lugano-trafficano-sette-chili-di-cocaina-in-due-a-processo
Secondo la pubblica accusa i due imputati sarebbero dei grossisti nel traffico di cocaina (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
14 min

Locarno, revocato il credito per l’autosilo ai Monti

Vizi di forma: il legislativo deve fare marcia indietro. Rinnovato l’Ufficio presidenziale: nuovo primo cittadino è Mauro Belgeri (Per Locarno)
Ticino
1 ora

Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia

Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
1 ora

Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
2 ore

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
3 ore

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
3 ore

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
3 ore

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
4 ore

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
4 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
4 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
5 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
5 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
5 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
5 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
5 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
03.02.2021 - 17:44

Lugano: trafficano sette chili di cocaina, in due a processo

La procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis ha chiesto cinque anni e mezzo e sei anni e mezzo per due uomini di 39 e 57 anni

Oltre sette chili di cocaina fra trasporto, detenzione e vendita. Sono due gli imputati nel processo iniziato oggi alle Assise criminali di Lugano per infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti, soggiorno illegale e riciclaggio di denaro. Due uomini di 39 e 57 anni, entrambi cittadini dominicani residenti in Spagna, ma che in Svizzera avrebbero partecipato a un traffico importante di droga. Come base operativa i due avrebbero utilizzato un appartamento condiviso a Porza, dove le forze dell'ordine hanno fatto irruzione arrestandoli nell'estate del 2019 e sequestrando significative quantità di cocaina.

La pubblica accusa: ‘Sono grossisti’

«Alla luce di tali ritrovamenti è subito apparso chiaro che si trattava di grossisti, che stavano detenendo la droga per tagliarla e successivamente rivenderla al dettaglio» ha detto la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis. E d'altra parte, come ha ricordato la pp durante la requisitoria, quest'inchiesta trae origina da un'altra più grossa del 2017, relativa a un vastissimo traffico internazionale di cocaina fra Sud America ed Europa, che coinvolgeva almeno una dozzina di Paesi, Svizzera compresa. Durante l'inchiesa, coordinata principalmente dai Paesi dell'Unione europea, furono scoperti – fra gli altri controlli – 170 chili al porto di Anversa (Belgio) e addirittura 5'500 chili di cocaina pronti a salpare al porto di Guayaquil (Ecuador). Ne emerse una rete criminale complessa, con un'organizzazione ben coordinata nella raccolta della droga, nella pianificazione dei viaggi, nel trasporto, nella distribuzione ai terminali, nel recupero dei mezzi finanziari.

Parte di un vasto traffico internazionale

Decine le persone processate e condannate, diverse anche in Svizzera. E proprio Svizzera e Ticino si sono profilati durante le indagini non come semplici mercati finali ma anche quali zone di passaggio e di deposito della droga. Emblematico a tal proposito il caso di una partita di stupefacente depositata a Locarno e successivamente trasportata a Como per essere lì rivenduta. Ebbene, già durante quella maxi inchiesta il nome dei due era emerso, ha sottolineato la pp, sebbene quello del 39enne con un nome fittizio: oltre alla propria, gli inquirenti sono risaliti ad altre quattro sue identità. «Nel 2018 ulteriori indagini hanno portato ad altri arresti in Ticino – ha aggiunto Canonica Alexakis –. Fra questi, un trafficante che si recava regolarmente nell'appartamento di Porza dove sono stati arrestati i due imputati».

Chieste massicce riduzioni di pena dalla difesa

Il 57enne è accusato di aver trafficato circa 2,7 chili di droga, fra Ticino, Berna, Zurigo e Ginevra. In quest'ultimo cantone è già stato fermato e ha già trascorso un periodo in carcere. È sostanzialmente reo confesso, sebbene alcuni quantitavi siano contestati. L'avvocata Sandra Xavier riconosce infatti, fra vendita, trasporto e detenzione, circa 1,8 chili complessivi, chiedendo una pena di trentasei mesi di detenzione. Più importanti le quantità (4,5 chili circa) contestate al 39enne invece, che avrebbe agito prevalentemente in Ticino e che a differenza dell'altro imputato ha già sulle spalle altre condanne sia in Svizzera sia in Spagna. Più grave pertanto la sua richiesta di condanna: sei anni e sei mesi, che il difensore Stefano Will ha chiesto di ridurre al massimo a tre anni e otto mesi, riconoscendo globalmente 2,1 chili di traffico.

Fra sincero pentimento e mancati confronti

Oltre a contestare determinati importi e il ruolo del proprio assistito nei traffici, Xavier – richiamando anche una sentenza del Tribunale federale – ha sostenuto che l'ampia collaborazione fornita dal 57enne, grazie al quale si è risaliti ad altri protagonisti del giro, possa assurgere all'attenuante del sincero pentimento. Will dal canto suo, assistendo un imputato che ha collaborato decisamente meno, ha criticato alcune testimonianze, il fatto che non ci siano stati alcuni confronti fra l'accusato e un paio di testimoni accusatori, e una fotografia scattata da uno di questi ultimi che attesterebbe la presenza di importanti dosi di cocaina nell'appartamento di Porza: «Non vi è alcun elemento probatorio a supporto dell'ipotesi che si tratti di cocaina». Entrambi i legali hanno inoltre sottolineato che è stato violato il principio di celerità: fra carcerazione preventiva ed esecuzione anticipata della pena, i due si trovano in detenzione da circa un anno e mezzo.

Domani la sentenza

La pp ha evidenziato che in entrambi i casi si tratta di una colpa grave sia dal profilo oggettivo che da quello soggettivo: hanno commesso dei reati gravi per il bene protetto, ossia la salute pubblica, e hanno agito mossi dal facile guadagno, rispettivamente. Il 39enne in particolare, secondo i calcoli della pubblica accusa, avrebbe guadagnato dal 2016 al 2019 quasi 200'000 franchi con il traffico di cocaina. Per entrambi inoltre è stato chiesta l'espulsione dalla Svizzera per quindici anni, il massimo previsto dalla legge. Sia il 57enne che il 39enne si sono detti dispiaciuti e pentiti di quanto fatto, da parte loro. La sentenza è prevista domani.

 

Leggi anche:

Spaccio di coca, 'traffico internazionale da tonnellate'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assise criminali lugano cocaina petra canonica alexakis sandra xavier stefano will
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved