il-paradosso-boom-culturale-ma-crisi-della-storia-dell-arte
I membri del comitato dell'associazione. Dall'altro a sinistra, in senso orario: Eduardo Agustoni, Daniele Agostini, Ivano Proserpi, Anastasia Gilardi, Manuela Kahn-Rossi e Laura Damiani Cabrini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’

Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
Ticino
5 ore

Refezione scuola infanzia, facoltativa per alcuni allievi

La maggioranza commissionale con il rapporto di Ghisletta
Ticino
6 ore

Ermotti-Lepori: ‘Calcoli fuorvianti’. Filippini: ‘No, legittimi’

È polemica per il rapporto sull’iniziativa che chiede al Cantone un abbonamento Arcobaleno per i deputati che rinunciano al rimborso spese per trasferte
Ticino
6 ore

Preture di protezione, sì al voto preliminare dei cittadini

Riorganizzazione tutorie: la commissione parlamentare firma il rapporto stilato da Luca Pagani e Sabrina Aldi. Sei i correlatori
Ticino
7 ore

‘La lotta al riciclaggio è pane quotidiano per i fiduciari’

Cristina Maderni, presidente della Ftaf, ricorda che la legge è vincolante per chi opera nella gestione dei patrimoni. ‘Ma il tema è di tutta l’economia’
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona, Castles & Go pronta a scattare

Domenica 29 maggio si terrà la prima edizione della corsa podistico-culturale in stile medievale
Mendrisiotto
8 ore

Marito violento condannato anche in Appello

La Corte riduce, però, la pena di tre anni e infligge tre anni e sei mesi. Caduta l’accusa di tentato omicidio
Ticino
8 ore

Nuove tecnologie, la ticinese Arca24 vince un premio in America

Vinta l’edizione 2022 dell’HR Tech Award, organizzato da una società di analisi degli Stati Uniti
Locarnese
8 ore

Il mercato dell’artigianato anima il villaggio di Avegno

Giovedì 26 maggio grazie all’Associazione Artigiani di Vallemaggia. A pranzo risotto e luganighe. Musica con i Gyrumetha
Ticino
8 ore

Allerta temporale, da Russo a Malvaglia (e a Nord del Gottardo)

Il fronte del maltempo dovrebbe portare con sé grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Allarme di intensità rossa
Ticino
8 ore

Pensioni statali e risanamento, ‘rischi dal calo delle Borse?’

Interpellanza di Raoul Ghisletta (Ps): ‘Gli indici sono al ribasso sia in America sia in Europa, cosa fa il governo per evitare perdite enormi?’
Locarnese
8 ore

Una cinquantina di espositori per il ritorno della Brocante

Dal 27 al 29 maggio a Locarno il mercato all’aperto con materiale dal fascino vissuto proveniente da Svizzera, Nord Italia e Liechtenstein
Ticino
9 ore

Un convegno sul consumo eccessivo di alcol

Il Dipartimento sanità e socialità, Ingrado, Ticino Addiction e Radix promuovono una conferenza sui rischi del bere troppo
Locarnese
9 ore

Avanza l’inchiesta sui fatti di Solduno, oggi la ricostruzione

Dopo la consegna della perizia sul ventenne sangallese in aprile, gli inquirenti tornano sul luogo della sparatoria per ricrearne le dinamiche
Luganese
9 ore

‘Il-rispetto-non-ha-età’: la polizia di Lugano gioca d’anticipo

Presentata la campagna di sensibilizzazione ‘mirata a promuovere una serena convivenza tra chi ha il diritto di divertirsi e chi di riposare’
Locarnese
9 ore

Locarno, Alzheimer Café con Anna Margani 

La direttrice di Casa VitaCore, a S. Antonino, proporrà una riflessione sull’accompagnamento nella malattia
06.06.2020 - 14:40

Il paradosso: boom culturale, ma crisi della storia dell'arte

Mentre l'offerta si moltiplica ed è sempre più apprezzata, la professione rallenta. Ne abbiamo parlato con la presidente della neonata associazione

Virgilio Gilardoni, Giuseppe Martinola, Piero Bianconi: alcuni degli illustri studiosi ticinesi che hanno lasciato una significativa impronta nella storia dell'arte. Nonostante il glorioso passato, la professione sembrerebbe però attraversare un momento difficile, almeno secondo Laura Damiani Cabrini – presidente dell'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana (Asasi), con sede a Lugano. Di questa crisi e delle finalità della neonata Asasi abbiamo parlato con la professoressa.

Asasi è nata meno di un anno fa, perché la necessità di riunirsi?

Siamo partiti da una constatazione piuttosto semplice, cioè che è il mestiere dello storico dell'arte nella Svizzera italiana ha subito negli ultimi anni una sorta di rallentamento. Fino a un paio di lustri fa, lo sviluppo degli studi di storia dell'arte è andato pari passo con l'evoluzione dei musei sul territorio. Alla fine degli anni Ottanta sono sorti quasi tutti i musei che abbiamo conosciuto e frequentato e che hanno dato un grosso impulso alla ricerca nell'ambito della storia dell'arte. Oggi i musei hanno modificato in parte le loro strategie, facendo meno ricerca e più divulgazione. 

Ed è un male?

Assolutamente no (sorride, ndr). Il problema è che ogni tipo di divulgazione ha alle spalle decenni di ricerche. Senza la spinta di quest'ultimi anche la divulgazione si esaurirà prima o poi. Quello che sappiamo oggi, ad esempio, di Leonardo, grande protagonista di mostre di successo, è frutto di secoli di studio, senza i quali oggi sarebbe uno dei tanti pittori che non si conoscono. E domani forse nascerà un altro Leonardo ma senza la spinta della ricerca, potrebbe non emergere. 

Ecco, appunto, il turismo culturale sta vivendo un ottimo momento...

Infatti è curioso come ci sia, anche in Ticino, da parte del pubblico sempre maggiore attenzione alla cultura, a tutti i livelli. Il numero dei visitatori nei musei è cresciuto in modo esponenziale, le mostre si moltiplicano. E invece l'assunzione di personale qualificato in queste strutture sembra quasi essersi ridotto. Anche il turismo culturale è in espansione ma gli investimenti nella ricerca non sembrano andare di passo.

Come se lo spiega?

La concezione di base che si sta facendo largo un po' in tutti i settori è che un buon manager possa sostituire i professionisti del mestiere. Le competenze vengono messe al margine a favore della vendita del prodotto. Vediamo infatti una fioritura di corsi universitari di management o marketing culturale. Ma l'arte non è un prodotto come un altro e bisogna conoscere ciò di cui si parla.

E quindi c'è necessità di storici dell'arte. Quanti siete in Ticino?

Ne abbiamo contati un'ottantina, attivi tra istituzioni museali, scuole, fondazioni, Usi e Supsi. E poi ci sono naturalmente gli indipendenti. Senza contare gli studenti: le nuove leve faticano a trovare una collocazione. Molti studenti finiscono per rimanere in Svizzera interna oppure tornano ma intraprendono altre professioni.

Concretamente, Asasi cosa potrà fare?

Gli storici dell'arte lavorano perlopiù in solitaria e l'associazione nasce con lo scopo di metterli in rete e soprattutto di incentivare gli studi di storia dell'arte sul nostro territorio. Anni fa si era immaginato in un centro di ricerca sull'emigrazione artistica, ma non se n'è fatto nulla.

Potreste crearlo voi un polo di ricerca?

Sarebbe bello. Vorremmo rinvigorire gli studi di storia dell'arte e gli scambi tra studiosi, con conferenze, convegni, pubblicazioni. Mi piacerebbe si creasse uno spazio di condivisione degli studi in corso per poterli presentare al pubblico, così che possa essere scoperto il 'dietro le quinte' del nostro lavoro, che è poco visibile e conosciuto. Vorremmo allo stesso modo poter condividere anche il nostro materiale di studio. Molti di noi possiedono archivi privati, banche dati fotografiche, che potrebbero essere messi a disposizione di altri studiosi, con la costituzione di una sorta di archivio che altrove non trova spazio. Non è stat ancora individuato un luogo non l'abbiamo ancora individuato, sebbene vi siano delle trattative in corso.

Il potenziale c'è comunque, mi sembra di capire. 

Senza dubbio. Il nostro è un territorio particolare e ricco sotto vari aspetti e i temi sui quali lavorare non mancano. Il discorso in parte è stato e viene approfondito con le ricerche effettuate negli istituti aggregati all'Accademia di architettura di Mendrisio e alla Supsi. Rimangono però ancora scoperti altri aspetti. Il Ticino è stato terra d'emigrazione a tutti i livelli artistici, diventando nell'ultimo secolo luogo d'immigrazione, dando asilo a molti artisti che hanno contribuito alla sua crescita culturale. E poi c'è il discorso dell'italianità degli studi. Siamo eredi di una tradizione culturale, molto tutelata nei due secoli di storia ticinese, in quanto si tratta di una specificità del territorio elvetico. È una ricchezza importante.

Vi siete formati a giugno 2019, presentandovi ufficialmente a novembre, e poi?

Avevamo un programma già stabilito, avremmo dovuto iniziare il 20 marzo con la presentazione di un volume a Carona. Poi naturalmente tutto si è fermato a causa dell'emergenza sanitaria. Oggi stiamo ripensando tutto. È tutto ancora in divenire, ma una data certa c'è: l'assemblea a metà novembre. Chi volesse comunque rimanere informato può leggere la programmazione sul sito asasi.ch o scrivere a info@asasi.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved