asta-delle-bici-ad-aprile-la-polizia-di-lugano-bissa
Chi offre di più?
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
49 min

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte ad estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
1 ora

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
1 ora

Il semaforo del CO²: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
1 ora

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia.
Ticino
2 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
2 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
6 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
6 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
6 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
11.01.2020 - 14:450

Asta delle bici, ad aprile la polizia di Lugano bissa

Dopo il successo di settembre sulle due ruote smarrite o rubate, la Polcom guarda a una seconda edizione

Ventinove modelli venduti su trentaquattro e un incasso di oltre 2’200 franchi. Il bilancio della prima asta di bici smarrite o rubate – e recuperate dalla Polizia comunale di Lugano –, che si è tenuta a settembre, è stato talmente positivo che si replicherà. Una analoga si terrà infatti il prossimo aprile. A confermarcelo sono il capo della Sezione amministrativa della Polcom Andrea Marescalchi e la responsabile degli oggetti trovati, Roberta Del Sorbo.

A settembre si è tenuta la prima asta di bici rinvenute dalla Polcom. Siete soddisfatti?

I risultati sono stati più che soddisfacenti e il guadagno è stato superiore alle attese iniziali. Ottima anche la collaborazione con l’Ufficio esecuzione e fallimenti di Lugano, che ci ha supportati nell’organizzazione e nella conduzione dell’asta.

È vero quindi che si replicherà e che c’è l’intenzione di estendere la pratica ad altri oggetti rinvenuti?

Sì, l’asta delle biciclette è prevista annualmente ad aprile. Per quanto riguarda gli altri oggetti, è un’opzione che il Comando sta prendendo in considerazione. Ma la questione verrà valutata soltanto in un secondo momento, dopo aver effettuato l’inventario che è previsto solo per la metà del 2020.

Precedentemente, o attualmente se non parliamo di bici, qual era e qual è il destino degli oggetti smarriti?

In linea con gli articoli 720-22 del Codice civile svizzero, vengono tutti debitamente registrati in una banca dati specifica e custoditi in appositi spazi dagli accessi limitati. Nel caso non vengano reclamati dai legittimi proprietari, dopo un anno di conservazione, la legge permette di avviare la procedura dell’incanto pubblico. Trascorso questo termine, il ritrovatore ne diventa proprietario e ha diritto al ritiro dell’oggetto. Qualora rinunci alla proprietà, l’oggetto viene devoluto in beneficenza o distrutto se in stato di degrado.

E come mai è stata presa la decisione di proporre un’asta?

È una possibilità concessa dalla legge e, anche per semplici motivi di spazio, si è decisa quest’opzione per ottimizzare le operazioni. Inoltre, la procedura dell’incanto pubblico permette all’autorità di devolverne il ricavato in beneficenza. Ci è sembrata dunque la miglior soluzione per ottimizzare gli spazi facendo allo stesso tempo del bene.

Quanti e quali oggetti vengono ritrovati a Lugano?

Approssimativamente 400 all’anno, escluse le chiavi che non vengono protocollate ma sono altrettanto numerose (3-4 mazzi a settimana). I più numerosi in genere sono documenti d’identità, portamonete e cellulari.

Ci sono periodi dell’anno, o quartieri della città, dove più spesso si ritrovano oggetti smarriti?

Non vi sono periodi dell’anno statisticamente più colpiti da smarrimenti, ma possiamo dire che durante i grandi eventi pubblici, quali ad esempio Estival Jazz, Blues to Bop e i vari marcatini annuali, il numero aumenta in maniera importante. Non a caso, ne consegue che il centro cittadino è a tutti gli effetti la zona dove vengono ritrovati più oggetti smarriti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved