28.09.2022 - 17:05
Aggiornamento: 17:38

Cevio, dal brunch in fattoria allo Svuotacantine

Un successo la giornata didattica e benefica in fattoria; la raccolta fondi prosegue domenica con il mercatino sul piazzale della Manor di Ascona

cevio-dal-brunch-in-fattoria-allo-svuotacantine

Un modo divertente e didattico per approcciarsi al mondo della natura e dell’agricoltura con un valore aggiunto: la raccolta fondi a favore del progetto di Matteo Ambrosini, giovane contadino valmaggese, deciso ad ampliare la sua stalla per le mucche. Il brunch in fattoria, promosso dal Mercatino svuotacantine di Ferdinando Pighi sabato scorso, a Cevio, ha richiamato molta gente. Circa 130 persone di tutte le età hanno infatti raccolto l’invito, animando la giornata svoltasi all’interno della stessa fattoria. I presenti hanno così potuto scoprire e assaporare prodotti tipici dell’alpe, come pure le attività che si volgono quotidianamente in fattoria, visitando la stalla e conoscendo da vicino gli animali. Così anche vedere i processi di trasformazione per conoscere come i prodotti agricoli diventano il cibo che acquistiamo e mangiamo. Intanto la raccolta di fondi non è ancora terminata. Proseguirà domenica 2 ottobre, sul piazzale della Manor di Ascona, con merce non più in uso ma in buono stato proveniente da cantine e solai posta in vendita su banchi ‘fai da te’, con l’obiettivo d’incentivare il riciclo degli oggetti non più impiegati dando loro una seconda vita ed evitando lo spreco. Un ricco bazar di articoli particolari e di uso comune prenderà dunque vita per attirare sguardi attenti e mani curiose in cerca del cimelio o dell’oggetto che può tornare utile, anche solo a scopo ornamentale. Perché ciò che non serve più può rinascere in un’altra casa e diventare una risorsa. In un periodo storico nel quale è sempre più fondamentale avere una coscienza ecologica e sostenibile, un’iniziativa sicuramente meritevole di attenzione.
I proventi della buvette con la vendita di alimenti locali, bevande e torte fatte in casa, verranno devoluti al giovane agricoltore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved