bodycam-cocchi-scettici-ma-al-via-progetto-con-lugano
Matteo Cocchi, comandante della Polizia cantonale (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
35 min

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
1 ora

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
1 ora

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
2 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
2 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
3 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
4 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
5 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
5 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
6 ore

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
6 ore

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
7 ore

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
9 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
13 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
13 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
1 gior

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
07.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 10:12

Bodycam, Cocchi: ‘Scettici, ma al via progetto con Lugano’

Intervista al comandante della Polizia cantonale: a breve partirà un progetto pilota con la Polcom della Città per testare i sistemi di videosorveglianza

Dubbi e perplessità, ma si procede. Pur senza suscitare troppo entusiasmo da parte delle autorità cantonali, il progetto pilota di utilizzo delle bodycam e delle dashcam – videocamere montate rispettivamente sull'agente e sull'auto di polizia – in collaborazione fra Polizia della Città di Lugano e Polizia cantonale, annunciato a fine ottobre, entrerà a breve nel vivo. La questione è tornata d'attualità dopo il recente intervento della Polcom al Quartiere Maghetti. Il fermo di un 18enne, poi denunciato per impedimenti di atti di autorità e danneggiamento, è finito al centro delle critiche social: per placcare il ragazzo sono intervenuti quattro agenti, la scena è stata ripresa da un altro giovane lì presente ed è stata diffusa online, suscitando accuse di eccessivo uso della forza su Instagram e Facebook.

L'intervento è stato invece difeso dal comandante della Polcom Roberto Torrente e dal capodicastero Michele Bertini, che oltre a spiegare le responsabilità del ragazzo hanno entrambi ribadito la necessità dell'utilizzo delle bodycam in situazioni come questa, «per riprendere l'intervento dall'inizio alla fine». Stesso discorso per le dashcam, la cui esigenza risale ancora al 2013, quando due agenti della Comunale – poi condannati nel 2014 – avevano fermato in città un uomo, portandolo poi ad Arogno, picchiandolo e abbandonandolo lì. La volontà della più grande Polcom del cantone di dotarsi di questi sistemi di videosorveglianza non è quindi una novità. Le apparecchiature sono infatti già state acquistate nel 2017, seppur il loro utilizzo sia stato sospeso dato che manca tuttora una legislazione che lo permetta.

Per fare il punto sul discusso argomento abbiamo sentito il comandante della Poliza cantonale, Matteo Cocchi.

Come mai si è deciso di procedere con un progetto pilota di questo tipo?

Il Comando della Polizia cantonale condivide e sostiene la posizione della Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali della Svizzera (Ccpcs), scettica, al momento, sulla loro introduzione a largo raggio. Nonostante questo parere, in collaborazione con la Polizia Città di Lugano, su mandato della Conferenza cantonale consultiva sulla sicurezza, verrà inizializzato un progetto specifico con l’obiettivo di testare il funzionamento, le possibilità offerte dalle nuove tecnologie così come tutte le procedure legate al loro utilizzo sul terreno da parte degli agenti e in sede di analisi e stoccaggio a livello centrale. L’iniziativa prenderà il via nel corso dei prossimi mesi e, vista la sua complessità, non sarà di breve durata e dovrà tener conto pure delle perplessità indicate dell’incaricato cantonale della protezione dei dati. I risultati del progetto dovranno permettere di valutare l’eventuale possibilità di implementare il loro utilizzo presso il Corpo della Cantonale oltre che, con una modifica legislativa, di estenderne l’impiego anche agli agenti delle Polizie comunali.

E a che punto è questa modifica di legge?

A livello generale, il progetto di revisione della Legge sulla polizia (Lpol) è bloccato poiché è ancora pendente al Tribunale federale il ricorso contro gli emendamenti della stessa concernenti la custodia di polizia, l’osservazione preventiva e l’inchiesta mascherata preventiva. In particolare, per quanto riguarda l’utilizzo oggetto della domanda, prima di procedere alla modifica della Lpol bisognerà valutare i risultati che scaturiranno dal progetto pilota tra la Cantonale e la Polcom di Lugano.

Da nostre informazioni sappiamo che c'è anche un altro contenzioso pendente: al Tribunale amministrativo cantonale, riguardo alla possibilità di utilizzare bodycam da parte delle Polcom. Di cosa si tratta?

Su questo non possiamo esprimerci poiché non siamo parte in causa ed inoltre la fattispecie non è di nostra competenza.

Quali sono secondo lei le criticità legate all'utilizzo delle bodycam?

Vi sono alcuni elementi, ben più importanti del mero utilizzo delle bodycam, legati ad esempio alla privacy delle persone, allo stoccaggio delle immagini e alle competenze relative al loro utilizzo, così come ai reali benefici operativi.

A tal proposito, le bodycam sono utilizzate anche da altri Corpi in Svizzera? Con che risultati?

Siamo a conoscenza di un progetto della Polizia della Città di Zurigo che non è ancora stato implementato definitivamente e per il quale anche la Ccpcs attende di valutarne gli esiti. Quanto scaturito e proposto dallo studio è ancora al vaglio delle autorità politiche per i necessari ed eventuali adattamenti legislativi.

In ambito di videosorveglianza, più in generale, è stato istituito un tavolo di lavoro Cantone-Comuni. Qual è il suo compito?

Il Consiglio di Stato su proposta dell’Incaricato cantonale della protezione dei dati ha costituito a metà novembre scorso il Gruppo di lavoro “Videosorveglianza pubblica”. In particolare il gruppo deve esaminare l’attuale situazione in questo contesto per il Cantone e i Comuni; esaminare l’attuale quadro legale applicabile e la ripartizione di competenze tra Cantone e Comuni in ambito appunto di videosorveglianza e controllo del cittadino. Il Gruppo di lavoro è coordinato dallo stesso Incaricato e vi fanno parte rappresentanti tecnici e politici sia del Cantone, sia dei Comuni. Entro la fine di giugno si attende un rapporto con le proposte all’indirizzo del Governo.

Leggi anche:

Lugano, 4 agenti su un 18enne. Torrente: ‘Sarà denunciato’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bodycam dashcam lugano matteo cocchi polizia cantonale polizia comunale lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved