ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 sec

Ha piovuto, ma nel Basso Mendrisiotto si risparmia ancora

L’Age, l’azienda acqua gas ed elettricità della regione, invita la popolazione a mantenere bassi i livelli di consumo
Bellinzonese
6 min

Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’

Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Bellinzonese
17 min

Lumino, sì al piano forestale contro incendi e pericoli naturali

Il Cc approva l’idea di aumentare l’utilità del bosco. Luce verde anche al piano climatico e alla mozione per una soluzione al traffico nel nucleo
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, il concorso ‘Ven scià... Cünta sü’ registra un en plein

Nella quarta edizione la poesia di Elena Sanna Bullo di Claro conquista il premio di categoria, il premio della critica e la menzione dell’autore
Locarnese
1 ora

Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’

Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
Locarnese
1 ora

Attività Atte sezione Locarno e Valli

Ai soci verrà presentato giovedì il programma stagionale del Teatro di Locarno
Locarnese
1 ora

Locarno, nuova presidente per il Soroptimist

Guglielmina Montano guiderà il club fino al 2024; subentra a Ruth Wunderlin-Messmer
Bellinzonese
4 ore

Scoprire proprietà, benefici e rischi del cioccolato

Degustazione mercoledì 5 ottobre al Centro diurno di Pro Senectute ‘La Turrita’ a Bellinzona
Bellinzonese
4 ore

Ritratto di Beppe Fenoglio con il professor Guido Pedrojetta

Giovedì 6 ottobre alla Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
24.01.2020 - 06:10

Elezioni comunali, in Capriasca la destra si divide in tre

Oltre alla scissione fra Lega dei Ticinesi e Udc, ci sarà anche una lista civica nata dal gruppo: Capriasca 2020. A rischio uno dei due municipali

elezioni-comunali-in-capriasca-la-destra-si-divide-in-tre
La casa comunale di Capriasca, dove la destra si divide in tre: Lega, Udc e la lista civica Capriasca 2020 (Ti-Press)

Da uno a tre. Alle elezioni comunali di aprile, l’elettorato capriaschese di centro-destra si troverà una maggior scelta. Dal gruppo Lega-Udc-Indipendenti ­– che nel 2016 è stato il più votato col 25, rispettivamente 26%, per Consiglio comunale e Municipio –, si passerà a tre formazioni: Lega dei Ticinesi, Unione democratica di centro (Udc) e la lista civica Capriasca 2020. Se dell’Udc, rappresentato dal vicesindaco Alessandro Fontana, abbiamo già parlato (cfr. ‘laRegione’ del 22 gennaio), oggi sentiamo Alioscia Landis. Il consigliere comunale, entrato come indipendente, è il fondatore della lista civica e ci spiega che la genesi di Capriasca 2020 è simile a quella che ha portato a una sezione locale dell’Udc.

«Loro hanno deciso (dopo le elezioni cantonali di aprile, ndr) di presentarsi solo come Lega – ricorda Landis –. Mi hanno proposto di correre con loro, ma io ho preferito seguire la mia linea indipendente. E poi c’era gente che chiedeva che ci fosse una lista civica, ci sono diverse persone che votano scheda senza intestazione». E così, è nata Capriasca 2020. «Non abbiamo un comitato: siamo delle persone che si sono parlate e hanno deciso di costituirsi in una lista civica». Landis, che nella comunità ha un ruolo di rilievo essendo comandante dei Pompieri, spiega che se la lista avesse mantenuto la vecchia denominazione sarebbe rimasto e che a differenza di Fontana, «non sono uscito dal gruppo: arriverò fino a fine mandato». Difficile fare previsioni – «siamo outsider: tutto quel che arriva è guadagnato» –, ma non è detto che questa tripla divisione possa essere dannosa elettoralmente parlando: «Non lo so, di certo si dà la possibilità ai cittadini di scegliere in cosa si identificano di più».

A rischio un municipale

La scelta di creare una sezione Udc e Capriasca 2020 è stata quindi dettata dalla volontà leghista di intestare la lista solo col proprio nome. Ma perché? L’abbiamo chiesto a chi la Lega in Capriasca l’ha co-fondata nel 1997: il presidente Gianni Baffelli. «È stata una decisione democratica, maturata nel tempo. È una questione identitaria. Abbiamo ascoltato la nostra base. La Lega purtroppo è un po’ in perdita di velocità e forse anche per questo è stata fatta questa non facile scelta». Capriasca è un comune molto interessante, perché c’è un sostanziale equilibrio fra le principali forze politiche. Proprio per questo non c’è il rischio di perdere uno dei due municipali (oltre a Fontana, Piergiuseppe Vescovi, ndr)? «Sì, c’è. Siamo coscienti che la decisione ci potrebbe far perdere un po’, ma è un investimento per il futuro: ci rafforza come identità». E se quello ambizioso rimane il riuscire a mantenere lo status quo, l’obiettivo minimo della Lega è «conservare almeno il municipale e fare un bel gruppo in Cc, che abbia la forza di agire, farsi sentire e collaborare come finora».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved