Fotoservizio Ti Press
Il vice ministro italiano. (Fotoservizio Ti Press)
Luganese
11.10.2019 - 19:450
Aggiornamento : 20:38

Arriva il ministro, il caso Campione sui tavoli governativi

Il vice dell'Interno nel governo Conte II, Matteo Mauri (Pd), rassicura l'enclave su Casinò e spazio doganale

''Se ci sei, batti un colpo''. Più che un invito, una supplica quella dei campionesi al governo giallorosso. E la risposta dopo il lungo (e inspiegabile, ma forse no) silenzio dei gialloverdi ecco che a Campione d'Italia per una visita istituzionale è giunto oggi il vice ministro Matteo Mauri (Pd) che ha incontrato il commissario Giorgio Zanzi, il prefetto di Como Ignazio Coccia, i sindacalisti e una delegazione ticinese guidata dal delegato del Consiglio di Stato Francesco Quattrini e i sindaci Corrado Sartori (Arogno) e Andrea Incerti (Bissone). A Campione d'Italia anche Chiara Braga, parlamentare comasca, e Angelo Orsenigo, consigliere regionale, pure lui comasco, entrambi del Partito Democratico.

'Ma non prometto soluzioni miracolistiche' 

Incontri che sono andati ben oltre i tempi previsti. A conferma che sono stati utili. Innanzitutto la conferma che il ''caso Campione'' finalmente è sui tavoli governativi. Matteo Mauri: ''Sono venuto a Campione per rendermi conto di persona di quanto sta succedendo. Già avevo avuto occasione di parlare dei problemi dell'enclave nel corso di un incontro a Como con il consigliere regionale Orsenigo, così come mi aveva informato la mia collega Braga. Cosa dire? Non prometto soluzioni miracolistiche. Ciò che ho assicurato ai sindacalisti è la piena disponibilità del governo a ricercare la soluzione migliore per riaprire il Casinò. Risposte immediate non possono esserci. Per la casa da gioco c'è la piena disponibilità del governo a collaborare con i sindacati. Il confronto continuerà. Saranno aperti tavoli di confronto. Però i tempi non saranno brevi. Ora come ora ritengo urgente risolvere il problema dell'inclusione di Campione nello spazio doganale europeo. Il tema è all'attenzione, oltre che del Viminale, anche del ministero degli esteri e quello delle finanze''. E la soluzione sembra essere dietro l'angolo. Potrebbe arrivare entro la fine del mese. Il governo, per il tramite dei ministeri direttamente interessati, starebbe predisponendo la richiesta da inviare a Bruxelles per ottenere il rinvio, per due anni, dell'entrata in vigore della direttiva Ue. La richiesta del rinvio verrebbe motivata dal fatto che ancora non sono stati adottati i decreti attuativi. A Bruxelles alcuni europarlamentari italiani dovrebbero aver preparato il terreno per evitare il prossimo 1 gennaio la posa di una croce sulla lapide di Campione d'Italia. Una istantanea che non rappresenta una forzatura. Al centro dell'incontro della delegazione ticinese con il vice ministro Matteo Mauri, l'inclusione dell'enclave nello spazio doganale europeo che significherebbe l'uscita dal sistema doganale svizzero, con conseguenze pesantissime. Francesco Quattrini: ''E' stato un incontro positivo, in quanto abbiamo colto la volontà del governo italiano di trovare una soluzione che tenga conto delle attese nostre e dei campionesi''.

Tutti d'accordo: incontro positivo 

Giacomo Licata, segretario provinciale della Cgil di Como: ''L'incontro con il vice ministro è stato positivo, se non altro perchè si è aperto un percorso che sino ad ora non c'era stato. I problemi non mancano. Abbiamo chiesto di essere parte attiva nell'attività che sarà svolta per arrivare alla riapertura del Casinò. Ora aspettiamo proposte concrete sulle quali aprire un confronto''. Giorgio Zanzi, commissario prefettizio: ''L'arrivo a Campione di un rappresentante del Governo non può che essere giudicato positivamente''. Il vice ministro Mauri si è intrattenuto anche con un centinaio di campionesi, apparsi un po più sereni.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ministro
caso
vice
governo
tavoli
campione
matteo
mauri
matteo mauri
caso campione
© Regiopress, All rights reserved