ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
6 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
10 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
14 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
14 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
14 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
22 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
23 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
23 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
23 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
1 gior

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
06.06.2020 - 14:40

Il paradosso: boom culturale, ma crisi della storia dell'arte

Mentre l'offerta si moltiplica ed è sempre più apprezzata, la professione rallenta. Ne abbiamo parlato con la presidente della neonata associazione

il-paradosso-boom-culturale-ma-crisi-della-storia-dell-arte
I membri del comitato dell'associazione. Dall'altro a sinistra, in senso orario: Eduardo Agustoni, Daniele Agostini, Ivano Proserpi, Anastasia Gilardi, Manuela Kahn-Rossi e Laura Damiani Cabrini

Virgilio Gilardoni, Giuseppe Martinola, Piero Bianconi: alcuni degli illustri studiosi ticinesi che hanno lasciato una significativa impronta nella storia dell'arte. Nonostante il glorioso passato, la professione sembrerebbe però attraversare un momento difficile, almeno secondo Laura Damiani Cabrini – presidente dell'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana (Asasi), con sede a Lugano. Di questa crisi e delle finalità della neonata Asasi abbiamo parlato con la professoressa.

Asasi è nata meno di un anno fa, perché la necessità di riunirsi?

Siamo partiti da una constatazione piuttosto semplice, cioè che è il mestiere dello storico dell'arte nella Svizzera italiana ha subito negli ultimi anni una sorta di rallentamento. Fino a un paio di lustri fa, lo sviluppo degli studi di storia dell'arte è andato pari passo con l'evoluzione dei musei sul territorio. Alla fine degli anni Ottanta sono sorti quasi tutti i musei che abbiamo conosciuto e frequentato e che hanno dato un grosso impulso alla ricerca nell'ambito della storia dell'arte. Oggi i musei hanno modificato in parte le loro strategie, facendo meno ricerca e più divulgazione. 

Ed è un male?

Assolutamente no (sorride, ndr). Il problema è che ogni tipo di divulgazione ha alle spalle decenni di ricerche. Senza la spinta di quest'ultimi anche la divulgazione si esaurirà prima o poi. Quello che sappiamo oggi, ad esempio, di Leonardo, grande protagonista di mostre di successo, è frutto di secoli di studio, senza i quali oggi sarebbe uno dei tanti pittori che non si conoscono. E domani forse nascerà un altro Leonardo ma senza la spinta della ricerca, potrebbe non emergere. 

Ecco, appunto, il turismo culturale sta vivendo un ottimo momento...

Infatti è curioso come ci sia, anche in Ticino, da parte del pubblico sempre maggiore attenzione alla cultura, a tutti i livelli. Il numero dei visitatori nei musei è cresciuto in modo esponenziale, le mostre si moltiplicano. E invece l'assunzione di personale qualificato in queste strutture sembra quasi essersi ridotto. Anche il turismo culturale è in espansione ma gli investimenti nella ricerca non sembrano andare di passo.

Come se lo spiega?

La concezione di base che si sta facendo largo un po' in tutti i settori è che un buon manager possa sostituire i professionisti del mestiere. Le competenze vengono messe al margine a favore della vendita del prodotto. Vediamo infatti una fioritura di corsi universitari di management o marketing culturale. Ma l'arte non è un prodotto come un altro e bisogna conoscere ciò di cui si parla.

E quindi c'è necessità di storici dell'arte. Quanti siete in Ticino?

Ne abbiamo contati un'ottantina, attivi tra istituzioni museali, scuole, fondazioni, Usi e Supsi. E poi ci sono naturalmente gli indipendenti. Senza contare gli studenti: le nuove leve faticano a trovare una collocazione. Molti studenti finiscono per rimanere in Svizzera interna oppure tornano ma intraprendono altre professioni.

Concretamente, Asasi cosa potrà fare?

Gli storici dell'arte lavorano perlopiù in solitaria e l'associazione nasce con lo scopo di metterli in rete e soprattutto di incentivare gli studi di storia dell'arte sul nostro territorio. Anni fa si era immaginato in un centro di ricerca sull'emigrazione artistica, ma non se n'è fatto nulla.

Potreste crearlo voi un polo di ricerca?

Sarebbe bello. Vorremmo rinvigorire gli studi di storia dell'arte e gli scambi tra studiosi, con conferenze, convegni, pubblicazioni. Mi piacerebbe si creasse uno spazio di condivisione degli studi in corso per poterli presentare al pubblico, così che possa essere scoperto il 'dietro le quinte' del nostro lavoro, che è poco visibile e conosciuto. Vorremmo allo stesso modo poter condividere anche il nostro materiale di studio. Molti di noi possiedono archivi privati, banche dati fotografiche, che potrebbero essere messi a disposizione di altri studiosi, con la costituzione di una sorta di archivio che altrove non trova spazio. Non è stat ancora individuato un luogo non l'abbiamo ancora individuato, sebbene vi siano delle trattative in corso.

Il potenziale c'è comunque, mi sembra di capire. 

Senza dubbio. Il nostro è un territorio particolare e ricco sotto vari aspetti e i temi sui quali lavorare non mancano. Il discorso in parte è stato e viene approfondito con le ricerche effettuate negli istituti aggregati all'Accademia di architettura di Mendrisio e alla Supsi. Rimangono però ancora scoperti altri aspetti. Il Ticino è stato terra d'emigrazione a tutti i livelli artistici, diventando nell'ultimo secolo luogo d'immigrazione, dando asilo a molti artisti che hanno contribuito alla sua crescita culturale. E poi c'è il discorso dell'italianità degli studi. Siamo eredi di una tradizione culturale, molto tutelata nei due secoli di storia ticinese, in quanto si tratta di una specificità del territorio elvetico. È una ricchezza importante.

Vi siete formati a giugno 2019, presentandovi ufficialmente a novembre, e poi?

Avevamo un programma già stabilito, avremmo dovuto iniziare il 20 marzo con la presentazione di un volume a Carona. Poi naturalmente tutto si è fermato a causa dell'emergenza sanitaria. Oggi stiamo ripensando tutto. È tutto ancora in divenire, ma una data certa c'è: l'assemblea a metà novembre. Chi volesse comunque rimanere informato può leggere la programmazione sul sito asasi.ch o scrivere a info@asasi.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved