Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
1
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:45
 
LENZ J. (GER)
2
STRICKER D. (SUI)
0
fine
(7-5 : 7-5)
Langenthal
Visp
19:46
 
bagnovini-chiederemo-l-obbligo-del-badge-di-riconoscimento
Nicola Bagnovini, direttore della Società impresari costruttori svizzera, sezione Ticino (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 min

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
48 min

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
1 ora

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
1 ora

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
1 ora

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
1 ora

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
1 ora

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
1 ora

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio: in attesa di Campione, il casinò ‘affila le armi’

Due novità – Poker Room e Jackpot – all’Admiral, che si prepara per affrontare il ritorno della concorrenza della sala da gioco dell’enclave
Locarnese
2 ore

Locarno, porte aperte al centro del movimento VitaAttiva

All’interno del nuovo Polo Isolino in via Galli, la giornata inaugurale è in calendario sabato 4 dicembre
Locarnese
2 ore

Locarno e Ascona, Concerto dell’Avvento con il Coro Calliope

Due date (sabato 4 e mercoledì 8 dicembre) e due siti diversi in cui le voci della corale si esibiranno con l’Orchestra da camera locarnese
Mendrisiotto
2 ore

Mercatino di Natale a Riva San Vitale

Domenica 5 dicembre dalle 11 alle 17 nel piazzale a lago. In caso di brutto tempo sarà annullato
Luganese
2 ore

Dal Grott Mobil beneficenza e pranzo di Natale

Sono stati 15mila i franchi destinati a diverse associazioni raccolti durante il 2021 dal gruppo di amici tutti volontari
Luganese
3 ore

Tram-treno, per la progettazione da 17 a 23 milioni

La tormentata gara d’appalto è arrivata all’apertura delle buste, quattro i consorzi partecipanti
Luganese
01.04.2021 - 19:410
Aggiornamento : 20:00

Bagnovini: 'Chiederemo l’obbligo del badge di riconoscimento'

Cantiere Campus Est, sul caso delle segnalazioni il direttore della Ssic-Ticino: 'Di prassi lavorano ferraioli locali, ma non è vietato che vengano da fuori'

«Di prassi, in Ticino lavorano le ditte ferraiole locali». Sul caso del cantiere Campus Est, dove Unia ha intravisto delle infrazioni alla Legge sulle commesse pubbliche segnalandole all'Ufficio di vigilanza competente – mentre la Commissione paritetica cantonale dell'edilizia e del genio civile (Cpceg) ha già multato una ditta subappaltante – abbiamo interpellato anche Nicola Bagnovini. «Visto che ci sono accertamenti in corso preferisco non esprimermi sul caso concreto – premette il direttore della sezione ticinese della Ssic (Società impresari costruttori svizzera) –. Sottolineo tuttavia che la Legge sul mercato interno non vieta alle ditte con sede in altri cantoni di lavorare in Ticino, anzi. Inoltre, il lavoro a cottimo in Svizzera interna a livello di Contratto nazionale mantello (Cnm) non è vietato. Lo è da noi con il Contratto collettivo di lavoro (Ccl). Se una ditta ha sede in un altro cantone, che io sappia non ha l'obbligo di firmare il Ccl, però ha il diritto di operare anche in Ticino rispettando il Cnm. Discorso diverso con le ditte provenienti dall'Italia, che devono rispettare le regole del luogo di esecuzione dei lavori (quindi Ccl compreso, ndr)».

Fra 25 e 35 indagini all'anno. ‘Si, ma su 2'000 cantieri...’

E a proposito di Ccl, il direttore ricorda che «per lottare contro il subappalto selvaggio, abbiamo inserito nel Ccl un articolo (il 16, ndr) dove chiediamo che venga sottoscritto un contratto scritto. La Cpceg può verificare l'esistenza di questi contratti, quindi c'è un controllo. Se una ditta è associata alla Ssic o è firmataria del Ccl deve rispettarne le disposizioni». Che si faccia subappalto per la posa del ferro «non è una novità» sottolinea ancora Bagnovini. Ma è prassi che si vada Oltregottardo a subappaltare? «No, di prassi lavorano le ditte ferraiole locali, capita raramente che vengano chiamate società della Svizzera interna. Non è raro invece che si chieda di cambiare il subappaltatore. E non è per forza una violazione della Legge sulle commesse pubbliche, bisogna capire caso per caso. Dal momento in cui si inoltra l'offerta a quello in cui si acquisisce il lavoro possono passare diversi mesi. Nel capitolato va indicata la ditta scelta per il subappalto, ma ciò non toglie che in quel lasso di tempo le cose possano cambiare e quindi l'impresario costruttore deve chiedere al committente l'autorizzazione a cambiare il subappaltante, mantenendo gli stessi prezzi di capitolato. Se il committente lo concede, è tutto regolare». Nel caso rilevato da Unia, tuttavia, stando al sindacato questa richiesta di cambiamento sembrerebbe essere stata fatta a posteriori: dopo che sul cantiere erano stati segnalati gli operai di una ditta, mentre quella che figurava ufficialmente come subappaltante era un'altra. Bagnovini, infine, non giudica allarmante la cifra fornitaci ieri da Mirko Polli, capoufficio Vigilanza sulle commesse pubbliche, che ha detto che sono in media fra le 25 e le 35 le indagini aperte dall'ufficio: «Sì, ma su oltre 2'000 cantieri...».

‘Chiederemo l'obbligatorietà del badge di riconoscimento’

Poco o tanto che sia, delle infrazioni vengono commesse. Ma già a breve termine potrebbero essercene di meno. «Mi preme sottolineare che da un paio d'anni esiste il Fiac, un progetto nazionale del quale fanno parte datori di lavoro e sindacati e che permette alle ditte di chiedere per ogni lavoratore dei badge con foto, nome, logo della ditta». Si tratta in sostanza di tessere magnetiche di riconoscimento, che vengono emanate dalla Cpceg e pertanto bisogna essere in regola, e che permettono di mantenere un controllo sui cantieri: «Significa che la direzione lavori o il committente possono capire in qualsiasi momento a che ditta appartengono gli operai al lavoro. In più, grazie a un'applicazione per smartphone la Cpceg può verificare se la società in questione è in regola o meno. E quest'app può essere scaricata, su richiesta, anche dai committenti». Il progetto è stato avviato da alcuni anni in Svizzera – «dove ci sono già delle grosse imprese generali come Implenia che ne fanno uso» –, mentre in Ticino è sbarcato da pochi mesi e ci sono già state delle richieste. «Grazie a questo sistema il controllo diventa più facile e se implementato bene potrebbe aiutare a far emergere abusi». Per il momento, pur essendo raccomandato, non è ancora uno strumento obbligatorio, ma c'è l'idea di renderlo tale con il prossimo Cnm (quello attuale scade nel 2023, ndr)».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved