spari-a-sessa-regazzi-sanzionare-in-maniera-incisiva
Fabio Regazzi, presidente della Federazione dei cacciatori ticinesi (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
19 min

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
3 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
3 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
4 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
4 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
4 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
5 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
5 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
22.12.2020 - 12:130

Spari a Sessa, Regazzi: ‘Sanzionare in maniera incisiva’

La Federazione dei cacciatori ticinesi condanna l'accaduto: “Atteggiamenti inaccettabili. Se accertate, evidenti violazioni delle norme di sicurezza”

“Simili atti non hanno nulla a che vedere con le attuali modalità di prelievo, con le distanze di tiro, con le armi utilizzate o con la caccia in genere. Si tratta di violazioni di tale gravità in cui la totale mancanza di diligenza del singolo rende vana ogni misura preventiva e per questo dovrà essere sanzionata in maniera incisiva”. Non si è fatta attendere la presa di posizione della Federazione dei cacciatori ticinesi (Fcti) in seguito al grave episodio accaduto domenica a Sessa, quando un gruppo di cacciatori ha sparato dei colpi nelle immediate vicinanze dell'abitato, causando addirittura due buchi nel muro di una casa, oltre allo spavento.

‘Se accertate, evidenti violazioni delle più elementari norme di sicurezza’

Sul caso abbiamo interpellato oggi la Polizia cantonale, più volte allertata domenica da un paio di cittadini di Sessa, che ha confermato di aver effettuato degli accertamenti preliminari e che il caso è anche al vaglio dell'Ufficio caccia e pesca del Dipartimento del territorio. La Polizia scientifica, intervenuta sul posto, avrebbe comunque già constatato che i buchi nel muro sarebbero dovuti effettivamente a degli spari di fucile avvenuti in giornata. “Nell'attesa di conoscere l'esito dei necessari accertamenti e restando a disposizione degli organi competenti – precisa il presidente del comitato della Fcti, Fabio Regazzi –, la Fcti ritiene che, se accertati, simili atti rappresentano evidenti violazioni delle più elementari norme di sicurezza sul maneggio e l'uso delle armi. La Fcti, anche in funzione degli sforzi da sempre intrapresi ed incrementati negli ultimi anni per formare e sensibilizzare sul problema sicurezza, si aspetta che, se individuati, i responsabili vengano sanzionati con misure adeguate alla gravità della negligenza”.

‘Atteggiamenti inaccettabili: maleducati e irrispettosi’

Grave, per la Fcti, anche l'atteggiamento tenuto dai cacciatori protagonisti dell'episodio: con la donna che vive in una delle case ai limiti del bosco dal quale hanno sparato, autrice dei video apparsi ieri su ‘Facebook’ e da noi parzialmente ripresi e tagliati, n'è nato infatti un alterco. “Non da ultimo la Fcti stigmatizza e condanna gli atteggiamenti inaccettabili di quei cacciatori che, confrontati con le comprensibili rimostranze di chi aveva tutto il diritto di dirsi spaventato dagli accadimenti, si sono dimostrati maleducati ed irrispettosi sottraendosi al confronto e gettando discredito sull'intera categoria. Il codice etico adottato dalla Fcti regola anche i comportamenti che il cacciatore deve tenere con chi cacciatore non è, in particolare quando esercita l'attività venatoria”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved