menzognera-la-versione-dell-accoltellatore-6-anni
Rescue Media
Il luogo dell'accoltellamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’

Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
Ticino
6 ore

Refezione scuola infanzia, facoltativa per alcuni allievi

La maggioranza commissionale con il rapporto di Ghisletta
Ticino
7 ore

Ermotti-Lepori: ‘Calcoli fuorvianti’. Filippini: ‘No, legittimi’

È polemica per il rapporto sull’iniziativa che chiede al Cantone un abbonamento Arcobaleno per i deputati che rinunciano al rimborso spese per trasferte
Ticino
7 ore

Preture di protezione, sì al voto preliminare dei cittadini

Riorganizzazione tutorie: la commissione parlamentare firma il rapporto stilato da Luca Pagani e Sabrina Aldi. Sei i correlatori
Ticino
8 ore

‘La lotta al riciclaggio è pane quotidiano per i fiduciari’

Cristina Maderni, presidente della Ftaf, ricorda che la legge è vincolante per chi opera nella gestione dei patrimoni. ‘Ma il tema è di tutta l’economia’
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona, Castles & Go pronta a scattare

Domenica 29 maggio si terrà la prima edizione della corsa podistico-culturale in stile medievale
Mendrisiotto
9 ore

Marito violento condannato anche in Appello

La Corte riduce, però, la pena di tre anni e infligge tre anni e sei mesi. Caduta l’accusa di tentato omicidio
Ticino
10 ore

Nuove tecnologie, la ticinese Arca24 vince un premio in America

Vinta l’edizione 2022 dell’HR Tech Award, organizzato da una società di analisi degli Stati Uniti
Locarnese
10 ore

Il mercato dell’artigianato anima il villaggio di Avegno

Giovedì 26 maggio grazie all’Associazione Artigiani di Vallemaggia. A pranzo risotto e luganighe. Musica con i Gyrumetha
Ticino
10 ore

Allerta temporale, da Russo a Malvaglia (e a Nord del Gottardo)

Il fronte del maltempo dovrebbe portare con sé grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Allarme di intensità rossa
24.02.2021 - 11:43
Aggiornamento : 15:38

'Menzognera la versione dell'accoltellatore': 6 anni

La Corte delle assise criminali di Lugano ha riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale il 38enne iracheno. Ha agito per gelosia

«L'imputato è stato discontinuo nel racconto della sua versione. Ha agito per essersi sentito tradito, per il fatto che l'amico aveva trascorso la domenica con la sua ex moglie e i suoi figli nei Grigioni. Aveva detto di essere geloso nei confronti della vittima e poi ieri invece, smentendo questa versione, ha detto che era geloso per i figli. Illogica rimane comunque la descrizione dell'accoltellamento avvenuto ai posteggi del supermercato Aldi di Pregassona, il 20 luglio scorso». Si conclude con una condanna a 6 di carcere e 10 anni di espulsione dalla Svizzera il processo nei confronti del 38enne iracheno che accoltellò in pieno giorno un suo connazionale 36enne. 

'L'imputato è apparso confuso su tutta la dinamica'

«Diverse le divergenze. L'imputato è apparso confuso su tutta la dinamica. Inoltre, le tracce di sangue erano copiose e secondo la ricostruzione della Corte la ferita inferta alla vittima al collo dall'autore con un coltellino apri pacchi, nelle vicinanze della carotide, è avvenuta prima, mentre i due protagonisti erano ancora in piedi» - ha evidenziato il giudice Amos Pagnamenta, presidente della Corte, durante la lettura della sentenza. L'imputato ieri ha invece sostenuto che l'accoltellamento è avvenuto una volta a terra, mentre la vittima lo sovrastava, lasciando intendere un atto di autodifesa. Nulla di più falso, secondo i giudici. «I video diffusisi sui social network delle fasi conclusive della lite mostrano incongruenze nel racconto dell'accoltellamento da parte dell'imputato. Egli non è credibile, le dichiarazioni sono sprovviste di logica, ha mentito. Palesi, inoltre, le modifiche continue di versione» - ha sottolineato il giudice Pagnamenta. 

Credibile invece è risultata la vittima: la sua versione ha trovato oggettivi riscontri - ha detto il presidente della Corte. L'atto d'accusa è stato integralmente confermato. Il 38enne iracheno è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale per dolo eventuale. Secondo la corte, il 38enne ha voluto sfigurare il volto della vittima, «ma la ferita al collo è stata grave e solo per circostanze fortuite si è sfiorata la tragedia». 

Ancora il presidente della Corte: «Il 38enne non ha esitato di mettere a repentaglio la vita del connazionale. Per motivi incomprensibili: la gelosia verso i figli o verso la moglie. Ha agito in modo vigliacco, tenendo nascosta l'arma e usando spregiudicatezza verso il suo ex amico». Secondo i giudici, l'autore era in grado di riconoscere l'illegalità dei suoi atti e possiede una predisposizione a delinquere. «Ha mentito, ha cambiato versione, si è mostrato reticente e non ha mai mostrato particolare pentimento. Lui stesso è parso sentirsi la vittima. Per la Corte non vi sono dubbi: Il 38enne «ha tentato di uccidere il suo connazionale». 

La difesa non esclude di ricorrere in Appello contro la sentenza

Ieri il procuratore pubblico, Roberto Ruggeri, aveva proposto una pena di 6 anni e mezzo di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per 10 anni nei confronti del 38enne iracheno. La difesa, rappresentata dall'avvocato Niccolò Giovanettina, si era invece battuta per una condanna massima di 12 mesi posti al beneficio della sospensione condizionale, sostenendo come il reato fosse quello di lesioni semplici qualificate. Stamane il legale non ha escluso di inoltrare ricorso in Appello. «Presenterò l'annuncio di ricorso e dopo la lettura della sentenza deciderò»

Leggi anche:

Lite col coltello a Pregassona, due feriti

Lugano, chiesti 6 anni e mezzo per l'accoltellamento

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
38enne iracheno accoltellamento
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved