autogestiti-davanti-al-lac-ma-c-e-anche-un-tour-in-ticino
Sul piazzale del Lac a Lugano
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
47 min

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
1 ora

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
1 ora

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
1 ora

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
2 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
2 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
2 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
2 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
3 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
3 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
3 ore

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
4 ore

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
Locarnese
4 ore

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
Grigioni
5 ore

Fra i nominati a Museo europeo dell’anno pure quello del Moesano

Durante la premiazione che si è svolta in Estonia (vincitore Museo della Mente dei Paesi Bassi) la struttura grigionese ha ricevuto un prestigioso diploma
24.04.2021 - 19:28
Aggiornamento : 25.04.2021 - 15:38

Autogestiti davanti al Lac, ma c’è anche un tour in Ticino

L'assemblea si è svolta in Piazza Luini. La municipale Zanini è intervenuta proponendo di aprire il dialogo con il Municipio, ma è seguito il silenzio

Come già annunciato ieri sera, gli autogestiti si sono ritrovati oggi pomeriggio in Piazza Luini per prendere parte a un'assemblea, la seconda dopo quella svoltasi un mese fa alla Foce. Davanti al Lac, uno dei luoghi storici della città, si sono radunate una cinquantina di persone (non tutte provviste di mascherina), che hanno creato un'agorà, un cerchio con delle panche. I presenti hanno inoltre esposto lo striscione "che sia una rosa o un mattone, difendiamo l'autogestione. Il Molino non si tocca". La polizia c'era, ma si trovava a distanza, sul lungolago.

Nel corso dell'assemblea gli autogestiti hanno sottolineato, in una dozzina di interventi, come il Molino sia uno spazio unico, di libertà, di lotte, di resistenza, di cultura, e hanno evidenziato che l'autogestione non è associabile alla violenza. È stato poi criticato il progetto di riqualifica dell'ex Macello, il quale non prevede l'autogestione. Lugano è stata  definita "una città borghese, dove si abbattono le ville storiche e si favorisce la cementificazione con speculazioni edili". 

A sorpresa, a metà assemblea, è intervenuta a titolo personale ("'non ho sentito i miei colleghi", ha detto) la municipale socialista, Cristina Zanini, che si è proposta di presentare agli autogestiti il progetto di riqualificazione dell'area, la quale "potrebbe trovare uno spazio anche per l'autogestione", ha detto. Al suo intervento è seguito il silenzio, a differenza di tutti gli altri interventi degli autogestiti sostenuti da applausi. Successivamente ha preso la parola uno degli autogestiti, evidenziando che non è il Molino a non volere il dialogo, ma è la Città ad avere "negli anni preso per i fondelli l'autogestione e gli autogestiti". Da noi incontrata prima del suo intervento, la municipale Zanini si era augurata che da questa assemblea potesse emergere una richiesta di dialogo con il Municipio. Ma - se di decisioni si può parlare - la risoluzione emersa nel corso di tutta l'assemblea è stata la decisa volontà da parte degli autogestiti di rimanere all'ex Macello. E i motivi sono venuti dai numerosi interventi - fra i tanti, anche quello di Fausto Beretta-Piccoli, da sempre fervido sostenitore dell'autogestione - che hanno testimoniato come lo spazio al Molino sia necessario, capace di offrire una cultura alternativa "indispensabile per il tessuto cittadino".  

‘Promuovere la cultura dell'autogestione’

Un tour di un giorno in Ticino a favore dell’autogestione. O meglio, della cultura dell’autogestione. A promuoverlo oggi – partendo la mattina dal Meriggio di Losone e facendo tappa pomeridiana dapprima alla Commercio di Bellinzona e poi al Centro studi di Trevano, per finire in serata a Mendrisio – è l’associazione True Vibration: nata nel 2018 per promuovere la musica e la cultura Reggae&Dub in Ticino, oggi vuole agganciarsi al tema dell’autogestione per avviare una riflessione sulla «cultura dell’autogestione». A Bellinzona, sul prato che costeggia la ciclopista dietro la ‘Comme’, compaiono striscioni e il furgone pompa la musica che si diffonde nella vicina golena. Una trentina le persone presenti, per lo più giovani. Qualche passante si ferma incuriosito, viene distribuito un appello. C’è voglia di spiegare. Hanno atteso che Berna allentasse le disposizioni anti-Covid, così da non essere presi per dei provocatori. «Desideriamo sensibilizzare la gente sul fatto che una cultura dell’autogestione è possibile e può essere sostenuta, prestandole la giusta attenzione sia come semplici cittadini, sia come autorità», spiegano al cronista transitato lì per caso. «Promuoverla significa ovviamente supportare l’arte e la cultura ad essa correlate, ma anche ovviamente gli spazi in cui essa può pulsare, e senza i quali si trova in difficoltà. Frequentiamo il Molino di Lugano, ma pur non facendone direttamente parte siamo decisamente per la difesa di quella realtà». Vedere il Molino sotto sgombero “preoccupa”, si legge sul volantino: “Non solo perché un importante tassello della cultura alternativa ticinese rischia di sparire per sempre, dopo 25 anni di attività, di dialogo aperto con la città e di eventi culturali alternativi per un pubblico che altrimenti non avrebbe nulla. Preoccupa perché il messaggio veicolato dalle autorità, quello dello sgombero dell’ex Macello, rischia di deragliare e trasformarsi in una battaglia contro il concetto stesso di autogestione”. «Siamo qui – precisano a Bellinzona gli organizzatori dell’odierno tour ticinese – proprio perché ci stanno a cuore l’arte e la cultura, musicale ma non solo, che l’autogestione è in grado di veicolare e alimentare. Crediamo che sia possibile educare all’autogestione. E confidiamo che si colga l’occasione, che si sfrutti questo momento storico, per rafforzare in tutto il Ticino il concetto di autogestione».

 

Leggi anche:

Autogestiti in assemblea presso il Lac

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assemblea autogestiti lac
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved