ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 min

Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio

Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
3 ore

Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’

Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
3 ore

Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’

Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
3 ore

Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’

L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
4 ore

Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione

Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
10 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
12 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
12 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
22.12.2020 - 12:13

Spari a Sessa, Regazzi: ‘Sanzionare in maniera incisiva’

La Federazione dei cacciatori ticinesi condanna l'accaduto: “Atteggiamenti inaccettabili. Se accertate, evidenti violazioni delle norme di sicurezza”

spari-a-sessa-regazzi-sanzionare-in-maniera-incisiva
Fabio Regazzi, presidente della Federazione dei cacciatori ticinesi (Ti-Press/Archivio)

“Simili atti non hanno nulla a che vedere con le attuali modalità di prelievo, con le distanze di tiro, con le armi utilizzate o con la caccia in genere. Si tratta di violazioni di tale gravità in cui la totale mancanza di diligenza del singolo rende vana ogni misura preventiva e per questo dovrà essere sanzionata in maniera incisiva”. Non si è fatta attendere la presa di posizione della Federazione dei cacciatori ticinesi (Fcti) in seguito al grave episodio accaduto domenica a Sessa, quando un gruppo di cacciatori ha sparato dei colpi nelle immediate vicinanze dell'abitato, causando addirittura due buchi nel muro di una casa, oltre allo spavento.

‘Se accertate, evidenti violazioni delle più elementari norme di sicurezza’

Sul caso abbiamo interpellato oggi la Polizia cantonale, più volte allertata domenica da un paio di cittadini di Sessa, che ha confermato di aver effettuato degli accertamenti preliminari e che il caso è anche al vaglio dell'Ufficio caccia e pesca del Dipartimento del territorio. La Polizia scientifica, intervenuta sul posto, avrebbe comunque già constatato che i buchi nel muro sarebbero dovuti effettivamente a degli spari di fucile avvenuti in giornata. “Nell'attesa di conoscere l'esito dei necessari accertamenti e restando a disposizione degli organi competenti – precisa il presidente del comitato della Fcti, Fabio Regazzi –, la Fcti ritiene che, se accertati, simili atti rappresentano evidenti violazioni delle più elementari norme di sicurezza sul maneggio e l'uso delle armi. La Fcti, anche in funzione degli sforzi da sempre intrapresi ed incrementati negli ultimi anni per formare e sensibilizzare sul problema sicurezza, si aspetta che, se individuati, i responsabili vengano sanzionati con misure adeguate alla gravità della negligenza”.

‘Atteggiamenti inaccettabili: maleducati e irrispettosi’

Grave, per la Fcti, anche l'atteggiamento tenuto dai cacciatori protagonisti dell'episodio: con la donna che vive in una delle case ai limiti del bosco dal quale hanno sparato, autrice dei video apparsi ieri su ‘Facebook’ e da noi parzialmente ripresi e tagliati, n'è nato infatti un alterco. “Non da ultimo la Fcti stigmatizza e condanna gli atteggiamenti inaccettabili di quei cacciatori che, confrontati con le comprensibili rimostranze di chi aveva tutto il diritto di dirsi spaventato dagli accadimenti, si sono dimostrati maleducati ed irrispettosi sottraendosi al confronto e gettando discredito sull'intera categoria. Il codice etico adottato dalla Fcti regola anche i comportamenti che il cacciatore deve tenere con chi cacciatore non è, in particolare quando esercita l'attività venatoria”.

Leggi anche:

Grande spavento a Sessa: ‘Mi hanno sparato sulla casa’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved