tram-treno-ora-115-opposizioni-zali-bilancio-favorevole
Il Tram-Treno del Luganese collegherà l'area industriale del Medio-Basso Vedeggio con Lugano in pochi minuti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
3 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
6 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
6 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
12 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
14 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
21 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
21 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
21 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
1 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
1 gior

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
1 gior

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
1 gior

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
28.08.2020 - 12:40
Aggiornamento: 16:28

Tram-Treno, ora 115 opposizioni. Zali: 'Bilancio favorevole'

Di queste soltanto una trentina sarebbero opposizioni vere e proprie, crescono le richieste d'indennizzo. E il Malcantone lancia una petizione a favore.

Il consenso c'è, le opposizioni diminuiscono: avanti tutta. Questo il messaggio che il Dipartimento del territorio (Dt) ha voluto lanciare oggi da Manno sul Tram-Treno del Luganese, facendo il punto dopo la seconda procedura di pubblicazione, conclusasi a metà luglio con 115 opposizioni. Tante, ma meno rispetto alle 128 inoltrare nel 2018 al termine della prima pubblicazione. «Oltre a essere diminuite, hanno anche perso peso specifico: sono solo una trentina quelle effettive. Il consenso è cresciuto» ha puntualizzato il direttore del Dt Claudio Zali.

In autunno i risultati dello studio sulla linea collinare voluto dal Gran Consiglio

Durante l'estate non si è mancato di parlare del progetto. Tre associazioni (Cittadini per il territorio, Società ticinese per l'arte e la natura e Associazione traffico e ambiente) hanno infatti svelato di aver raccolto oltre 2'000 sottoscrizioni con la petizione lanciata l'anno scorso per la salvaguardia della parte collinare dell'attuale Ferrovia Lugano-Ponte Tresa, che nel progetto del Dt verrebbe dismessa. Una contrarietà che ha indisposto il consigliere di Stato, ma non nuova: lo scontro era già avvenuto a più riprese, non da ultimo in Gran Consiglio dove effettivamente il fronte dei fautori della linea collinare era riuscito a spuntare – tramite un emendamento socialista – uno studio approfondito e specifico sul mantenimento della tratta. Studio non ancora pubblicato. «Ci siamo presi del tempo per fare un lavoro serio – la replica di Zali –, abbiamo affidato dei mandati esterni. Daremo le risposte in Gran Consiglio in autunno, ma posso già anticipare che l'Ufficio federale dei trasporti (Uft, responsabile del pagamento di 290 milioni di franchi per il progetto, ndr) ha già ribadito la ridondanza delle due tratte».

'Un grande sforzo di condivisione'

«Qualche difficoltà da superare», per dirla con le parole del consigliere di Stato, è quindi rimasta, a cominciare dalle già citate opposizioni. «Molte (33, erano 23 nel 2018, ndr) sono richieste d'indennizzo e non sono un freno alla realizzazione – ancora Zali –. In generale mi aspetto che diverse opposizioni vengano ritirate. Oltre a riprogettare, siamo andati a parlare con molti degli opponenti, abbiamo cercato di far capire che il valore dei terreni salirà. Il bilancio delle opposizioni è sicuramente favorevole e gli effetti benefici del miglioramento del progetto sono tangibili». Un lavoro, che ha sottolineato il capoprogetto del Dt Ivan Continati, è stato intenso: «È stato fatto un grande sforzo di condivisione e di ricerca del consenso, con 135 incontri in 18 mesi».

Dopo quella contro, una petizione a favore del progetto

A restituire un'ulteriore cornice di consenso, ci hanno pensato anche il sindaco di Manno Giorgio Rossi e il presidente della Commissione regionale dei trasporti del Luganese (Crtl) Giovanni Bruschetti. «Il nostro Municipio sostiene a spada tratta questo progetto, un'opera futuristica ma necessaria, fondamentale per la mobilità dell'intero distretto: il treno delle occasioni passa una volta sola» ha detto il primo; «tengo a ribadire il consenso istituzionale generalizzato che il progetto ha: la Crtl rappresenta 47 comuni e 150'000 abitanti, un peso diverso rispetto alle 2'000 firme raccolte qua e là» per il secondo. E a proposito di 2'000 firme, tante sono quelle che vuole raccogliere la Conferenza dei sindaci del Malcantone a sostegno del progetto con una petizione lanciata ieri, come rivelato dal presidente Giovanni Cossi.

Rientrato il malcontento di Collina d'Oro, Sorengo e Muzzano?

Tornando al consenso istituzionale, un punto dolente come ammesso da Zali stesso, tre Comuni che in un primo momento erano parsi favorevoli, si sono recentemente distanziati dal progetto, a salvaguardia della linea collinare che verrebbe smantellata. Stiamo parlando di Collina d'Oro, Sorengo e Muzzano, che oltre ad aver sostenuto la petizione lanciata l'anno scorso, hanno scritto all'Uft manifestando la propria opposizione. Assenti oggi a Manno, secondo Bruschetti la loro opposizione starebbe però rientrando: «Ho parlato stamattina con le tre sindache. Posso ribadire che la loro posizione iniziale è conferma, anche attorno alla dismissione della linea di collina. Non ci sono contrarietà di fondo».

A marzo il primo nuovo convoglio della Lugano-Ponte-Tresa

Mentre i prossimi passi saranno di carattere giuridico e, nella migliore delle ipotesi, una conclusione dei lavori del Tram-Treno – che ricordiamo permetterebbe di collegare l'area industriale del Medio-Basso Vedeggio con la città di Lugano in pochi minuti – non è prevista prima del 2029 (a fronte del 2027 inizialmente pronosticato), qualche certezza a breve termine c'è già. A marzo cominceranno ad arrivare dalla turgoviese Stadler Rail i primi nuovi convogli che inizieranno a servire la Flp e che saranno utilizzati anche nel Tram-Treno. «I primi sarebbero dovuti arrivare a gennaio, ma c'è stato un ritardo a causa della pandemia – ha ammesso Marco Truaisch, vicedirettore delle Ferrovie Luganesi Sa –. Il primo dei nove veicoli acquistati per sostituire gli attuali (datati 1978 e senza aria climatizzata, fra l'altro, ndr) arriverà invece a marzo, seguito dagli altri. Per tre mesi circoleranno di notte per eseguire i test, fino a giugno, quando inizierà l'esercizio commerciale». Vi sarà poi un utilizzo ibrido fino a ottobre 2021, giorno del definitivo pensionamento del 'trenino arancione'. «Trasporterranno 300 passeggeri al giorno, col vantaggio della doppia composizione in periodi di forte afflusso e la possibilità di trasportarne fino a 600. Si viaggerà a 80 chilometri all'ora invece dei 60 attuali e ci saranno numerosi comfort in più».

Leggi anche:

Maxi-opposizione al progetto di tram-treno

Linea collinare Flp, parte la petizione per salvarla

Claudio Zali: 'Sul tram-treno bastian contrari e sapientoni!'

Collina, Muzzano e Sorengo si oppongono al nuovo tram-treno

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved