laRegione
Nuovo abbonamento
lugano-fra-pride-e-liberta-di-pregare
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 min

Tre concerti con il Quintessenza Brass Quintet

Fine settimana musicale e benefico con il Soroptimisti International Club del Mendrisiotto a Castel San Pietro, Ligornetto e Arzo
Luganese
18 min

Melide, inaugurata piazza in ricordo di Mons. Vitalini

Il vescovo della diocesi, Valerio Lazzeri, ha celebrato un'omelia in suo omaggio. Presenti autorità civili e religiose
Mendrisiotto
32 min

Polizia di Mendrisio, a che punto è la specialista del lavoro?

Il gruppo Lega-Udc interroga il Municipio della Città per sapere il risultato dell'analisi voluta a seguito dellle problematiche dei mesi scorsi
Bellinzonese
56 min

Porte aperte al bunker di Mairano

Sabato 26 settembre sarà possibile visitare l'antica base militare in località di Iragna
Ticino
3 ore

141 diplomati all'Accademia di architettura dell'Usi

Si è svolta a Mendrisio sabato 19 settembre la cerimonia di consegna
Grigioni
4 ore

Roveredo, infortunio per un cercatore di funghi

L'uomo è caduto per circa 150 metri nel canale di un riale. È stato trasportato al Civico dalla Rega. La sua vita non dovrebbe essere in pericolo
Bellinzonese
1 gior

Racconti al telefono in piazza Governo a Bellinzona

La bibliocabina si trasforma. Alzando la cornetta si potranno ascoltare narrazioni registrate in diverse lingue
Locarnese
1 gior

Centovalli, un’immersione multisensoriale nel territorio

Concretizzata la realizzazione del sentiero energetico tra Rasa e Palagnedra, progetto nato dalla collaborazione tra Masterplan e OTLVM
Luganese
1 gior

Il tram-treno, l’aeroporto il ‘nodo’ di Cavezzolo

Aspettando lo studio commissionato dal Cantone, ulteriori riflessioni sul progetto e le sue conseguenza
Ticino
1 gior

Caso pp, il governo chiede di essere coinvolto

Procuratori bocciati dal Consiglio della magistratura, il Consiglio di Stato scrive al parlamento. E lunedì audizioni in commissione e risposte in Gran Consiglio
Ticino
1 gior

Permessi, interrogazione a Roma sulla politica di Gobbi

L'ha presentata il senatore dem Alessandro Alfieri. Il sindaco di Luino Pellicini: 'Una pulizia etnica amministrativa'
Luganese
07.05.2018 - 08:250

Lugano fra Pride e libertà di pregare

Fa discutere la decisione della Città di negare la piazza a Helvetia Christiana. Il sindaco Borradori: 'Nessun passo indietro'.

«Nessun passo indietro. Si potrebbe valutare se facessero ricorso o riformulassero la richiesta». Parola del sindaco di Lugano Marco Borradori. Il caso è quello relativo alla richiesta di autorizzazione di Helvetia Christiana per manifestare con un rosario nei giorni del Pride. Nel confermare la posizione basata sulla ponderazione degli interessi pubblici e privati, Borradori ripercorre la vicenda partita dalla richiesta di una piazza cittadina possibilmente in concomitanza con il Pride, prima di Natale poi confermata lo scorso marzo.

«Di solito, tendiamo a garantire le libertà fondamentali ma in questo caso non ci è sembrato il caso», spiega il sindaco. Perché? «Intanto, Helvetia Christiana è un’associazione non riconosciuta dalla chiesa – risponde Borradori –. E propone attività non rispettose delle libertà individuali. Inoltre, la richiesta di una piazza ci è parsa troppo estesa». E ingombrante, aggiungiamo noi.

Dal sito di Helvetia Christiana si legge che l’associazione è stata fondata in Svizzera nel 2017, ha l’obiettivo di promuovere nell’opinione pubblica svizzera i valori base della civiltà cristiana e combatte con tutti i mezzi pacifici, democratici e legali la rivoluzione culturale atea, immorale e socialista che vuole distruggere ciò che resta della civiltà cristiana. Difendendo tradizione, famiglia e proprietà, vuole essere un ostacolo all’espansione del movimento rivoluzionario che provocò nel XXesimo secolo la rivoluzione sessuale del ’68, l’anarchismo e il comunismo (…).

Parole che spiegano, almeno in parte, la posizione del Municipio. Ieri, Helvetia Christiana, tramite il presidente Marco Giglio, ha precisato che valuta il ricorso e che qualsiasi giorno in accordo col Comune sarebbe andato bene con un minimo di preavviso: non si è mai voluto pregare contro le persone omosessuali né contro le persone interessate dal Pride. Anche se si critica “una certa maniera di esporsi ritenuta poco decorosa”.

Dal canto suo, il presidente di Lgbt Pride Svizzera italiana 20 Mattia Modini non entra nel merito della decisione del Municipio perché «non abbiamo gli elementi su cui poggia né siamo stati coinvolti». Ma smorza la polemica: «Non abbiamo nulla contro la chiesa, la preghiera e il rosario. Però, questa paventata manifestazione ha valori opposti ai nostri. Noi vogliamo promuovere una totale inclusione delle persone Lgbt nella società, combattiamo gli stereotipi e le discriminazioni e lo facciamo con una manifestazione che promuove i diritti di tutti ed è aperta a tutti di qualsiasi etnia e religione». Modini aggiunge solo che «in Italia questi momenti di preghiera sono frequenti ai Pride».

Attesa oggi l'interpellanza Bühler

Fa discutere il niet della Città ad Helvetia Christiana. Da noi interpellato, il consigliere comunale Udc Alain Bühler conferma l’intenzione di voler presentare domani un’interpellanza per chiedere spiegazioni all’esecutivo «che vanno al di là del Pride e di Helvetia Christiana. Da chiarire c’è la questione della parità di trattamento nei confronti della richiesta formulata dall’associazione, negata per interessi pubblici e privati. Non capisco come un rosario possa ledere interessi pubblici, perché la regolare richiesta era stata fatta per essere svolta anche non in concomitanza con il Pride».

La Città invece, prosegue Bühler «tollera manifestazioni non autorizzate, a questo punto Helvetia Christiana potrebbe organizzarlo il rosario, punto a basta». Manifestazioni non autorizzate, come quelle proposte dal centro sociale il Molino che, continua il consigliere comunale «hanno generato costi e vandalismi». L’interpellanza non entrerà nel merito delle posizioni di Pride previsto a Lugano dal 30 maggio ai primi giorni di giugno e Helvetia Christiana ma chiede al Municipio su quali basi ha deciso e se ritiene lecito creare questo precedente».

© Regiopress, All rights reserved