a-febbraio-il-processo-per-il-crac-del-casino-di-campione
TI-PRESS
Soldi
05.01.2021 - 18:06
Aggiornamento : 19.01.2021 - 15:16

A febbraio il processo per il crac del Casinò di Campione

Fissata l'udienza preliminare. Fra gli imputati, gli ex sindaci e amministratori comunali

di Marco Marelli

E' stata fissata per il 24 febbraio l'udienza preliminare per le accuse mosse dalla Procura a 18 imputati, nell'ambito dell'inchiesta penale per il maxi crac del Casinò di Campione d'Italia, sul quale sono chinati anche i giudici del Tribunale fallimentari di Como, chiamati a decidere sull'ammissione alla procedura concordataria della società di gestione della casa da gioco. Fra gli imputati chiamati a comparire davanti al giudice delle udienze preliminari Andrea Giudici ci sono gli ultimi due sindaci, Marita Piccaluga e Roberto Salmoiraghi, e i loro vice Florio Bernasconi e Alfio Balsamo. Oltre ai quattro ex amministratori comunali, anche l'ex amministratore delegato, i componenti del consiglio di amministrazione e i componenti del collegio sindacale della Casinò di Campione d'Italia.

Un esposto boomerang ha dato avvio alle indagini

Il processo scaturisce da un esposto presentato tre anni fa da Salmoiraghi e Balsamo, nel periodo in cui in Consiglio comunale erano seduti sui banchi della minoranza. Ora i due si ritrovano sul banco degli imputati, assieme a coloro ai quali avevano dichiarato guerra. Un esposto-boomerang per i due che è valso a far emergere una situazione insostenibile che nessuno ha mai chiarito come sarebbe stato possibile sanare. Al centro dell'inchiesta la voragine di debiti del Casinò e del Comune: il primo chiuso nel luglio 2018 con conseguente licenziamento di tutti i 480 dipendenti, il secondo in dissesto finanziario, con drastica riduzione del personale passato a 100 a 17 lavoratori. Debiti per oltre 200 milioni di euro. Oltre ai quattro amministratori locali, fra gli imputati troviamo anche l'ex amministratore delegato Carlo Pagan, componenti del consiglio di amministrazione  e del collegio sindacale della casa da gioco e gli ex revisori di conti del Comune. I reati contestati a vario titolo sono falso in bilancio e abuso d'ufficio. L'ex comandante dei vigili urbani Maurizio Tumbiolo e l'ex capo dell'area comunale economico finanziario Emanuela Radice sono accusati di corruzione. Stando all'accusa la Radice per beneficiare dei vantaggi fiscali (meno tasse) riconosciuti ai campionesi aveva fatto figurare di risiedere a Campione d'Italia in un appartamento di Tumbiolo, quando in realtà non avrebbe mai smesso di vivere a Cornaredo. In cambio la dirigente comunale avrebbe archiviato un procedimento disciplinare avviato nei confronti di Tumbiolo. Per l'accusa un classico caso di 'do ut es'.
 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campione processo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved