ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
17 ore

La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa

Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
17 ore

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
1 gior

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
1 gior

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
1 gior

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
1 gior

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
1 gior

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
1 gior

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
1 gior

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
1 gior

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
1 gior

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
1 gior

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
1 gior

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
1 gior

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
07.01.2020 - 18:03
Aggiornamento: 20:07

Lugano, Bertini: 'Clima sfavorevole nel Plr, non mi ricandido'

Il vicesindaco ha annunciato (in parte a sorpresa) la volontà di non figurare nelle liste delle elezioni comunali di aprile: 'Ho spostato le mie priorità'

lugano-bertini-clima-sfavorevole-nel-plr-non-mi-ricandido
+7

Ad aprile Michele Bertini non ci sarà. Il vicesindaco di Lugano, nel giustificare la sua volontà di non ricandidarsi nelle liste del Partito liberale radicale alle prossime elezioni comunali, parla di una 'lunga riflessione maturata'. Una decisione questa del capo Dicastero sicurezza e spazi urbani che segue quella, resa nota a metà novembre, del collega di Municipio, Angelo Jelmini, esponente del Partito popolare democratico. "Nei primi giorni del mese di dicembre 2019 – scrive Bertini in un comunicato stampa – ho informato il Partito liberale radicale di questa mia intenzione". Una decisione che sarebbe da ricondurre a "scelte personali che mi portano a voler e dover investire maggiormente nello sviluppo della mia attività professionale e personale".

Ma Bertini va anche oltre alla sfera privata e parla di un "clima negativo all’interno del partito, soprattutto a Lugano – che secondo il vicesindaco Plr – ha contribuito allo spostamento di queste mie priorità in questa fase della mia vita". Un sassolino seguito da altri: "In questi anni ho continuato ad impegnarmi senza risparmio negli ambiti istituzionali di mia competenza traendone grande soddisfazione, malgrado il clima sfavorevole e le dinamiche negative. Sono dispiaciuto di non poter seguire gli importanti progetti avviati, il grosso lavoro dei servizi e dei collaboratori e di non poter continuare a intrattenere i rapporti privilegiati con i cittadini. In questi 12 anni di attività politica ho avuto la straordinaria possibilità di vivere in prima linea le Istituzioni e il Paese. Di questo ringrazio tutti coloro che mi hanno dato la loro fiducia e il Partito liberale radicale che mi ha dato l’opportunità di vivere questa esperienza molto arricchente".

Nessuna possibilità di correre da solo? "Mi riconosco sempre e non ho mai avuto esitazioni rispetto ai valori di Libertà, Responsabilità e Solidarietà cardini del Plr, anche se attualmente non mi riconosco sempre nelle modalità con cui vengono espressi e rappresentati. Le speculazioni relative a un mio possibile cambiamento di partito o di abbandono definitivo dell’impegno pubblico sono totalmente infondate e in contrasto con i miei valori e con la mia ferma volontà di rimanere comunque e in altre forme al servizio del Paese".

Poi un pensiero alla popolazione e ai suoi elettori: "I miei ringraziamenti vanno a tutti coloro che in particolare in questi ultimi anni burrascosi mi sono stati vicini facendomi sentire il loro supporto. Sono stati davvero tanti i cittadini che si sono espressi in questo senso. Confido che possano comunque accogliere con comprensione questa mia decisione che sento corretta e giusta in questo momento. Non rilascerò ulteriori dichiarazioni o interviste su questa mia decisione a tutela del partito che in questo momento ha bisogno di stabilità".

2008-2020: dodici anni di carriera politica

Una carriera politica relativamente breve (considerati gli anni trascorsi alla guida di Lugano, circa 35 anni, di Giorgio Giudici del quale Bertini è sempre stato considerato il 'delfino'), ma comunque intensa e per la maggior parte brillante. La parabola di Michele Bertini inizia, infatti, nel 2008: eletto in Consiglio comunale poco più che ventenne – era il rappresentante liberale radicale più giovane della legislatura –, nel 2013 è candidato al Municipio. In un periodo di grandi cambiamenti per la politica luganese, Bertini rappresenta un volto fresco, pulito, rassicurante. Si classifica terzo, dietro agli uscenti Giorgio Giudici e Giovanna Masoni Brenni. Un’ottima prestazione, insufficiente per entrare a Palazzo Civico dato che la Lega soffia quell’anno un seggio al Plr.
Nel 2014, la svolta: Giudici si fa da parte. L’ascesa del subentrante continua l’anno seguente. Candidato al Consiglio di Stato, per un soffio non entra a Palazzo delle Orsoline. Gli preferiscono il politico di lungo corso Christian Vitta, ma nel 2016 viene rieletto brillantemente alle elezioni comunali di Lugano, dove diventa vicesindaco. E proprio l’ultima legislatura ha segnato una battuta d’arresto nel suo percorso. Delle tensioni interne alla sezione dapprima – culminate con le dimissioni dell’ex presidente Giovanna Viscardi – e coi vertici del partito cantonale poi. Una crisi che sembrava rientrata, tanto che Bertini aveva dato la disponibilità a ricandidarsi. Ora, la sorpresa e l'inaspettato epilogo.

Il presidente cantonale Bixio Caprara: 'Dispiaciuto, ma rispetto la decisione'

Bixio Caprara, presidente cantonale del Partito liberale radicale, si dice dispiaciuto: «Ma rispetto la decisione», commenta a 'laRegione' la mancata ricandidatura di Michele Bertini. Caprara spiega di averlo appreso poco prima di Natale dallo stesso vicesindaco di Lugano, «della quarta città della Svizzera». Tuttavia, la decisione non sembra essere un fulmine a ciel sereno dal momento che malcontenti erano già venuti alla luce nel 2018, quando Bertini, dopo uno sfogo pubblico, si era dimesso dall'Ufficio presidenziale del Plr del Luganese. Bixio Caprara ribadisce su quella polemica «che i vertici della sezione cantonale non possono fungere da arbitro per le dinamiche che avvengono all'interno delle singole sezioni del partito». Alla nostra domanda se abbia tentato di dissuaderlo dalla sua decisione, il presidente cantonale, risponde: «Evidentemente sì, ma la sua decisione, che rispetto, era ormai presa».

 

Leggi anche:

Lugano, il municipale Angelo Jelmini non si ricandiderà

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved