella ricerca con il consolidamento della relativa unità». E non da ultimo, è stato rafforzato il Pronto soccorso: il servizio ora è aperto tutti i giorni dell'anno, ventiquattro ore su ventiquattro. Un'evoluzione in linea con il potenziamento progressivo dei sei centri di competenza: medicina interna, chirurgia, geriatria, ortopedia, oncologia e immunoterapia. E nonostante le incognite, la clinica guarda al futuro: «Ci sono diverse sfide all'orizzonte – ancora Camponovo –. C'è l’invecchiamento della popolazione, che ci confronterà con nuove problematiche e nuove patologie. Vogliamo mantenere poi un elevato impegno per la formazione del personale e sul fronte delle nuove tecnologie. Inoltre, vogliamo continuare a impegnarci per mantenere il più possibile contenuti gli aumenti dei costi della salute».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved