ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 min

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiedono di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
23 min

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
32 min

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
32 min

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
47 min

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
49 min

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
1 ora

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
1 ora

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
Locarnese
1 ora

Progettazione Museo di storia naturale, la seconda fase

Una procedura complessa, ricorda il Cantone: ‘Il Santa Caterina a Locarno è un comparto pregiato dal profilo storico-culturale’
11.01.2020 - 14:45

Asta delle bici, ad aprile la polizia di Lugano bissa

Dopo il successo di settembre sulle due ruote smarrite o rubate, la Polcom guarda a una seconda edizione

asta-delle-bici-ad-aprile-la-polizia-di-lugano-bissa
Chi offre di più?
Ti Press

Ventinove modelli venduti su trentaquattro e un incasso di oltre 2’200 franchi. Il bilancio della prima asta di bici smarrite o rubate – e recuperate dalla Polizia comunale di Lugano –, che si è tenuta a settembre, è stato talmente positivo che si replicherà. Una analoga si terrà infatti il prossimo aprile. A confermarcelo sono il capo della Sezione amministrativa della Polcom Andrea Marescalchi e la responsabile degli oggetti trovati, Roberta Del Sorbo.

A settembre si è tenuta la prima asta di bici rinvenute dalla Polcom. Siete soddisfatti?

I risultati sono stati più che soddisfacenti e il guadagno è stato superiore alle attese iniziali. Ottima anche la collaborazione con l’Ufficio esecuzione e fallimenti di Lugano, che ci ha supportati nell’organizzazione e nella conduzione dell’asta.

È vero quindi che si replicherà e che c’è l’intenzione di estendere la pratica ad altri oggetti rinvenuti?

Sì, l’asta delle biciclette è prevista annualmente ad aprile. Per quanto riguarda gli altri oggetti, è un’opzione che il Comando sta prendendo in considerazione. Ma la questione verrà valutata soltanto in un secondo momento, dopo aver effettuato l’inventario che è previsto solo per la metà del 2020.

Precedentemente, o attualmente se non parliamo di bici, qual era e qual è il destino degli oggetti smarriti?

In linea con gli articoli 720-22 del Codice civile svizzero, vengono tutti debitamente registrati in una banca dati specifica e custoditi in appositi spazi dagli accessi limitati. Nel caso non vengano reclamati dai legittimi proprietari, dopo un anno di conservazione, la legge permette di avviare la procedura dell’incanto pubblico. Trascorso questo termine, il ritrovatore ne diventa proprietario e ha diritto al ritiro dell’oggetto. Qualora rinunci alla proprietà, l’oggetto viene devoluto in beneficenza o distrutto se in stato di degrado.

E come mai è stata presa la decisione di proporre un’asta?

È una possibilità concessa dalla legge e, anche per semplici motivi di spazio, si è decisa quest’opzione per ottimizzare le operazioni. Inoltre, la procedura dell’incanto pubblico permette all’autorità di devolverne il ricavato in beneficenza. Ci è sembrata dunque la miglior soluzione per ottimizzare gli spazi facendo allo stesso tempo del bene.

Quanti e quali oggetti vengono ritrovati a Lugano?

Approssimativamente 400 all’anno, escluse le chiavi che non vengono protocollate ma sono altrettanto numerose (3-4 mazzi a settimana). I più numerosi in genere sono documenti d’identità, portamonete e cellulari.

Ci sono periodi dell’anno, o quartieri della città, dove più spesso si ritrovano oggetti smarriti?

Non vi sono periodi dell’anno statisticamente più colpiti da smarrimenti, ma possiamo dire che durante i grandi eventi pubblici, quali ad esempio Estival Jazz, Blues to Bop e i vari marcatini annuali, il numero aumenta in maniera importante. Non a caso, ne consegue che il centro cittadino è a tutti gli effetti la zona dove vengono ritrovati più oggetti smarriti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved