ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
6 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
7 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
8 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
8 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
8 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
9 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
9 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
9 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
9 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
9 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
9 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
9 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
Locarnese
10 ore

Gordemo, arriva (con gusto) il Carnevale in piazza

Libagioni protagoniste ai festeggiamenti, previsti domenica prossima, 5 febbraio, grazie alla Società Ricreativa
Locarnese
10 ore

Campo Vallemaggia, fondi al recupero di edifici e muri a secco

Dalla Fondazione per la tutela del paesaggio un sostegno economico a favore della salvaguardia dei preziosi paesaggi culturali nelle regioni di montagna
Locarnese
10 ore

Duo Rossi in scena al Palacongressi di Muralto

Il nuovo spettacolo dialettale tutto da ridere il 10 febbraio per l’organizzazione della Società Carnevale Muraltese
Luganese
10 ore

Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask

Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Locarnese
10 ore

Concorso miglior ratafià: altri 15 giorni di tempo

Elio Moro del Girasole Benefico ha prorogato i termini di iscrizione alla terza edizione del concorso aperto ai produttori ticinesi
14.10.2020 - 14:05
Aggiornamento: 14:31

'Quei ragazzi erano disposti al sesso per una felpa Burlon'

Al processo luganese per atti sessuali con fanciulli emerge la realtà dei giovani disposti a concedersi per soldi o regali, per altro spesso solo promessi

quei-ragazzi-erano-disposti-al-sesso-per-una-felpa-burlon
Ai giovani venivano promessi soldi o vestiti firmati in cambio di prestazioni sessuali (Foto Keystone/Archivio)

«Il lupo perde il pelo ma non il vizio». Non è stata lunga la requisitoria del procuratore pubblico Arturo Garzoni: come ammesso sia da lui, sia dal difensore del 27enne accusato di atti sessuali con fanciulli Niccolò Giovanettina, per molti versi si è trattato di un'inchiesta fotocopia rispetto a quella che nel 2015 portò alla sua condanna a tre anni e quattro mesi. Tuttavia, sia secondo l'accusa sia per la difesa delle differenze ci sarebbero. «Non è più un teenager, un twink come le sue vittime – ha detto il pp –, ma è diventato un predatore sessuale, astuto, che ha fatto un salto di qualità, che è anche entrato in contatto con personaggi pericolosi e poco raccomandabili del mondo dello spaccio della droga. Se non fosse stato fermato avrebbe continuato a delinquere».

I nickname anonimizzati di Snapchat

In questa «triste storia già vista» Garzoni ha messo l'accento anche sull'aspetto tecnologico dell'inchiesta: «Ha agito con lo stesso modus operandi, adattandosi alle tecnologie nel frattempo uscite, passando da Facebook a Snapchat». Social, questo, utilizzato per non lasciare messaggi compromettenti e che ha reso l'inchiesta più laboriosa, a causa dei nickname anonimizzati, rendendo necessaria una rogatoria negli Stati Uniti, che ha restituito i contatti dell'imputato sull'app ma non i contenuti delle chat. A riempire quelle righe ci hanno pensato i ragazzi stessi e poi il 27enne, che anche a detta dell'accusa ha fornito una buona collaborazione.

Si presentava come ricco, ma di soldi non ne aveva

Agli adolescenti l'accusato si presentava in maniera simpatica, «adattandosi al loro linguaggio e alla loro età», presentandosi come ricco, alla guida di auto di lusso e pieno di denaro, quando la sua realtà era fatta di poco lavoro e debiti. Soldi promessi alle giovani vittime, che alcuni hanno accettato «prostituendosi senza vergogna», ha detto Garzoni, sottolineando che di soldi poi ne abbiano effettivamente visti ben pochi. «Se accettavano, li passava a prendere con l'Audi coi vetri oscurati e si appartavano in un posto riparato».

 

Essendo l'imputato sostanzialmente reo confesso, l'unico reato sostanzialmente contestato riguardo dei toccamenti notturni a danno di un paio di ragazzi coi quali il 27enne avrebbe fatto amicizia durante l'estate 2019 e di cui avrebbe approfittato mentre dormivano. «Non si sa controllare, gli scappa la mano» la tesi di Garzoni. «È un reato che presuppone l'aggiramento della volontà delle vittime, che lui ha tuttavia sempre rispettato, essendosi sempre fermato quando gli dicevano 'basta' – per Giovanettina, invece –, non c'è motivo di non credergli».

L'accusa: Cinque anni, sospesi a favore del trattamento stazionario

Il pp ha chiesto cinque anni di detenzione per il 27enne, da sospendere a favore di un trattamento psichiatrico stazionario, prendendo atto della perizia psichiatrica che ha evidenziato un disturbo narcisistico con tratti istrionici, un'efebofilia e un'olfattofilia. E soprattutto un rischio importante di recidiva se non curato. «La sua colpa è grave, è recidivo e ha tradito la fiducia dello Stato (concessa con la libertà condizionale nel 2017, ndr). Ha abusato di minori sull'arco di un anno, in un numero importante di occasioni, per anteporre le proprie pulsioni sessuali al benessere dei minori».

'Similitudini inquietanti con il 2015'

«Le similitudini rispetto al processo del 2015 sono evidenti e un po' inquietanti – ha confermato da parte sua Giovanettina –. Ma, c'è lupo e c'è lupo. Ha fatto tutto questo, oltre che per un problema riconosciuto, anche per le sue fragilità dovute a una vita estremamente difficile». Secondo il difensore, l'uomo sarebbe riuscito a controllare i propri impulsi una volta scarcerato per un certo periodo, ma il fatto che nel 2018 sia diventato consumatore di cocaina avrebbe contribuito a riattivare il suo problema. L'avvocato ha altresì criticato la perizia psichiatrica del 2015, evidenziando invece i benefici del percorso terapeutico intrapreso ora, invitando la Corte a giudicare l'assistito «con severità, dato che la sua colpa non è lieve, ma anche riconoscendo i suoi cambiamenti e uno spaccato di gioventù bruciata: quella dell'imputata, ma anche dei ragazzi dal consenso troppo facile e con valori legati a magliette e scarpe firmate».

La difesa: 'Quei ragazzi erano predisposti alle sue proposte'

Difatti, oltre a dibattere dei reati, sostanzialmente confessati, commessi dall'imputato, in aula si è toccato più volte il delicato tema della sessualità di questi giovani concessa in cambio di soldi, per altro quasi mai dati ma solo promessi. «Bisogna avere il coraggio di dire qualcosa di scomodo: i ragazzi erano predisposti alle proposte dell'imputato – ha detto Giovanettina durante l'arringa –. C'è un problema nella facilità con cui questi ragazzi si lasciano convincere per soldi, per scarpe di Gucci o per felpe di Burlon. Nelle loro dichiarazioni ritroviamo imbarazzo, disagio, ma non quel turbamento che ci aspetteremmo. E questo è un brutto segnale sociale». L'avvocato ha infine sostenuto che, nonostante l'anagrafe, vi sarebbero delle analogie fra il 27enne e gli adolescenti. Quest'ultimi – alcuni dei quali si conoscevano fra loro –, una volta intuito che le promesse di pagamento sarebbero rimaste tali, gli avrebbero anche teso una trappola minacciandolo con foto compromettenti relative al consumo di droga.

'Diversissimi, ma li accomunava l'ingenuità'

E sul profilo delle vittime si è, evidentemente, focalizzate anche la rappresentante degli accusatori privati, l'avvocata Valentina Zeli. «Non sono tutti uguali – ha premesso –. Fra questi alcuni sono alti 1,80 metri, sono belli e muscolosi, mentre altri sono timidi e mingherlini, con l'acne. Alcuni hanno famiglie solide alle spalle, altri provengono da situazioni domestiche difficili. Ma li accomuna che sono tutti caduti nella trappola: hanno creduto che avrebbero ricevuto soldi, molti soldi. E come hanno fatto a cascarci? L'unica risposta che sono riuscita a darmi è: sono ingenui, perché hanno 15 anni. Non sono adulti, anche se si atteggiano da grandi o sono espliciti nel linguaggio. Inoltre, nessuno ha parlato coi genitori di cosa stava accadendo, sebbene alcuni avessero buoni rapporti con le famiglie. Dimostra come i fatti siano stati vissuti davvero con imbarazzo e disagio». Zeli ha chiesto pertanto risarcimenti per torto morale da un minimo di 500 a un massimo di 5'000 franchi per ogni vittima.

La sentenza è attesa nel pomeriggio.

 

Leggi anche:

Adescava ragazzini sui social: 27enne a processo a Lugano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved