mortale-di-grancia-ne-disagio-sociale-ne-corse-clandestine
Fiori, bigliettini e candele: il luogo dell'incidente a Grancia trasformato in luogo di dolore e di ricordo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
26 min

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
Locarnese
1 ora

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
Bellinzonese
1 ora

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Ticino
1 ora

Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità

Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Locarnese
1 ora

Ppd di Gordola, Comotti confermato presidente

Il vicesindaco René Grossi e Laura Lonni si sono intanto messi a disposizione del Distretto per la corsa al parlamento
Bellinzonese
1 ora

Monte Carasso, finissage della World Press Photo Exhibition

Lunedì 30 maggio, dalle 18, il pubblico potrà visitare gratuitamente la mostra con il meglio del fotogiornalismo mondiale
Locarnese
1 ora

Locarno, la Festa dei vicini

In programma musica, animazioni per i più piccoli, banco del dolce e maccheronata. A seguire, la proiezione di un filmato
Locarnese
2 ore

Locarno, i ghiacciai scendono in città

Nella sala multiuso del PalaCinema una mostra. Tra i temi affrontati, anche lo scioglimento causato dai cambiamenti climatici
Locarnese
2 ore

Anà con Togo: acqua, microprogetti e nomine

A Cavergno si è svolta l’assemblea dell’associazione attiva in Africa
Bellinzonese
2 ore

Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi

Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
3 ore

In piazza contro l’aumento delle spese militari

Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
3 ore

‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos

La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
Grigioni
3 ore

Ferite per un giovane motociclista a Lostallo

Incidente della circolazione per un 21enne allievo conducente ieri pomeriggio sulla H13 che da Bellinzona porta a San Bernardino
Locarnese
4 ore

Il Cantiere della gioventù: riviverlo 51 anni dopo

Locarno, domenica ai Giardini Rusca l’evento dedicato al primo centro autogestito del Ticino, promosso in Città nel ’71
Locarnese
4 ore

A Magadino il concerto ‘Bollenti spiriti’

L’Orchestra da camera di Lugano e Michele Fedrigotti propongono capolavori giovanili di due celebri musicisti
Locarnese
4 ore

Locarno, due nuovi membri nel Cda della Raiffeisen

L’assemblea generale degli oltre 1’500 soci approva (per corrispondenza) nomine e conti
laR
 
14.02.2021 - 19:05
Aggiornamento : 23:15

Mortale di Grancia: ‘Né disagio sociale né corse clandestine’

Mentre l'inchiesta è ancora alle prime fasi, si delineano i primi contorni della tragedia: sul posto non vi erano altre auto e il conducente non era ubriaco

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Né un particolare disagio sociale né tantomeno corse clandestine. Piuttosto, una tragica fatalità intrecciata a poca esperienza, distrazioni o altri fattori tutti ancora da provare. L'inchiesta è ancora alle primissime battute, ma stanno cominciando a delinearsi i contorni dell'incidente stradale che venerdì sera è costato la vita a una 17enne del Luganese.

‘Segnalazioni, ma facciamo controlli’

In particolare, è l'ombra delle corse in auto illegali a essersi allungata sulla tragedia di Grancia. Un'ipotesi già ieri ridimensionata dalle dichiarazioni rilasciateci dal sindaco Paolo Ramelli e sulla quale abbiamo interrogato anche oggi anche la Polizia cantonale. «Delle segnalazioni ci giungono quotidianamente da tutto il cantone e quindi regolarmente facciamo dei controlli – spiega il portavoce Claudio Ferrari –. Quella non è una zona particolarmente segnalata. Sappiamo che ci sono delle situazioni che dobbiamo tenere d'occhio e lo facciamo, ma non riteniamo che lì ci sia un problema grave di questo genere. Con le informazioni sinora raccolte, non siamo al livello di dire che si è trattato di una corsa clandestina».

‘Se fosse un problema, saremmo corsi ai ripari’

Eppure, quella è notoriamente – e da tanti anni, ben prima della pandemia e del lockdown – una zona di ritrovo di ragazzi durante le serate, quando i negozi sono chiusi. «Sì questo lo sappiamo – conferma Ferrari –. Lì ci sono anche delle case ed è possibile che dei rumori dovuti ad auto che passano a velocità un po' più sostenute o frenate possano infastidire. Da lì a dire che si ritrovano tutti i finesettimana per fare le gare, ce ne corre. Se anche fosse successo una volta o due, alla terza le nostre pattuglie avrebbero bloccato il tutto. Ma questo non è avvenuto. Ribadisco che abbiamo delle segnalazioni, che provengono un po' da tutto il cantone e che di volta in volta vengono valutate, ma se fosse veramente un problema saremmo corsi ai ripari». E in effetti, in quella zona di parcheggi e strade di accesso alle aree commerciali e industriali, non sono state posate particolari barriere per vietare l'accesso, segno che – anche per i proprietari stessi – non si tratterebbe di una problematica molto sentita. «Credo ci siano posti più discosti per fare eventualmente questo genere di cose, rispetto all'area dei centri commerciali dove ci sono numerose telecamere e che per sua stessa natura richiama delle pattuglie a fare dei controlli».

Numerose telecamere

Appunto, altro deterrente: le telecamere. Nella zona, nella strada stessa dove è avvenuta la disgrazia, ce ne sono parecchie. «Le stiamo guardano e ci serviranno a ricostruire esattamente la dinamica» precisa il nostro interlocutore. Oltre alla videosorveglianza, le testimonianze, naturalmente. Alcuni verbali sono già stati fatti, ma mancano quelli forse più importanti: ai quattro protagonisti dell'incidente superstiti. Fra ieri e oggi tre di loro – compreso il conducente – sono stati dimessi dall'ospedale, mentre le condizioni di salute di uno dei 16enni restano talmente gravi da metterne ancora a rischio la vita. Fatto significativo: tutti i testimoni interrogati dalla polizia – compreso il primo, accorso dopo il colpo udito e che ha allertato le forze dell'ordine e i soccorsi – sono giunti sul posto solo in un secondo momento. La sera dell'incidente, la Volkswagen Polo era l'unica auto in quella strada, in quel momento.

Il 20enne non aveva bevuto alcol

La Polizia smentisce anche un'altra speculazione rincorsasi in questi giorni sul web: il 20enne alla guida aveva la patente. Certo, solo da un anno ed era ancora in prova: è per questo che c'era una ‘L’ sul luogo dell'incidente, non perché fosse un allievo. La sua responsabilità, essendoci tre persone ferite e una morta, ha portato automaticamente all'avvio un'inchiesta per omicidio colposo, come generalmente accade in situazioni come questa. Le ragioni dello schianto verranno chiarite dagli accertamenti, ma al momento sembrerebbe profilarsi un'attenuante: il giovane non avrebbe bevuto alcol.

Fattore (poca) esperienza

Più che l'alcol avrebbe pesato, verosimilmente, l'inesperienza del giovane conducente. «Sì, è un fattore certamente da tenere in considerazione – conferma Ferrari –. Essere in un'auto in una persona o in cinque cambia molto, modifica il peso e se non si ha l'esperienza per valutare quest'aspetto è anche più facile perdere il controllo...». Senza volersi ulteriormente sbilanciare nell'attesa che l'inchiesta faccia il suo corso, il portavoce della Polizia cantonale ricorda una volta in più l'importanza di «fare attenzione e mantenere alta la concentrazione quando ci si mette alla guida, soprattutto se non si è da soli».

‘Riposa in pace angelo’

Intanto, il luogo dell'incidente si è trasformato durante il weekend in meta di pellegrinaggio per numerosi curiosi e, naturalmente, per amici e famigliari della giovane vittima. Fiori, candele, e bigliettini per esprimere il dolore o anche solo il pensiero per chi non c'è più. “Riposa in pace angelo. Ti porteremo per sempre nei nostri cuori” recita un ricordo, “sei straordinaria e lassù in cielo erano invidiosi di lasciarci un angelo così prezioso. Ti ricorderò per sempre”, si legge su un altro.

Leggi anche:

Grave incidente a Grancia: muore una 17enne

Mortale di Grancia: 'Sentivo piangere e urlare di dolore'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grancia incidente mortale incidente mortale grancia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved