Ambrì
2
Langnau
1
1. tempo
(2-1)
Lakers
2
Zurigo
1
1. tempo
(2-1)
La Chaux de Fonds
1
Ticino Rockets
0
1. tempo
(1-0)
Kloten
2
GCK Lions
0
1. tempo
(2-0)
Visp
1
Zugo Academy
2
1. tempo
(1-2)
Olten
0
Winterthur
0
1. tempo
(0-0)
Turgovia
0
Sierre
1
1. tempo
(0-1)
aeroporto-plr-e-udc-non-firmano-sindacati-amareggiati
Una parte dei dipendenti dell'aeroporto lasciati a casa nell'incontro di maggio con il sindaco Marco Borradori (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
2 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
2 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
3 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
3 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
3 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
5 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
7 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
7 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
8 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
8 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
8 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
8 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Luganese
29.09.2020 - 17:120
Aggiornamento : 17:49

Aeroporto, Plr e Udc non firmano. Sindacati amareggiati

In Consiglio comunale a Lugano solo parziale il sostegno al credito di 430'000 franchi e al piano sociale da mezzo milione.

«Provo una grandissima delusione. Abbiamo incontrato la commissione della Gestione e discusso con il Municipio di Lugano. Sembrava che ci fosse la volontà di aumentare il credito per finanziare il piano sociale a favore del personale di Lugano Airport Sa (Lasa) rimasto senza lavoro. Alla fine però è andato in scena il giochetto dello scaricabarile e a subirne le conseguenze saranno i dipendenti». Commenta così Lorenzo Jelmini, sindacalista Ocst, l'esito della trattativa. «Resta una grossa amarezza, avevamo formulato diverse proposte ma la politica cittadina non si è spostata di una virgola rispetto alla quota iniziale indicata dal Municipio, ossia mezzo milione di franchi. Le disponibilità al dialogo mostrata inizialmente, progressivamente è venuta meno e la Città investirà di più sul progetto di transizione verso la gestione privata dell'aeroporto (un credito d'investimento di 430'000 franchi per l'acquisto da Lasa della sostanza fissa operativa necessaria alla Città per la gestione della struttura aeroportuale, credito destinato ad aumentare, ndr) che non per le legittime richieste delle famiglie dei dipendenti licenziati» gli fa eco Giangiorgio Gargantini di Unia.

Per un piano sociale degno di questo nome

«Eppure, di fatto, non abbiamo chiesto la luna, né una montagna di soldi da distribuire a tutti. Una delle proposte evocava un credito quadro, quindi nel caso in cui tutti o una buona parte dei lavoratori avessero trovato un altro impiego, non avrebbero ricevuto nulla e i soldi pubblici non sarebbero stati spesi», ricorda Jelmini. Quanto al numero dei lavoratori rimasti senza impiego, «ci sono situazioni differenziate: alcuni hanno trovato un'altra occupazione ma a peggiori condizioni salariali e contrattuali, addirittura a tempo parziale o a tempo determinato. La Città di Lugano non ha fatto una bella figura in questa vicenda», rincara il sindacalista Ocst. Sul numero dei dipendenti lasciati a casa, il segretario cantonale di Unia parla anche di «cifre che meriterebbero di essere confrontate e approfondite caso per caso». Gargantini poi lancia un appello alla politica luganese «affinché con un gesto di orgoglio lunedì sera riesca a proporre un piano sociale degno di questo nome, perché quello messo ai voti non può ritenersi tale e che sia in linea con quanto solitamente è stato fatto in passato in situazioni simili».

'Sullo scalo vogliamo voltare pagina'

«Il rapporto favorevole è stato sottoscritto dalla maggioranza della Gestione (Lega, Ppd e Ps), meno i rappresentanti del Plr e dell'Udc - spiega Lorenzo Beretta Piccoli (Ppd), relatore e presidente della commissione -. È un rapporto snello e sintetico, senza considerazioni politiche. È il momento di voltare pagina, ormai Lasa è stata liquidata e abbiamo voluto che i dipendenti rimasti a casa potessero ricevere soldi in tempi relativamente brevi». La Gestione ha pure firmato preavvisi favorevoli ai crediti di costruzione per la rotatoria al Piano della Stampa, ai 15,5 milioni di franchi per rinnovare l'infrastruttura informatica dell'amministrazione (con la richiesta di trattarlo come credito quadro). Via libera pure ma con riserva, a causa di informazioni lacunose, al piano di indirizzo forestale comunale (cinque milioni di franchi). Dal canto suo, la capogruppo Plr Karin Valenzano Rossi: «Non abbiamo sottoscritto il rapporto perché riteniamo che il Covid sia stata una scusa. È stato fatto tutto alla faccia del Consiglio comunale, mentre eravamo disposti a trovare soluzioni assieme. Condividiamo la strategia del passaggio di gestione dell'aeroporto ai privati, ma critichiamo le modalità adottate per attuarlo. Non dimentichiamoci che è stata liquidata (per evitare un fallimento) una partecipata della Città. L'esecutivo in questo caso ha mostrato di non saper 'governare' le sue società che vengono amministrate come se fossero gestite da municipali e funzionari».

Nella seduta di lunedì, il legislativo si esprimerà sul credito d'investimento per la transizione e in merito a quello di gestione corrente di mezzo milione di franchi per il piano sociale a favore del personale di Lasa che ha perso il suo posto di lavoro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved