autogestiti-davanti-al-lac-ma-c-e-anche-un-tour-in-ticino
Sul piazzale del Lac a Lugano
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
2 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
11 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
12 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
13 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
13 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
13 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
13 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
13 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
13 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
14 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
14 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Ticino
14 ore

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’
Luganese
24.04.2021 - 19:280
Aggiornamento : 25.04.2021 - 15:38

Autogestiti davanti al Lac, ma c’è anche un tour in Ticino

L'assemblea si è svolta in Piazza Luini. La municipale Zanini è intervenuta proponendo di aprire il dialogo con il Municipio, ma è seguito il silenzio

Come già annunciato ieri sera, gli autogestiti si sono ritrovati oggi pomeriggio in Piazza Luini per prendere parte a un'assemblea, la seconda dopo quella svoltasi un mese fa alla Foce. Davanti al Lac, uno dei luoghi storici della città, si sono radunate una cinquantina di persone (non tutte provviste di mascherina), che hanno creato un'agorà, un cerchio con delle panche. I presenti hanno inoltre esposto lo striscione "che sia una rosa o un mattone, difendiamo l'autogestione. Il Molino non si tocca". La polizia c'era, ma si trovava a distanza, sul lungolago.

Nel corso dell'assemblea gli autogestiti hanno sottolineato, in una dozzina di interventi, come il Molino sia uno spazio unico, di libertà, di lotte, di resistenza, di cultura, e hanno evidenziato che l'autogestione non è associabile alla violenza. È stato poi criticato il progetto di riqualifica dell'ex Macello, il quale non prevede l'autogestione. Lugano è stata  definita "una città borghese, dove si abbattono le ville storiche e si favorisce la cementificazione con speculazioni edili". 

A sorpresa, a metà assemblea, è intervenuta a titolo personale ("'non ho sentito i miei colleghi", ha detto) la municipale socialista, Cristina Zanini, che si è proposta di presentare agli autogestiti il progetto di riqualificazione dell'area, la quale "potrebbe trovare uno spazio anche per l'autogestione", ha detto. Al suo intervento è seguito il silenzio, a differenza di tutti gli altri interventi degli autogestiti sostenuti da applausi. Successivamente ha preso la parola uno degli autogestiti, evidenziando che non è il Molino a non volere il dialogo, ma è la Città ad avere "negli anni preso per i fondelli l'autogestione e gli autogestiti". Da noi incontrata prima del suo intervento, la municipale Zanini si era augurata che da questa assemblea potesse emergere una richiesta di dialogo con il Municipio. Ma - se di decisioni si può parlare - la risoluzione emersa nel corso di tutta l'assemblea è stata la decisa volontà da parte degli autogestiti di rimanere all'ex Macello. E i motivi sono venuti dai numerosi interventi - fra i tanti, anche quello di Fausto Beretta-Piccoli, da sempre fervido sostenitore dell'autogestione - che hanno testimoniato come lo spazio al Molino sia necessario, capace di offrire una cultura alternativa "indispensabile per il tessuto cittadino".  

‘Promuovere la cultura dell'autogestione’

Un tour di un giorno in Ticino a favore dell’autogestione. O meglio, della cultura dell’autogestione. A promuoverlo oggi – partendo la mattina dal Meriggio di Losone e facendo tappa pomeridiana dapprima alla Commercio di Bellinzona e poi al Centro studi di Trevano, per finire in serata a Mendrisio – è l’associazione True Vibration: nata nel 2018 per promuovere la musica e la cultura Reggae&Dub in Ticino, oggi vuole agganciarsi al tema dell’autogestione per avviare una riflessione sulla «cultura dell’autogestione». A Bellinzona, sul prato che costeggia la ciclopista dietro la ‘Comme’, compaiono striscioni e il furgone pompa la musica che si diffonde nella vicina golena. Una trentina le persone presenti, per lo più giovani. Qualche passante si ferma incuriosito, viene distribuito un appello. C’è voglia di spiegare. Hanno atteso che Berna allentasse le disposizioni anti-Covid, così da non essere presi per dei provocatori. «Desideriamo sensibilizzare la gente sul fatto che una cultura dell’autogestione è possibile e può essere sostenuta, prestandole la giusta attenzione sia come semplici cittadini, sia come autorità», spiegano al cronista transitato lì per caso. «Promuoverla significa ovviamente supportare l’arte e la cultura ad essa correlate, ma anche ovviamente gli spazi in cui essa può pulsare, e senza i quali si trova in difficoltà. Frequentiamo il Molino di Lugano, ma pur non facendone direttamente parte siamo decisamente per la difesa di quella realtà». Vedere il Molino sotto sgombero “preoccupa”, si legge sul volantino: “Non solo perché un importante tassello della cultura alternativa ticinese rischia di sparire per sempre, dopo 25 anni di attività, di dialogo aperto con la città e di eventi culturali alternativi per un pubblico che altrimenti non avrebbe nulla. Preoccupa perché il messaggio veicolato dalle autorità, quello dello sgombero dell’ex Macello, rischia di deragliare e trasformarsi in una battaglia contro il concetto stesso di autogestione”. «Siamo qui – precisano a Bellinzona gli organizzatori dell’odierno tour ticinese – proprio perché ci stanno a cuore l’arte e la cultura, musicale ma non solo, che l’autogestione è in grado di veicolare e alimentare. Crediamo che sia possibile educare all’autogestione. E confidiamo che si colga l’occasione, che si sfrutti questo momento storico, per rafforzare in tutto il Ticino il concetto di autogestione».

 

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved