lugano-l-assemblea-del-molino-si-sposta-alla-foce
Un momento dell'assemblea convocata alla foce del Cassarate (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Locarnese, mai più ciclisti allo sbaraglio

Il PaLoc3 prevede per quest’anno la distribuzione di cartine (probabilmente in concomitanza con SlowUp) dedicate alla mobilità lenta
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, il Palio lancia l’appello: ‘mancano asinelli’

Quest’anno la manifestazione compie 40 anni ma ‘non si trovano esemplari con le caratteristiche giuste per partecipare’. A settembre un evento speciale
Mendrisiotto
4 ore

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan
Luganese
4 ore

Melide entra nella videosorveglianza di Lugano

Sottoscritta una convenzione fra i due Comuni. L’accordo è provvisorio: l’adeguamento della base legale è in corso. Telecamere posate in primavera
Ticino
11 ore

Livelli e sperimentazione, domani il giorno del giudizio

Oggi in Gran Consiglio i gruppi hanno anticipato quanto andrà in scena con l’emendamento del governo: sarà tirata, con possibili sorprese
Luganese
12 ore

Parlamento dei giovani di Lugano, eppur qualcosa si muove

Inattivo dal 2017, giovedì quattro ‘aspiranti politici’ incontreranno la responsabile delle politiche giovanili: ‘Si sono proposti loro’
Bellinzonese
13 ore

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione
Luganese
13 ore

Bedano, Stella Maris in rete con la struttura di Mezzovico

Pronto il preventivo 2022 della casa per anziani consorziata. Piace la proposta di accogliere una ventina di utenti per i lavori in Al Vedeggio
Ticino
13 ore

‘La pianificazione ospedaliera non dipende dalla pandemia’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa conferma il ruolino di marcia: entro la fine dell’estate arriverà il messaggio e per il 2023 i mandati
Ticino
14 ore

‘Carcere, nell’autunno 2023 l’apertura della sezione femminile’

Così Norman Gobbi in Gran Consiglio. Undici celle, di cui una per detenuta con bambino, per le donne in espiazione di pena o in esecuzione anticipata
20.03.2021 - 17:340
Aggiornamento : 21.03.2021 - 19:26

Lugano, l'assemblea del Molino si sposta alla Foce

Riunione allargata fra 'vecchi' e nuovi sostenitori dell'autogestione. Numerosi gli interventi. Polizia presente con qualche agente in borghese

Circa duecento persone hanno preso parte nel primo pomeriggio di oggi all’assemblea allargata del centro sociale in zona foce del Cassarate. Un'assemblea indetta dopo la decisione presa giovedì scorso a maggioranza dal Municipio di Lugano (4 favorevoli: il sindaco di Lugano Marco Borradori, il vicesindaco Michele Bertini, Lorenzo Quadri e Michele Foletti; contrari Cristina Zanini Barzaghi, Angelo Jelmini e Roberto Badaracco) che ha dato una sorta di ultimatum al centro sociale. In un clima molto tranquillo, si sono susseguiti diversi interventi che hanno ribadito la necessità dell'esperienza di autogestione a Lugano, avviata 25 anni fa con l'occupazione degli ex Mulini Bernasconi a Viganello. «L'autogestione prende la forma di chi la vive e di chi la crea – è stato detto –. È una forma di partecipazione e di autodeterminazione personale e collettiva». Essendo, l'autogestione, per definizione «contro le logiche patriarcali e autoritarie attuate dal sistema politico ed economico, non vuole e non può sottostare alle regole», è stato ribadito. «Non siamo e non vogliamo essere un'isola felice» è stato inoltre chiarito da chi ha insistito sul fatto che «ci battiamo per avere spazi di libertà». Le discussioni sono continuate per oltre due ore e mezza senza poliziotti in divisa anche se qualche agente in borghese era presente.

Quale resistenza nel contesto pandemico?

Il senso dell'assemblea di oggi è quello di «discutere sulle modalità e le forme per portare la resistenza nella società in questo contesto pandemico che stiamo vivendo. Lo stesso intento della manifestazione di fine ottobre scorso a Molino Nuovo». Di fatto, è stato sottolineato, la pandemia «sta mettendo in evidenza le dinamiche già in atto prima, dinamiche di iper controllo e di riduzione delle libertà individuali e collettive». Dalle ragioni alla storia: «Noi, da 25 anni, abbiamo sempre espresso la nostra critica e la nostra lotta contro le derive sociali, economiche e politiche della società», è stato ricordato. «Non calateci lezioni dall'alto su come dovremmo praticare l'autogestione», è stato messo in evidenza. «Venticinque anni fa e prima dell'occupazione già facevamo lotta politica. Allora, ci dicemmo che senza uno spazio non avremmo potuto andare lontano». Oggi, «chiediamoci quale sia il livello di priorità dell'ex Macello. Non bisogna temere il dialogo con le autorità politiche, non per forza è una posizione di debolezza». L'invito al dialogo è stato però anche messo in dubbio: «Non con questo Municipio». Ci sono poi stati interventi e testimonianze a favore dell'autogestione come spazio di libera espressione culturale, musicale e di idee, che non troverebbero spazio altrove né nelle «forme di mercificazione culturale in vigore oggi come in passato». Altri interventi hanno posto l'interrogativo su come reagire di fronte al «recente ricatto del Municipio di Lugano, un ricatto usato già in passato dall'autorità. Noi dovremmo scendere a patti con chi ci ricatta?» C'è anche chi ha chiesto una presa di distanza nei confronti di chi si è reso protagonista di episodi di violenza alla stazione Ffs di Lugano lunedì 8 marzo e in piazza Molino nuovo lo scorso ottobre.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved