ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
17 min

Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’

Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Luganese
17 min

Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado

Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Mendrisiotto
6 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
7 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
8 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
9 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
9 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
9 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
10 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
10 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
11 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
13.09.2022 - 11:28
Aggiornamento: 15.09.2022 - 16:10

Ambasciatrice a Losone per gli 80 anni della Strada dei polacchi

Un grande successo la celebrazione svoltasi domenica all’ex Caserma, alla presenza di molti discendenti degli internati durante la Seconda guerra mondiale

a cura di Red.Locarno
ambasciatrice-a-losone-per-gli-80-anni-della-strada-dei-polacchi
Incontro fra autorità domenica all’ex Caserma

Era dalla fine del secondo conflitto mondiale che Losone non ospitava così tante persone di origine polacca. Domenica 11 settembre nell’ex piazza d’armi il Comune ha accolto centinaia di membri della comunità polacca in Svizzera per commemorare l’ottantesimo anniversario dell’inaugurazione della Strada dei polacchi. La via collinare che collega la frazione losonese di Arcegno con Golino è forse l’opera più nota tra quelle realizzate dai soldati polacchi in Ticino. Erano stati accolti a Losone all’inizio degli anni Quaranta del secolo scorso dopo aver trovato rifugio in Svizzera per sfuggire all’avanzata dell’esercito nazista in Francia.

È stato per un’occasione più lieta che i loro discendenti sono stati invitati negli stessi luoghi dove i loro padri e i loro nonni hanno vissuto durante il periodo della guerra. Il campo di accoglienza, il più grande del cantone, era stato, infatti, allestito proprio sui terreni dove oggi sorge l’ex Caserma di Losone.

La commemorazione è stata aperta dalla tradizionale messa da campo che viene svolta ogni anno nel parco dell’ex piazza d’armi per la Festa della Madonna d’Arbigo, il cui vicino oratorio è stato il punto di riferimento per gli internati polacchi. Sul palco predisposto per l’occasione è, quindi, salito il sindaco di Losone, Ivan Catarin, che ha inaugurato la cerimonia ufficiale. «La Strada dei polacchi non ha solo messo in collegamento la nostra frazione di Arcegno con le Centovalli – ha ricordato Catarin –, ma soprattutto ha unito con una profonda amicizia due comunità: il Comune di Losone e la Polonia».

‘Costruttori di ponti tra i nostri Paesi’

Un’amicizia che è stata sottolineata anche dall’ambasciatrice di Polonia in Svizzera, Iwona Kozlowska, che ha preso la parola dopo il saluto delle autorità cantonali espresso dal consigliere di Stato Manuele Bertoli. «Possiamo considerare l’internamento come una testimonianza vivente e un fondamento dei contatti amichevoli tra i polacchi e gli svizzeri – ha raccontato l’ambasciatrice –. Gli internati e i loro discendenti sono stati e sono tuttora costruttori di ponti tra i nostri Paesi e le nostre comunità».

Il vicesindaco di Losone Fausto Fornera, storico di formazione, ha presentato poi un generale approfondimento sulla presenza polacca in Svizzera e soprattutto a Losone, dove il contributo degli internati non fu limitato all’omonima strada: «Bonificarono grandi superfici, circa 100 ettari, in Arbigo, ai Saleggi, allo Zandone e alle Gerre, fornendo le indispensabili premesse per lo sfruttamento agricolo intensivo e successivamente anche artigianale e turistico di quelle terre», ha detto. Ulteriori dettagli storici sono stati, quindi, aggiunti per i rispettivi enti dai presidenti del Patriziato e della Parrocchia di Losone, Carlo Ambrosini e Silvano Beretta.

Il momento ufficiale si è concluso con il discorso di Stefan Paradowski, presidente dell’Associazione dei discendenti degli internati polacchi. «La maggior parte dei polacchi che all’epoca erano internati in Svizzera ora ci hanno lasciato – ha ricordato –, ma sono morti sapendo di essere scampati alla terribile guerra e di essere stati accolti generosamente in Svizzera».

Gli ospiti polacchi e la popolazione locale hanno preso, infine, posto ai tavoli sistemati all’ombra degli alberi del parco militare per condividere il pranzo insieme. Nel pomeriggio i convenuti hanno avuto occasione di visitare la Strada dei polacchi, dove l’ambasciatrice ha deposto una corona di fiori di fronte allo stemma con l’aquila polacca inciso e dipinto nella roccia dagli internati. «Il mio augurio e quello di tutto il Municipio – ha concluso Ivan Catarin – è che commemorazioni come questa vengano proposte anche nei prossimi decenni, affinché il legame e l’amicizia fra il nostro Comune e la Polonia possano rinnovarsi con le generazioni».

Per dare spessore scientifico a questo esercizio di celebrazione e di memoria, il Municipio ha commissionato uno specifico lavoro di ricerca storica a un giovane esperto, lo storico Zeno Ramelli, grazie al quale opportunamente contestualizzare e correttamente interpretare la presenza dei soldati internati – per la maggior parte polacchi – a Losone durante la Seconda guerra mondiale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved