campione-l-accordo-sulle-targhe-anche-a-vantaggio-del-ticino
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
29 min

Prevena 2021: per un Natale più sicuro

Le forze di polizia anche quest’anno garantiscono alla popolazione una presenza capillare su tutto il territorio nei luoghi di grande affluenza
Luganese
4 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Luganese
4 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Bellinzonese
4 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
12 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
14 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
14 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
14 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
23.12.2020 - 17:070
Aggiornamento : 18:28

Campione, 'L'accordo sulle targhe anche a vantaggio del Ticino'

In risposta all'atto parlamentare di Lorenzo Quadri, il Comitato civico campionese sottolinea inoltre la base legale dell'indennità di disoccupazione

a cura de laRegione

Il Comitato Civico campionese, con una lettera aperta, risponde all'interpellanza inoltrata al Consiglio Federale dal consigliere nazionale della Lega dei Ticinesi Lorenzo Quadri, dal titolo ""Gli accordi con l’Italia vengono raggiunti solo quando sono a vantaggio dell’Italia?". Il consigliere nazionale, nell'interpellanza, chiedeva al Consiglio Federale "in che misura l’annosa diatriba sulla fiscalità dei frontalieri è stata presa in considerazione nella trattativa sulle targhe campionesi", ed evidenziava il fatto che i campionesi residenti in Ticino, ex dipendenti del casinò e del Comune, percepiscano le indennità di disoccupazione svizzere pur non avendo versato i relativi contributi, indennità che "possono essere identiche o persino superiori ai salari netti prima della disoccupazione”

 Il Comitato dichiara di avere letto "con un certo rammarico e sconcerto" tale interpellanza al Consiglio federale. "Fra le righe del suo atto parlamentare notiamo una certa acredine verso i campionesi e le peculiarità che da decenni hanno contraddistinto la positiva convivenza fra la nostra enclave e il Canton Ticino", si evidenzia nel comunicato, sottolineando che "l’accordo sottoscritto fra i due Paesi, così da consentire ai campionesi di continuare ad utilizzare le targhe elvetiche, conferma tale preziosa collaborazione". 

"Non ci troviamo dunque d’accordo sulla sua dichiarazione dove evidenzia che tali vantaggi andrebbero esclusivamente a favore dell’Italia", proseguono i membri del Comitato, "Vorremmo ricordarle che attraverso l’immatricolazione delle circa 1’700 auto/moto dei campionesi l’economia cantonale, fra tassa della circolazione, assicurazioni, manutenzioni, acquisti vetture, abbonamenti Tcs, incassa 5 milioni di franchi. Non poco dunque per un vantaggio che, a suo avviso, sarebbe solo unilaterale".

Circa inoltre la questione dell’indennità di disoccupazione dei campionesi residenti in Ticino (ex dipendenti di casinò e comune), "che tanto la preoccupa, vorremmo renderla attento sul fatto che vivono e hanno casa in Ticino, pagano qui le tasse comunali, e diversi fra di loro sono anche cittadini svizzeri. Il fatto di poter beneficiare della disoccupazione è una volontà di legge, così come i 60mila frontalieri, che pagano le tasse in Ticino, qualora rimanessero senza lavoro hanno diritto alla disoccupazione italiana, in quanto lì residenti. Vuole fare cambio onorevole fra la qualche decina di campionesi e le migliaia di frontalieri?" Infine, il ringraziamento al Canton Ticino e alla Confederazione "e alla loro sempre grande disponibilità, ricordando ad ogni modo l’importante apporto finanziario che i campionesi hanno sempre riversato sul territorio ticinese".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved