Napoli
3
Lazio
0
1. tempo
(3-0)
CAR Hurricanes
2
WAS Capitals
4
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 2-2)
MIN Wild
2
TB Lightning
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
villaggi-traditi-e-un-processo-alle-intenzioni
Il sindaco di Lugano Marco Borradori (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
3 min

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
2 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
3 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
4 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
4 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
4 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
4 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
4 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Luganese
15.04.2021 - 19:070
Aggiornamento : 19:55

Villaggi traditi? 'È un processo alle intenzioni'

La replica del sindaco di Lugano Marco Borradori: 'Per il Piano direttore comunale, il lavoro riguarda proprio i rapporti centro-periferia'

Quello di villaggitraditi.ch «è un processo alle intenzioni: al Piano direttore comunale stiamo lavorando proprio sui rapporti fra centro e periferia e fra nuclei costruito e aree verdi che sono molto delicati. Non abbiamo ancora finito. Posso accettare critiche relative al ritardo. Ma nei prossimi due anni concluderemo i lavori e potranno vedere anche loro l'esito delle riflessioni portate avanti dall'intero Municipio sulla base degli approfondimenti chiesti a studiosi di livello svizzero». Replica così il sindaco di Lugano Marco Borradori all'articolo pubblicato ieri (oggi sull'edizione cartacea). «Gli approfondimenti proseguono con incontri regolari fra il Municipio e i gruppi scelti – prosegue il sindaco –. Ne sceglieremo uno nei prossimi mesi. Contrariamente a quanto sostengono i promotori del sito, abbiamo idee molto chiare». In effetti, la tempistica combacia con quanto annunciato da Palazzo civico lo scorso novembre.

Glamping, 'è normale che non piaccia a tutti'

Per quanto riguarda, invece, il Glamping previsto a Carona, continua Borradori «capisco ed è lecito che in paese ci sia una parte della popolazione che non vuole questo progetto. Mi preme tuttavia sottolineare che il Glamping rientra in un progetto omogeneo per salvare anche la piscina, questo è l'aspetto importante. Piscina che ha dati di affluenza veramente scarsi per poter garantire il mantenimento. Il progetto permetterà di creare un luogo con una vitalità e un'attrattività in grado di dare nuova vita alla piscina». Non solo. «Noi come Municipio l'abbiamo proposto e il Consiglio comunale l'ha accettato alcuni mesi fa in maniera piuttosto chiara, eliminando la biopiscina – spiega Borradori –. Ho incontrato verso agosto-settembre dell'anno scorso, assieme ai miei colleghi di Municipio, queste persone critiche nei confronti del progetto. Gli abbiamo detto che comprendiamo le obiezioni, ma attenzione perché continuare a criticare tutto vuol dire non fare niente e non far avanzare il paese». A Carona, assicura il sindaco, «abbiamo veramente fatto diverse cose». Questo è riconosciuto anche dal presidente della commissione di quartiere. Sì però, le commissioni sono per metà composte e nominate da membri di partito... «Siamo ancora in una fase di rodaggio, non è facile riuscire a capirci per noi e nemmeno per loro. Riconosco che abbiamo fatto degli errori e non sempre informiamo con il dovuto anticipo le commissioni. Cerchiamo di migliorarci. Però per quanto riguarda Carona e, in generale per tutti gli altri quartieri, gli impegni che ci siamo presi li abbiamo rispettati».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved