ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
26 min

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
1 ora

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
1 ora

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
2 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
5 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
22 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
23 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
03.05.2021 - 18:02

Covid, ma non solo: il 2020 della Clinica Luganese Moncucco

Uno dei due centri cantonali Covid, ma non solo: l'ospedale di Lugano ha avuto un anno ricco di novità, ma ora fa i conti con utile diminuito del 30%

covid-ma-non-solo-il-2020-della-clinica-luganese-moncucco
Mauro Dell'Ambrogio (presidente Cda) e Christian Camponovo (direttore) davanti alla Clinica Luganese Moncucco (Ti-Press)

Moncucco, un anno dopo. Sono passati poco più di dodici mesi dall'inizio della pandemia di Covid anche in Ticino, ma sembrano un'eternità. Mesi durante i quali la Clinica Luganese è stata una delle due strutture scelte a livello cantonale – oltre naturalmente alla Carità di Locarno – quale ospedale per trattare i pazienti affetti dal coronavirus e che l'hanno inevitabilmente portata sotto i riflettori. Ma durante l'ultimo anno alla Moncucco ci sono state diverse altre novità significative, non legate alla pandemia. Il punto è stato fatto oggi, in occasione dell'annuale rapporto d'esercizio.

I primi casi Covid in Svizzera

Proprio alla Moncucco sono stati diagnosticati e presi in carico i primi due casi di Covid-19 in Svizzera. I primi, purtroppo, di una lunga serie. «Dei quasi 4'000 ospedalizzati in Ticino, circa il 40% durante la prima ondata e circa il 50% durante la seconda erano ricoverati alla nostra clinica – ha ricordato il direttore Christian Camponovo –. Per noi è stata una sfida, anche a livello di veloce riorganizzazione: la sfida più grossa è stata quella legata alle cure intense, siamo passati dall'avere sei letti (pre-pandemia) ad averne ventisei ai picchi, anche grazie alla generosità e alla solidarietà di privati (ad esempio, grazie al contributo di un milione di franchi di Sergio Mantegazza, ndr)».

Utile diminuito del 30%

«È stato un anno speciale per la sanità a livello globale e anche per noi. Un anno all’insegna dell’imprevisto, ma che non ci ha impedito di svolgere altri progetti più programmati – ha aggiunto Mauro Dell'Ambrogio, presidente del Consiglio di amministrazione –. Ormai col Covid abbiamo imparato a conviverci, ma poco più di un anno fa la situazione era drammatica. Gli ospedali erano visti luoghi di contagio. Fu una scelta di grande coraggio dedicarsi prevalentemente a quella sfida». Una sfida che ha avuto anche i suoi costi. «Avendo dovuto lasciar da parte tutta l'attività sanitaria non urgente ci siamo confrontati con una forte riduzione operativa, Covid escluso. Certo, è una situazione che riguarda tutte le strutture sanitarie, in molti lamentano infatti risultati finanziari piuttosto preoccupanti. Per quanto ci riguarda non è andata così male»: l'utile di esercizio registrato nel 2020 è stato di poco inferiore ai 2,5 milioni di franchi, ossia circa il 30% in meno rispetto ai 3,8 del 2019. «Ma tutto sommato siamo ancora nelle cifre nere e questo è positivo».

Eventuali supporti finanziari? ‘Chiediamo chiarezza’

E sebbene i ricavi totali siano comunque aumentati l'anno scorso (+1,6%), la crescita è stata molto maggiore per quanto riguarda i costi di gestione, cresciuti del 6%. È stato anche assunto del personale per far fronte alle aumentate necessità lavorative dovute ai picchi della pandemia, e il cui destino tuttavia è incerto e dipende anche dal supporto che la clinica riceverà dallo Stato. La preoccupazione per il futuro infatti non manca. «Nessuno per il momento ci ha compensato la diminuita operatività – ha spiegato Dell'Ambrogio –. Già dopo la prima ondata ci siamo accorti che facevamo fatica a sopportare la situazione. Anche nell'ottica di una terza ondata vorremmo avere un po' più di sicurezza e soprattutto un po' più di chiarezza. Desideriamo poter continuare a crescere, a svolgere il nostro servizio pubblico, senza avere la paura di ritrovarci con le casse svuotate nel giro di pochi anni».

I fronti di crescita

E nel 2020, nonostante tutto, la Moncucco è cresciuta. «Abbiamo ottenuto la certificazione quale Centro per la traumatologia dell'anziano, una modalità inedita di lavoro che prevede l'integrazione di figure non mediche per la presa a carico – ha ricordato il direttore –, abbiamo rafforzato l'oncologia in particolare per il trattamento dei tumori del tratto gastrointestinale, abbiamo lavorato sul fronte della formazione con il riconoscimento della specializzazione dei medici in chirurgia (due anni invece di uno, ndr) e di quella degli infermieri in cure intense, c'è stata inoltre l'occasione per rafforzare l'impegno nella ricerca con il consolidamento della relativa unità». E non da ultimo, è stato rafforzato il Pronto soccorso: il servizio ora è aperto tutti i giorni dell'anno, ventiquattro ore su ventiquattro. Un'evoluzione in linea con il potenziamento progressivo dei sei centri di competenza: medicina interna, chirurgia, geriatria, ortopedia, oncologia e immunoterapia. E nonostante le incognite, la clinica guarda al futuro: «Ci sono diverse sfide all'orizzonte – ancora Camponovo –. C'è l’invecchiamento della popolazione, che ci confronterà con nuove problematiche e nuove patologie. Vogliamo mantenere poi un elevato impegno per la formazione del personale e sul fronte delle nuove tecnologie. Inoltre, vogliamo continuare a impegnarci per mantenere il più possibile contenuti gli aumenti dei costi della salute».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved