il-paradosso-boom-culturale-ma-crisi-della-storia-dell-arte
I membri del comitato dell'associazione. Dall'altro a sinistra, in senso orario: Eduardo Agustoni, Daniele Agostini, Ivano Proserpi, Anastasia Gilardi, Manuela Kahn-Rossi e Laura Damiani Cabrini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
51 sec

Fotografie di Bianca De Luca al Canvetto Luganese

‘Anime’ verrà inaugurata ufficialmente sabato 22 gennaio e potrà essere visitata fino al 23 aprile. Organizza la Fondazione Diamante
Mendrisiotto
19 min

Quattro deputati si mobilitano a favore di India

In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
20 min

Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna

Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Luganese
30 min

Raccolta differenziata senza segreti a Massagno

Il Comune si è dotato dell’applicazione ‘Junker’. Verrà utilizzata anche per le comunicazioni urgenti di servizio
Locarnese
1 ora

‘Caspar e lo gnomo’ per la ripartenza dei MiniSpettacoli

Moira Dellatorre della Compagnia Tiraccontounastoria di Avegno in scena domenica 23 gennaio dalle 16 al Teatro Oratorio di Minusio
Ticino
2 ore

Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi

Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
2 ore

Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri

‘L’indipendenza è oggi insidiata da quello che qualcuno ha già descritto come il rischio della “socializzazione dei procedimenti”
Mendrisiotto
6 ore

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
6 ore

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
6 ore

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
14 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
15 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
16 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
16 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
16 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
17 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
06.06.2020 - 14:400

Il paradosso: boom culturale, ma crisi della storia dell'arte

Mentre l'offerta si moltiplica ed è sempre più apprezzata, la professione rallenta. Ne abbiamo parlato con la presidente della neonata associazione

Virgilio Gilardoni, Giuseppe Martinola, Piero Bianconi: alcuni degli illustri studiosi ticinesi che hanno lasciato una significativa impronta nella storia dell'arte. Nonostante il glorioso passato, la professione sembrerebbe però attraversare un momento difficile, almeno secondo Laura Damiani Cabrini – presidente dell'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana (Asasi), con sede a Lugano. Di questa crisi e delle finalità della neonata Asasi abbiamo parlato con la professoressa.

Asasi è nata meno di un anno fa, perché la necessità di riunirsi?

Siamo partiti da una constatazione piuttosto semplice, cioè che è il mestiere dello storico dell'arte nella Svizzera italiana ha subito negli ultimi anni una sorta di rallentamento. Fino a un paio di lustri fa, lo sviluppo degli studi di storia dell'arte è andato pari passo con l'evoluzione dei musei sul territorio. Alla fine degli anni Ottanta sono sorti quasi tutti i musei che abbiamo conosciuto e frequentato e che hanno dato un grosso impulso alla ricerca nell'ambito della storia dell'arte. Oggi i musei hanno modificato in parte le loro strategie, facendo meno ricerca e più divulgazione. 

Ed è un male?

Assolutamente no (sorride, ndr). Il problema è che ogni tipo di divulgazione ha alle spalle decenni di ricerche. Senza la spinta di quest'ultimi anche la divulgazione si esaurirà prima o poi. Quello che sappiamo oggi, ad esempio, di Leonardo, grande protagonista di mostre di successo, è frutto di secoli di studio, senza i quali oggi sarebbe uno dei tanti pittori che non si conoscono. E domani forse nascerà un altro Leonardo ma senza la spinta della ricerca, potrebbe non emergere. 

Ecco, appunto, il turismo culturale sta vivendo un ottimo momento...

Infatti è curioso come ci sia, anche in Ticino, da parte del pubblico sempre maggiore attenzione alla cultura, a tutti i livelli. Il numero dei visitatori nei musei è cresciuto in modo esponenziale, le mostre si moltiplicano. E invece l'assunzione di personale qualificato in queste strutture sembra quasi essersi ridotto. Anche il turismo culturale è in espansione ma gli investimenti nella ricerca non sembrano andare di passo.

Come se lo spiega?

La concezione di base che si sta facendo largo un po' in tutti i settori è che un buon manager possa sostituire i professionisti del mestiere. Le competenze vengono messe al margine a favore della vendita del prodotto. Vediamo infatti una fioritura di corsi universitari di management o marketing culturale. Ma l'arte non è un prodotto come un altro e bisogna conoscere ciò di cui si parla.

E quindi c'è necessità di storici dell'arte. Quanti siete in Ticino?

Ne abbiamo contati un'ottantina, attivi tra istituzioni museali, scuole, fondazioni, Usi e Supsi. E poi ci sono naturalmente gli indipendenti. Senza contare gli studenti: le nuove leve faticano a trovare una collocazione. Molti studenti finiscono per rimanere in Svizzera interna oppure tornano ma intraprendono altre professioni.

Concretamente, Asasi cosa potrà fare?

Gli storici dell'arte lavorano perlopiù in solitaria e l'associazione nasce con lo scopo di metterli in rete e soprattutto di incentivare gli studi di storia dell'arte sul nostro territorio. Anni fa si era immaginato in un centro di ricerca sull'emigrazione artistica, ma non se n'è fatto nulla.

Potreste crearlo voi un polo di ricerca?

Sarebbe bello. Vorremmo rinvigorire gli studi di storia dell'arte e gli scambi tra studiosi, con conferenze, convegni, pubblicazioni. Mi piacerebbe si creasse uno spazio di condivisione degli studi in corso per poterli presentare al pubblico, così che possa essere scoperto il 'dietro le quinte' del nostro lavoro, che è poco visibile e conosciuto. Vorremmo allo stesso modo poter condividere anche il nostro materiale di studio. Molti di noi possiedono archivi privati, banche dati fotografiche, che potrebbero essere messi a disposizione di altri studiosi, con la costituzione di una sorta di archivio che altrove non trova spazio. Non è stat ancora individuato un luogo non l'abbiamo ancora individuato, sebbene vi siano delle trattative in corso.

Il potenziale c'è comunque, mi sembra di capire. 

Senza dubbio. Il nostro è un territorio particolare e ricco sotto vari aspetti e i temi sui quali lavorare non mancano. Il discorso in parte è stato e viene approfondito con le ricerche effettuate negli istituti aggregati all'Accademia di architettura di Mendrisio e alla Supsi. Rimangono però ancora scoperti altri aspetti. Il Ticino è stato terra d'emigrazione a tutti i livelli artistici, diventando nell'ultimo secolo luogo d'immigrazione, dando asilo a molti artisti che hanno contribuito alla sua crescita culturale. E poi c'è il discorso dell'italianità degli studi. Siamo eredi di una tradizione culturale, molto tutelata nei due secoli di storia ticinese, in quanto si tratta di una specificità del territorio elvetico. È una ricchezza importante.

Vi siete formati a giugno 2019, presentandovi ufficialmente a novembre, e poi?

Avevamo un programma già stabilito, avremmo dovuto iniziare il 20 marzo con la presentazione di un volume a Carona. Poi naturalmente tutto si è fermato a causa dell'emergenza sanitaria. Oggi stiamo ripensando tutto. È tutto ancora in divenire, ma una data certa c'è: l'assemblea a metà novembre. Chi volesse comunque rimanere informato può leggere la programmazione sul sito asasi.ch o scrivere a info@asasi.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved