la-santa-non-una-condanna-ma-una-terapia-per-l-incendiaria
Gli esterni della pensione La Santa di Viganello, teatro nel dicembre 2019 di un pestaggio a morte e di un incendio intenzionale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
26 min

Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino

47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1°dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Locarnese
28 min

Serata letteraria con Brunoni e Mancini ad Aurigeno

Due scrittori locarnesi emergenti dialogheranno con il professo massimo Frapolli e il pubblico
Locarnese
2 ore

Brissago, il Municipio ‘si tuffa dal trampolino’

Al Consiglio comunale il credito per rifare le due piattaforme a lago del Lido comunale, sistemare la zattera e sostituire le boe di demarcazione
Ticino
3 ore

Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri

Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Mendrisiotto
4 ore

Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare

Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Ticino
4 ore

Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi

Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Economia
4 ore

‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’

Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
Grigioni
12 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
15 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Luganese
09.03.2021 - 17:480
Aggiornamento : 19:00

La Santa, non una condanna ma una terapia per l'incendiaria

La Corte ha predisposto un trattamento stazionario in struttura chiusa per la 30enne che appiccò l'incendio nella pensione dopo la morte di Matteo Cantoreggi

Sarà trasferita in una struttura chiusa per un trattamento stazionario la 30enne che ha appiccato un incendio alla pensione La Santa di Viganello il 28 dicembre 2019. La Corte delle Assise criminali di Lugano presieduta da Mauro Ermani ha quindi accolto l'istanza di adozione di misure terapeutiche formulata stamattina dal procuratore pubblico Pablo Fäh. «Che non sia imputabile lo dice la perizia giudiziaria – ha ricordato il giudice –, la sua capacità di valutare quanto stava facendo era completamente inesistente. Tuttavia, visto il suo vissuto e i suoi precedenti i tempi non risultano maturi per un suo trasferimento in una struttura aperta». Decidere concretamente riguardo a quest'ultimo aspetto toccherà tuttavia al Giudice dei procedimenti coercitivi: l'imputata pertanto è stata riaccompagnata al penitenziario in attesa che venga presa la decisione su luogo dove la donna dovrà affrontare il trattamento stazionario ordinatole.

Notte da sballo prima dell'incendio

Ermani ha poi brevemente ricordato quanto avvenuto quella notte, dinamica per altro già a grandi linee tracciata stamane. Qualche dettaglio in più tuttavia è emerso: oltre al forte abuso di alcol, la giovane avrebbe fatto uso anche di cocaina in un noto locale notturno e nelle ore precedenti all'incendio avrebbe manifestato a più d'un amico l'intenzione di voler dar fuoco alla pensione, esternazioni che tuttavia non sarebbero state prese sul serio. Come sappiamo, l'imputata è poi passata dalle parole ai fatti. «Questa Corte non ha dubbi sul fatto che sia stato almeno incendio intenzionale, ossia un crimine – ha precisato Ermani: seppur non sia stata pronunciata una condanna vera e propria, il giudice ha voluto far chiarezza sulla qualifica giuridica dato che l'accusa aveva ipotizzato diversi reati –. È evidente che il fuoco da lei appiccato non solo ha causato danni materiali ma ha seriamente messo in pericolo l'incolumità delle persone».

‘La strada appare ancora lunga’

A pesare sulla decisione della Corte alcuni elementi emersi durante l'interrogatorio: «L'imputata ha scarsa coscienza del proprio disturbo, sottovaluta la problematica relativa all'uso di alcol. La strada appare ancora molto lunga. In passato diverse misure sono fallite, a seguito di frequenti fughe dell'imputata e il giudizio che la stessa dà riguardo alle prese a carico meno custodialistiche non è positivo. I progressi sono avvenuti in un ambiente estremamente contenitivo, che non rendono maturo in un suo trasferimento in una struttura aperta. Inoltre, purtroppo non è nuova ad appiccare il fuoco in situazioni di stress psicologico». La Corte ha infine concordato con l'avvocata Alessia Angelinetta sulla necessità di una psicoterapia seria e strutturata da effettuare in una struttura adeguata e non in carcere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved