la-santa-non-una-condanna-ma-una-terapia-per-l-incendiaria
Gli esterni della pensione La Santa di Viganello, teatro nel dicembre 2019 di un pestaggio a morte e di un incendio intenzionale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
1 ora

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
11 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
12 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
13 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
09.03.2021 - 17:48
Aggiornamento: 19:00

La Santa, non una condanna ma una terapia per l'incendiaria

La Corte ha predisposto un trattamento stazionario in struttura chiusa per la 30enne che appiccò l'incendio nella pensione dopo la morte di Matteo Cantoreggi

Sarà trasferita in una struttura chiusa per un trattamento stazionario la 30enne che ha appiccato un incendio alla pensione La Santa di Viganello il 28 dicembre 2019. La Corte delle Assise criminali di Lugano presieduta da Mauro Ermani ha quindi accolto l'istanza di adozione di misure terapeutiche formulata stamattina dal procuratore pubblico Pablo Fäh. «Che non sia imputabile lo dice la perizia giudiziaria – ha ricordato il giudice –, la sua capacità di valutare quanto stava facendo era completamente inesistente. Tuttavia, visto il suo vissuto e i suoi precedenti i tempi non risultano maturi per un suo trasferimento in una struttura aperta». Decidere concretamente riguardo a quest'ultimo aspetto toccherà tuttavia al Giudice dei procedimenti coercitivi: l'imputata pertanto è stata riaccompagnata al penitenziario in attesa che venga presa la decisione su luogo dove la donna dovrà affrontare il trattamento stazionario ordinatole.

Notte da sballo prima dell'incendio

Ermani ha poi brevemente ricordato quanto avvenuto quella notte, dinamica per altro già a grandi linee tracciata stamane. Qualche dettaglio in più tuttavia è emerso: oltre al forte abuso di alcol, la giovane avrebbe fatto uso anche di cocaina in un noto locale notturno e nelle ore precedenti all'incendio avrebbe manifestato a più d'un amico l'intenzione di voler dar fuoco alla pensione, esternazioni che tuttavia non sarebbero state prese sul serio. Come sappiamo, l'imputata è poi passata dalle parole ai fatti. «Questa Corte non ha dubbi sul fatto che sia stato almeno incendio intenzionale, ossia un crimine – ha precisato Ermani: seppur non sia stata pronunciata una condanna vera e propria, il giudice ha voluto far chiarezza sulla qualifica giuridica dato che l'accusa aveva ipotizzato diversi reati –. È evidente che il fuoco da lei appiccato non solo ha causato danni materiali ma ha seriamente messo in pericolo l'incolumità delle persone».

‘La strada appare ancora lunga’

A pesare sulla decisione della Corte alcuni elementi emersi durante l'interrogatorio: «L'imputata ha scarsa coscienza del proprio disturbo, sottovaluta la problematica relativa all'uso di alcol. La strada appare ancora molto lunga. In passato diverse misure sono fallite, a seguito di frequenti fughe dell'imputata e il giudizio che la stessa dà riguardo alle prese a carico meno custodialistiche non è positivo. I progressi sono avvenuti in un ambiente estremamente contenitivo, che non rendono maturo in un suo trasferimento in una struttura aperta. Inoltre, purtroppo non è nuova ad appiccare il fuoco in situazioni di stress psicologico». La Corte ha infine concordato con l'avvocata Alessia Angelinetta sulla necessità di una psicoterapia seria e strutturata da effettuare in una struttura adeguata e non in carcere.

Leggi anche:

Incendio alla Santa: 'Aveva in testa solo la morte di Matteo'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved