laRegione
Nuovo abbonamento
Disaccordi anche sul piano sociale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
1 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
2 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
2 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
3 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
4 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
01.07.2020 - 06:300

Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’

Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia

Ennesima brutta figura della politica cittadina sulla peraltro tribulata storia recente dell'aeroporto. Stavolta, non si è riusciti a trovare l'accordo sul piano sociale destinato alla quarantina di dipendenti che saranno lasciati a terra non essendo stati inclusi nella gestione dello scalo fino al passaggio dell'infrastruttura in mano ai privati. Eppure, fino all'emergenza Covid-19, appariva prioritaria la questione dei lavoratori della società di gestione dello scalo, la Lugano Airport Sa messa in liquidazione controllata. Tutti (o quasi) gli schieramenti politici si erano schierati a difesa del personale, buona parte del quale ha trascorso una vita (professionale) attorno alla pista di atterraggio luganese. Ora, invece, registriamo un altro rinvio della trattanda al prossimo autunno e assistiamo a un inedito 'scaricabarile'.

Sindacati dirottati dalla Gestione

Andiamo con ordine. Il piano per il quale il Municipio è disposto a mettere sul piatto mezzo milione di franchi è stato definito in base al Regolamento organico dei dipendenti della Città ma senza consultare le parti sociali. Dal canto loro, i rappresentanti dei sindacati Unia e Ocst, hanno richiesto una partecipazione più che raddoppiata commisurata alle reali situazioni del personale: in soldoni 1,36 milioni di franchi. La richiesta è stata presentata al gruppo di lavoro che sta guidando la liquidazione controllata di Lasa alla presenza di due municipali ma i rappresentanti dei lavoratori sono stati 'dirottati' dalla commissione della Gestione di Lugano che ne ha preso atto solo nella seduta di giovedì scorso ma non ha poteri esecutivi, può soltanto avanzare proposte. Risultato quasi scontato: inevitabile il disaccordo fra i commissari e nuovo rinvio della questione e di altri punti fondamentali del messaggio. Un rinvio non indenne da nuove polemiche e scontri politici che scalfiscono ancora l'immagine di Lugano.

Note stonate per i dipendenti senza lavoro

Dal punto di vista del Municipio, cambia davvero poco: il decreto esecutivo del Consiglio di Stato emanato in regime di lockdown consente la trattazione degli argomenti urgenti anche senza il preavviso del legislativo che potrà sempre ratificare in un secondo momento quanto già deciso. Perciò la Città può tranquillamente continuare a erogare crediti garantendo l'operatività ridotta dell'aeroporto. Come è successo per la procedura di messa in liquidazione di Lasa che il Consiglio comunale avrebbe dovuto approvare nella prossima seduta. Qualche perplessità dovrebbe sorgere invece dal profilo della legittimità democratica delle decisioni prese ma questo è un altro discorso che meriterebbe ulteriori approfondimenti. Note stonate per le orecchie di quei dipendenti di Lasa che attendevano risposte più confortanti da parte della politica e ora sono costretti ad aggrapparsi alla speranza che forse in autunno se ne arriverà a una.

Un'ulteriore nota discordante giunge da Palazzo delle Orsoline: il Cantone non vuole sganciare nemmeno un centesimo per il piano sociale. Come è stato sottolineato dal Consiglio di Stato, il governo non è obbligato a parteciparvi avendo una quota azionaria minima in Lugano Airport Sa (il 12,5%) ma fino a l'altroieri era disposto a salire al 40% (quando la 'minaccia' erano i referendum) parlando di aeroporto di rilevanza cantonale...

© Regiopress, All rights reserved