ULTIME NOTIZIE Cantone
Centovalli
6 ore

Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare

La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
6 ore

Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera

Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Luganese
7 ore

Una preda nella tana: l’accusa alza la posta in gioco in Appello

Nella seconda giornata di processo parola al procuratore pubblico e all’avvocata della vittima.‘I tre ragazzi hanno creato un clima di terrore’.
Locarnese
7 ore

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
8 ore

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
8 ore

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
9 ore

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
9 ore

Al Festival scacchistico prevalgono Berardi e Patuzzo

Il Memorial Barbero si è tenuto domenica 5 febbraio a Sorengo
Luganese
9 ore

Lugano, un libro sulle aziende a conduzione familiare

L’Unione Cristiana Imprenditori Ticinesi presenterà all’Hotel Dante, una pubblicazione di Alessandro Scaglione
Mendrisiotto
9 ore

Entra in Svizzera nonostante l’espulsione: preso e processato

Per l’uomo vigeva il divieto di entrare nel nostro Paese. La Corte ha optato per l’espulsione immediata senza pena detentiva.
31.03.2018 - 09:30

Lugano, lo spazio Morel rischia la chiusura

Il Municipio ha sospeso la decisione di interrompere le attività dopo la presentazione, ieri, della documentazione richiesta ripetutamente dall'autorità

di Alfonso Reggiani
lugano-lo-spazio-morel-rischia-la-chiusura

Ha rischiato di chiudere anzitempo lo spazio Morel. Ma forse riuscirà a restare aperto fino a metà estate come previsto. Il Municipio di Lugano aveva già pronta la decisione di interrompere le attività: avrebbe dovuto intimarla ieri. Però, proprio ieri, i giovani che gestiscono lo spazio hanno consegnato alla Cancelleria comunale la documentazione richiesta fra cui la certificazione Rasi, relativa alla sicurezza degli impianti elettrici ritenuta fondamentale e ripetutamente richiesta dall’esecutivo per garantire la sicurezza dello stabile e degli utenti.

La documentazione verrà esaminata all’inizio di settimana prossima e potrebbe rimettere in discussione la decisione municipale. Una decisione, con tanto di denuncia, che come detto avrebbe dovuto già essere prospettata, in particolare per le attività legate alle feste e agli eventi serali che richiamano parecchie persone. Nel mirino del Municipio sono finite le proposte serali perché a Palazzo Civico sono giunte numerosi rimostranze dei vicini per i rumori. Ma quello che ha fatto pendere la bilancia verso la delibera drastica di anticipare la chiusura di Morel sono le problematiche relative alle sicurezza. La struttura non è infatti dotata di impianti elettrici in linea con le norme vigenti.

Finora le attività hanno potuto svolgersi grazie ad autorizzazioni puntuali dell’esecutivo. Però, l’autorità cittadina non può chiudere gli occhi di fronte ai rischi legati alla sicurezza dello stabile: dovesse succedere qualcosa, potrebbe essere un grosso problema non solo per le persone che si trovano nell’edificio, ma anche per la responsabilità che sarebbe a carico della Città. La drastica presa di posizione dell’esecutivo (per ora sospesa) si basa sull’incontro avuto con i giovani nel mese di dicembre quando sono stati discussi e stabiliti alcuni punti fermi.

Da una parte, i giovani hanno sostenuto che visto che lo spazio è già destinato alla chiusura prevista a fine luglio, intraprendere investimenti per adeguare le struttura che verrà demolita, non avrebbe senso. L’accordo fra gestori e autorità prevede che entro inizio febbraio, giovani avrebbero dovuto presentare un piano per sistemare l’impianto elettrico vidimato da esperti del ramo, cosa non hanno fatto fino a ieri. Il tema è stato ridiscusso mercoledì in Municipio che nel frattempo li aveva richiamati al rispetto dell’accordo con due o tre raccomandate.

Martedì prossimo, l’esecutivo dovrebbe una decisione definitiva dopo l’esame della documentazione. Morel è uno spazio culturale no profit dedicato all’arte contemporanea e alla musica. Ha sede nell’ultimo edificio industriale rimasto in centro, un’ex concessionaria Fiat costruita nella prima metà del secolo scorso. Questo luogo, situato accanto al Lac, propone eventi con artisti e musicisti nazionali e internazionali all’interno di un ambiente sperimentale e aggregativo. Le risposte del pubblico non sono mancate. E l’ex concessionaria è tornata a vivere sotto una nuova veste.

A tempo determinato però: questa esperienza è destinata a terminare con la demolizione degli edifici dove sorgerà un complesso immobiliare. La rinascita del luogo è il frutto di un progetto dell’associazione Drunken Sailors, attiva dal 2012 nella promozione di musica ed arte nelle sue più libere manifestazioni. Il progetto Morel è invece stato avviato nel febbraio 2017 riscuotendo un ottimo successo.

© Regiopress, All rights reserved