PIT Penguins
0
Detroit Red Wings
1
1. tempo
(0-1)
NY Rangers
MIN Wild
02:00
 
CHI Blackhawks
COL Avalanche
02:30
 
bedano-quell-antenna-5g-rovinera-la-mia-famiglia
Luca Cozzatti e davanti alla modina per la costruzione di un'antenna 5G a Bedano (a sinistra un fotomontaggio realizzato da Cozzatti)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
5 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
5 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
5 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
6 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
6 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
7 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
7 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
7 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
8 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
Locarnese
9 ore

Riazzino, il Vanilla riapre le sale del club

Prima serata dopo quattro mesi di chiusura forzata, domani sera sabato 29 gennaio, con Guè Pequeno, Tony Effe e Dj Matrix
Mendrisiotto
9 ore

Un Piano energetico comunale per Riva San Vitale

Una mozione chiede al Municipio di dotarsi dello strumento. Prima tappa la creazione di un gruppo di lavoro
Bellinzonese
9 ore

Restano ancora chiusi sette sportelli multifunzionali

Lo ha deciso il Municipio considerato il protrarsi della situazione sanitaria
Locarnese
10 ore

Collegamento A2-A13, ‘si vede la luce in fondo al tunnel’

Il Plr distrettuale saluta positivamente la decisione di Berna e sottolinea la necessità di una soluzione definitiva al problema del traffico sul Piano
 
23.03.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:44

Bedano: ‘Quell'antenna 5G rovinerà la mia famiglia’

Una domanda di costruzione inoltrata da Swisscom scatena il panico in paese: un centinaio le firme allegate all'opposizione consegnata in cancelleria

Novantaquattro firme contro il 5G. È un intero quartiere di Bedano a mobilitarsi contro una domanda di costruzione pubblicata il 10 marzo scorso: la Swisscom desidera costruire una nuova antenna per la telefonia mobile alta venticinque metri in zona Gerra. Capofila della ‘sollevazione’ è Luca Cozzatti, che con i suoi quarantacinque metri circa di distanza sarebbe il più vicino al nuovo impianto. «Non contesto tanto la tecnologia 5G in sé – ci spiega –, quanto la posizione: sarebbe troppo vicino non solo a casa mia, ma a un'intera zona residenziale e persino al nucleo. È vero che l'antenna si troverebbe in zona artigianale, ma andrebbe a impattare sul nucleo del paese, che è a poche centinaia di metri. E poi, nel raggio di due chilometri in linea d'aria ci sono almeno cinque installazioni per la telefonia mobile».

‘Sarebbe la costruzione più alta di Bedano, deturperebbe il paesaggio’

Le prime preoccupazioni sono sorte a fine febbraio, quando è apparsa la modina. «Quando l'ho vista, ho subito istintivamente pensato che potesse essere un'antenna – ricorda Cozzatti –. Alcuni giorni più tardi è stata depositata la domanda di costruzione e ho avuto la conferma. Allora mi sono mobilitato, preparando da un lato l'opposizione e dall'altro avvisando i vicini e raccogliendo le firme (consegnate ieri in cancelleria, ndr) a sostegno della mia opposizione». Quest'ultima è articolata in numerosi punti. Pianificatori, in primo luogo. Ad esempio, non sarebbe rispettato il tetto massimo di altezza consentito dall'articolo 36 delle norme di attuazione del Piano regolatore, che parla di otto metri rispettivamente nove nel caso di edifici con tetti a falde. Valori che valgono per qualsiasi manufatto. E l'antenna in questione sarebbe alta venticinque metri, «più di qualsiasi altra costruzione di Bedano: deturperebbe il paesaggio. Queste antenne non si fanno costruire in montagna perché, giustamente, si dice che rovinano il paesaggio ma poi te le piazzano a pochi metri da casa... è un controsenso».

‘Le case perderanno valore, chiederemo un risarcimento’

In realtà, nell'istanza di edificazione non si precisa che l'antenna verrà utilizzata per la tecnologia 5G, sebbene i dati tecnici lo lascino intendere. Ma è la Swisscom stessa a confermarcelo: “Il nuovo palo da venticinque metri sarà ubicato ai margini della zona dei capannoni industriali. Il tutto per supportare le frequenze dai 700 ai 3'600 Megahertz, quindi le tecnologie 3G, 4G e naturalmente anche 5G”. Oltre a questa doverosa precisazione, nell'incarto manca anche un rendering su come potrebbe apparire l'antenna una volta costruita. Una mancanza alla quale ha pensato Cozzatti stesso, che ha creato un fotomontaggio (cfr. immagini) «per dare l'idea dell'impatto sulla zona». Una presenza che avrebbe ripercussioni molto forti sul valore immobiliare delle case: «Secondo delle stime che ho fatto, la mia casa potrebbe perdere anche fino a un 40% del proprio valore – sostiene l'oppositore –. Se volessi venderla, perderei un guadagno significativo». Pertanto: «io, come diversi altri vicini, siamo intenzionati a chiedere anche una domanda di risarcimento alla Swisscom e al proprietario del terreno, perché i nostri immobili perderanno molto valore».

‘Siamo preoccupati per la salute’

Contestazioni pianificatorie, finanziarie e, naturalmente, legate alla salute. L'opposizione cita infatti più pareri, fra questi segnaliamo quello del gruppo consultivo, istituito nel 2014, di esperti in materia di radiazioni non ionizzanti della Confederazione (Berenis): “Nell'edizione speciale di gennaio 2021 della sua newsletter, scaricabile sul sito dell'Ufficio federale dell'ambiente – si legge – è stato pubblicato un rapporto che conclude una pericolosità delle onde elettromagnetiche soprattutto per le persone molto giovani, quelle anziani e coloro che sono sensibili allo stress ossidativo”. «Non si sa ancora se e quanto male facciano queste onde, ma per sicurezza l'antenna si potrebbe mettere da tutt'altra parte – osserva quindi Cozzatti –. Numerosi vicini con bambini o anziani a carico sono preoccupati per la salute, noi per primi: abbiamo un figlio di 10 anni. Quest'antenna rovinerà la mia famiglia».

Il sindaco: ‘Non possiamo far finta di nulla di fronte alle firme’

Appellandosi al principio di precauzione – ossia, nel dubbio: sicurezza e salute della popolazione al primo posto –, gli opponenti chiedono quindi che la domanda di costruzione sia respinta e che non sia concessa una licenza edilizia. «In questa fase la competenza decisionale non è nostra – spiega il sindaco Dario Fraschina –. Stasera (ieri sera, ndr) ne discuteremo in Municipio e valuteremo se accompagnare l'invio all'Ufficio domande di costruzione del Dipartimento del territorio della domanda e dell'opposizione con un nostro preavviso. Di certo, non possiamo far finta di nulla di fronte a tutte queste firme, bisognerà valutare se non ci sono posizioni alternative, più lontane dalla zona residenziale e quindi più idonee». E mentre il Comune si dimostra disponibile al dialogo, chi non ha intenzione di mollare è Cozzatti: «Sì, sono deciso ad andare avanti, e come me altri. Non posso mollare così. Io e mia moglie abbiamo lavorato una vita per permetterci questa casa, ho investito metà della mia Cassa Pensioni. Quando l'abbiamo comprata dieci anni fa mai avremmo pensato che un mostro di metallo ne avrebbe dimezzato il valore».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved