lugano-4-agenti-su-un-18enne-torrente-sara-denunciato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Luganese
1 ora

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Mendrisiotto
1 ora

Sparò e uccise l’amico cacciatore, chiesti 12 mesi sospesi

I fatti risalgono al settembre 2019 durante una battuta di caccia al cinghiale in zona Penz a Chiasso. ‘Commessa un’incredibile leggerezza’
Bellinzonese
1 ora

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello
Ticino
2 ore

Un primo bilancio per l’educazione civica a scuola

Il rapporto del Governo a due anni dal primo biennio di applicazione delle modifiche di legge sull’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia
Bellinzonese
2 ore

A2 a Bellinzona, l’Unità di sinistra insiste sui pannelli solari

In un interrogazione si torna sul tema dopo che il Consiglio federale ha indicato di sfruttare il potenziale di elettricità lungo autostrade e ferrovia
Mendrisiotto
2 ore

Il Monte Morello a Novazzano e la sua valorizzazione

Un credito di 920mila franchi per un progetto volto a migliorare la fruibilità del bosco di svago e le infrastrutture dedicate alle attività
Mendrisiotto
2 ore

Novazzano e un Preventivo 2022 dettato dalla prudenza

L’utile preventivato risulta di 129mila franchi, determinato da spese correnti per oltre 10 milioni e ricavi per circa 3 milioni e 700mila franchi
Mendrisiotto
3 ore

Mercato dell’usato, antiquariato e artigianato a Chiasso

Avrà luogo sabato 30 ottobre sul corso San Gottardo a Chiasso (zona piazza Indipendenza) con orario dalle 9 alle 18
Luganese
3 ore

L’Istituto di medicina di famiglia si presenta

Incontro aperto al pubblico all’Usi di Lugano per lanciare il progetto in seno alla Facoltà di scienze biomediche
Mendrisiotto
3 ore

Festa della battitura delle castagne alla graa di Cabbio

 L’essiccazione è iniziata a metà ottobre, e da allora il fuoco è acceso e curato senza interruzione dall’Associazioni degli amici
Ticino
4 ore

In Ticino 25 contagi, invariata la situazione ospedaliera

Restano negli ospedali del Cantone 8 pazienti Covid di cui 2 in cure intense. I vaccinati raggiungo il 66,9% della popolazione
Mendrisiotto
4 ore

Dal romanzo al poema, doppio appuntamento a Vacallo

Due serate in compagnia dello scrittore Domenico Dara e dell’attore Antonio Zanoletti, parlando di inverno e di Dante Alighieri
Locarnese
5 ore

Rogo Capanna Soveltra: dopo la sentenza, ardono le polemiche

Attorno a quel che resta del rifugio valmaggese la rabbia di chi ritiene che, forse, si poteva evitare. Dal collaudo ‘fantasma’ alle assemblee roventi
Ticino
5 ore

I dubbi del Cantone sul certificato Covid post guarigione

Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale accogliendo solo in parte le proposte formulate
Bellinzonese
8 ore

Liceo Bellinzona e prefabbricati, preoccupata pure la Direzione

E dal Collegio dei docenti giunti ‘diversi interventi su punti critici’ della soluzione provvisoria prevista nei tre anni di cantiere
Ticino
8 ore

Da un sacco di juta ‘il processo del secolo’

Il caso Zylla in un libro dell’avvocato ed ex magistrato Luciano Giudici, che sostenne l’accusa al dibattimento tenutosi nel 1973 a Locarno
Ticino
8 ore

Fonio: ‘Basta, i dipendenti pubblici non sono capri espiatori’

Il sindacalista Ocst e deputato Ppd torna sull‘iniziativa Udc votata dal parlamento e i tagli all’orizzonte: ’Ci rimettono sempre loro e la socialità’
Luganese
29.12.2020 - 18:500
Aggiornamento : 19:06

Lugano, 4 agenti su un 18enne. Torrente: ‘Sarà denunciato’

L'episodio è capitato ieri sera nel Quartiere Maghetti ed è stato postato sui social, dove ha scatenato una discussione. Segnalati anche gli altri ragazzi.

«È stata esercitata una forza proporzionale per poterlo fermare». Il comandante della Polizia comunale di Lugano Roberto Torrente difende l'operato del Corpo, finito nel mirino dei social dopo che stanotte è stato diffuso un breve filmato dove si vede un giovane che viene fermato a terra da quattro agenti della Polcom. L'episodio – avvenuto ieri sera nel Quartiere Maghetti di Lugano – ha causato su Instagram e Facebook una marea di commenti negativi nei confronti della polizia: insulti e accuse di aver effettuato un intervento troppo duro, sproporzionato. «Considerato come il giovane ha opposto resistenza anche al normale fermo di polizia è normale che sia stata esercitata una forza proporzionale per poterlo fermare» ribadisce Torrente.

‘Cosa state facendo? Gli state tirando pugni?’. Torrente: ‘Sono colpi di disturbo’

Il video ha cominciato a girare nel cuore della notte: 48 secondi durante i quali si intravede una persona, un 18enne abbiamo poi saputo, atterrato da quattro agenti. «Cosa state facendo? Gli state dando pugni?» chiedono gli altri ragazzi lì presenti, assistendo alla scena ripresa. Non è semplice vedere cosa succeda, c'è movimento, ma l'impressione vedendo la clip è che effettivamente il giovane abbia ricevuto uno o più colpi da uno o due agenti. Nel frattempo un quinto poliziotto mantiene la distanza fra la scena e gli altri giovani, anche fa quello che sta filmando. «Non mi toccare» replica quest'ultimo a un certo punto. «Sono colpi di disturbo, non pugni – replica Torrente –. Doveva essere ammanettato con le mani dietro alla schiena, ma faceva resistenza. Nell'ambito della formazione di polizia vengono insegnati dei cosiddetti colpi di disturbo, che servono a scuotere la persona che si oppone in modo che molli la resistenza e permetta agli agenti di ammanettarlo».

Torrente: ‘Se un agente non riesce a fermare da solo una persona, è naturale che altri lo aiutino’

«È facile mettere uno stralcio di filmato che non fa vedere né prima né dopo cosa succede» ci dice il comandante, per poi spiegare: «Si tratta di un intervento per un gruppo di giovani che facevano rumori molesti all'interno del Quartiere Maghetti. Stavano facendo una festicciola: si sentiva musica, baccano, e quindi siamo entrati per fare un controllo. Una di queste persone che sono state controllate ha da subito avuto un comportamento violento nei confronti della polizia, tanto che a un certo punto ha strappato la giacca di un poliziotto. A questo punto è stato atterrato e bloccato a terra. Ha opposto resistenza anche a terra, si stava dimenando. Se un agente da solo non riesce a fermare una persona, è naturale che intervengano altri per aiutarlo».

Un 18enne con precedenti, ‘arrogante e aggressivo dall'inizio’

«Si tratta di un giovane già conosciuto dalle forze dell'ordine, non è la prima volta che abbiamo a che fare con lui» evidenzia poi Torrente. Secondo nostre informazioni si tratterebbe di un cittadino straniero, con già dei precedenti nonostante la giovane età. E ora il 18enne verrà denunciato per impedimenti di atti di autorità e danneggiamento. «Quando è stato ammanettato si è un po' calmato e gli agenti sono riusciti a intavolare anche un dialogo con questi ragazzi». Secondo la versione che gira sul web, il giovane sarebbe stato ammanettato perché si sarebbe rifiutato di spegnere una sigaretta durante il controllo. «Non è quello il motivo: è stato arrogante da subito, poi è diventato aggressivo e violento. La sigaretta è stata chiaramente una provocazione. Durante i controlli di identità gli agenti vietano l'utilizzo dei cellulari e delle sigarette. Malgrado ciò, lui l'ha accesa comunque provocando il poliziotto».

Tutti saranno segnalati per violazione dell'Ordinanza federale sulle epidemie

Ma anche per gli altri membri del gruppo ci potrebbero essere conseguenze. Tutti le persone identificate verranno infatti perseguite per violazione dell'Ordinananza sull'ordine pubblico e per infrazione all'Ordinananza federale sulle epidemie: «Nessuno di loro aveva la mascherina». In totale, sono una decina i giovani controllati e identificati. «Si tratta di un episodio che deve far riflettere – osserva ancora Torrente –. Abbiamo cercato di impostare i nostri interventi molto sulla sensibilizzazione. Adesso, fra Natale e Capodanno, possiamo contare anche su un servizio potenziato. Ma non è facile intervenire in questo tipo di problematiche e d'altra parte le cause sono tante. La chiusura prima parziale poi completa degli esercizi pubblici ha portato via loro dei naturali luoghi d'incontro. Sono il primo a dire che i giovani hanno la necessità di incontrarsi e di stare assieme, il problema è che siamo confrontati con un virus e con delle normative e ciascuno di noi deve fare la sua parte».

‘Ci vorrebbero le bodycam’

E se secondo il comandante l'intervento degli agenti non sarebbe stato sproporzionato, lo sono invece i commenti sui social. «I poliziotti sono persone che lavorano, che fanno un mestiere duro, anche in situazioni difficili. Io capisco che i giovani siano anche in parte esasperati. Mi spiace però che si crei quest'opposizione nei confronti della polizia, sia sui social che non. Un linguaggio spesso veramente eccessivo, irripetibile. Bisognerebbe a mio avviso valutare anche un'azione penale nei confronti di queste persone che, nascondendosi sui social, dicono cose veramente pesanti». E da ultimo, il rammarico di non avere a disposizione le bodycam: «Se la nostra Polizia comunale potesse avere le bodycam come ha sempre auspicato, il caso si sarebbe risolto in pochissimo tempo. Quelli sono i filmati veri, perché mostrano l'intervento dall'inizio alla fine». Dal canto suo, il vicesindaco di Lugano Michele Bertini non entra nel merito di quanto successo al Maghetti, ma ribadisce che da anni «chiediamo di poter essere dotati di bodycam che potrebbero essere uno strumento di aiuto nella valutazione senza dubbi se l’intervento coercitivo, compito assegnato alla polizia è giustificata o meno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved