campione-niente-targhe-svizzere-dal-1-gennaio
Ti-Press/archivio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Coronavirus in Ticino, 46 contagi e un decesso

Nel bilancio delle ultime 24 ore si contano 7 dimissioni (a fronte di un nuovo ricovero). Le persone in ospedale sono 80
Grigioni
2 ore

Una cinquantina i lupi nei Grigioni, aumentati del doppio

È nel rapporto dell'Ufficio grigionese caccia e la pesca: malgrado l'alta mortalità dei piccoli, la popolazione dei predatori dovrebbe continuare a crescere
Gallery
Bellinzonese
4 ore

Biasca, fiamme in un appartamento: un intossicato

Incendio domato, cause al vaglio della Polizia scientifica. È accaduto ieri poco prima delle 23. Le condizioni della persona non desterebbero preoccupazioni.
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello

Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
20 ore

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
23 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
1 gior

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
1 gior

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Luganese
29.09.2019 - 12:110
Aggiornamento : 16:24

Campione, niente targhe svizzere dal 1° gennaio

È un effetto di un clamoroso autogol: l'inclusione dal 1° gennaio 2020 dell'enclave nello Spazio doganale europeo voluto da istituzioni locali e associazioni di categoria

Stop dal prossimo 1° gennaio alle targhe ticinesi per i campionesi, che le potranno ottenere solo sino al 31 dicembre. Lo fa sapere la sezione della Circolazione di Camorino. Alcune assicurazioni svizzere hanno disdetto al prossimo 31 dicembre i contratti in corso. Sono i primi effetti di un clamoroso autogol, l'inclusione dal 1 gennaio 2020 di Campione d'Italia, nello Spazio doganale europeo, che nell'enclave non è giunto come un fulmine a ciel sereno.

Lo hanno voluto, senza rendersi conto delle conseguenze, istituzioni locali e associazioni di categoria, come sottolinea Giorgio Zanzi, commissario prefettizio, quando afferma che ''l'inclusione del territorio di Campione d'Italia nell'area doganale comunitaria nasce da sollecitazioni provenienti da componenti della comunità campionese che ora, comprendendo come gli effetti dell'iniziativa vadano oltre i risultati utilitaristici immaginati, auspicano che si faccia retromarcia''.

I risultati utilitaristici sarebbero dovuti arrivare da un incremento delle vendite a seguito dell'abolizione dell'Iva svizzera. Attualmente a Campione d'Italia l'unico negozio aperto è quello della Benetton. E della necessità di una retromarcia nell'enclave si sono accorti soprattutto gli abitanti di Campione d'Italia che nei mesi scorsi con una petizione hanno chiesto il rinvio dell'entrata in vigore della Direttiva europea che in riva al Ceresio avrebbe effetti devastanti. I margini affinché ciò possa essere evitato si stanno restringendo, complice anche il cambio del governo. Il rinvio auspicato dovrebbe essere di almeno due anni, il tempo necessario per studiare correttivi alle misure previste. L'eventuale rinvio dovrà essere concordato con l'Unione europea.

Per quanto è dato sapere, non ci sarebbero stati contatti con Bruxelles. Se ne stava occupando l'ex sottosegretario all'economia alle finanze Massimo Garavaglia. Sino ad ora il neo ministro Roberto Gualtieri (che in qualità di eurodeputato aveva sollecitato e ottenuto la Direttiva europea) non avrebbe ancora assegnato ad uno dei suoi vice la delega a trattare con Bruxelles. A questo proposito nei prossimi giorni l'ex prefetto di Varese sarà al Mef (ministero economia e finanze) per sollecitare l'inizio della trattativa con l'Ue. Cosa che ha già avuto occasione di fare su diversi tavoli ministeriali. In mancanza di radicali modifiche della Direttiva europea Zanzi ha fatto presente che l'inclusione di Campione d'Italia nello Spazio doganale europeo ''sarebbe la morte dell'enclave'' già sulle ginocchia da oltre un anno.

Una forzatura? Nient'affatto. Basta ricordare le conseguenze: stop al rifornimento di gasolio per il riscaldamento, alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti e la depurazione delle acque reflue. Complicazioni per i trasporti pubblici e per il trasporto di merci e persone via lago sul Ceresio. Stop alle targhe svizzere (come si è accennato all'inizio) per i residenti nell'enclave. Complicazioni per servizi assicurativi, bancari e postali. Problemi, infine, per i contratti telefonici, Internet (la fibra a Campione arriva dalla Svizzera), l'assistenza sanitaria, il servizio di soccorso con ambulanze e pompieri. Effetti negativi anche in Canton Ticino. I contenuti della Direttiva europea non piace sia alle autorità confederali che cantonali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved