campione-niente-targhe-svizzere-dal-1-gennaio
Ti-Press/archivio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
5 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
5 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
6 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
7 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
8 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
9 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
9 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
29.09.2019 - 12:11
Aggiornamento: 16:24
di Marco Marelli

Campione, niente targhe svizzere dal 1° gennaio

È un effetto di un clamoroso autogol: l'inclusione dal 1° gennaio 2020 dell'enclave nello Spazio doganale europeo voluto da istituzioni locali e associazioni di categoria

Stop dal prossimo 1° gennaio alle targhe ticinesi per i campionesi, che le potranno ottenere solo sino al 31 dicembre. Lo fa sapere la sezione della Circolazione di Camorino. Alcune assicurazioni svizzere hanno disdetto al prossimo 31 dicembre i contratti in corso. Sono i primi effetti di un clamoroso autogol, l'inclusione dal 1 gennaio 2020 di Campione d'Italia, nello Spazio doganale europeo, che nell'enclave non è giunto come un fulmine a ciel sereno.

Lo hanno voluto, senza rendersi conto delle conseguenze, istituzioni locali e associazioni di categoria, come sottolinea Giorgio Zanzi, commissario prefettizio, quando afferma che ''l'inclusione del territorio di Campione d'Italia nell'area doganale comunitaria nasce da sollecitazioni provenienti da componenti della comunità campionese che ora, comprendendo come gli effetti dell'iniziativa vadano oltre i risultati utilitaristici immaginati, auspicano che si faccia retromarcia''.

I risultati utilitaristici sarebbero dovuti arrivare da un incremento delle vendite a seguito dell'abolizione dell'Iva svizzera. Attualmente a Campione d'Italia l'unico negozio aperto è quello della Benetton. E della necessità di una retromarcia nell'enclave si sono accorti soprattutto gli abitanti di Campione d'Italia che nei mesi scorsi con una petizione hanno chiesto il rinvio dell'entrata in vigore della Direttiva europea che in riva al Ceresio avrebbe effetti devastanti. I margini affinché ciò possa essere evitato si stanno restringendo, complice anche il cambio del governo. Il rinvio auspicato dovrebbe essere di almeno due anni, il tempo necessario per studiare correttivi alle misure previste. L'eventuale rinvio dovrà essere concordato con l'Unione europea.

Per quanto è dato sapere, non ci sarebbero stati contatti con Bruxelles. Se ne stava occupando l'ex sottosegretario all'economia alle finanze Massimo Garavaglia. Sino ad ora il neo ministro Roberto Gualtieri (che in qualità di eurodeputato aveva sollecitato e ottenuto la Direttiva europea) non avrebbe ancora assegnato ad uno dei suoi vice la delega a trattare con Bruxelles. A questo proposito nei prossimi giorni l'ex prefetto di Varese sarà al Mef (ministero economia e finanze) per sollecitare l'inizio della trattativa con l'Ue. Cosa che ha già avuto occasione di fare su diversi tavoli ministeriali. In mancanza di radicali modifiche della Direttiva europea Zanzi ha fatto presente che l'inclusione di Campione d'Italia nello Spazio doganale europeo ''sarebbe la morte dell'enclave'' già sulle ginocchia da oltre un anno.

Una forzatura? Nient'affatto. Basta ricordare le conseguenze: stop al rifornimento di gasolio per il riscaldamento, alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti e la depurazione delle acque reflue. Complicazioni per i trasporti pubblici e per il trasporto di merci e persone via lago sul Ceresio. Stop alle targhe svizzere (come si è accennato all'inizio) per i residenti nell'enclave. Complicazioni per servizi assicurativi, bancari e postali. Problemi, infine, per i contratti telefonici, Internet (la fibra a Campione arriva dalla Svizzera), l'assistenza sanitaria, il servizio di soccorso con ambulanze e pompieri. Effetti negativi anche in Canton Ticino. I contenuti della Direttiva europea non piace sia alle autorità confederali che cantonali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved