ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
15 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
20 min

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
36 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
44 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
50 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
4 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
4 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
4 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
4 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
01.09.2022 - 17:42
Aggiornamento: 18:20

Un percorso nella memoria lungo 80 anni

Domenica 11 settembre a Losone si festeggia l’anniversario della Strada dei Polacchi, costruita dai soldati reduci dalla Seconda guerra mondiale

un-percorso-nella-memoria-lungo-80-anni

Camminando lungo la strada nel bosco che da Arcegno porta in zona Golino (anche se in realtà si congiunge alla cantonale ancora in territorio losonese), ci si imbatte quasi subito in un’aquila su una roccia. Il rapace non è però pronto a spiccare il volo, perché il suo posto è e rimarrà lì, dipinto di bianco sulla roccia rossa a rappresentare il Paese di cui è l’emblema, la Polonia, e a ricordare (assieme a una targhetta) il legame che ha con Losone. La via in questione è infatti la Strada dei Polacchi, forse una delle più importanti opere realizzate in Ticino dagli internati appunto polacchi e ucraini negli anni Quaranta del secolo scorso, quando durante la Seconda guerra mondiale decine di migliaia di soldati trovarono ospitalità in Svizzera. Circa 450 provenienti dalla Polonia furono accolti proprio a Losone, dove fu organizzato un campo rifugiati sui terreni comunali ora occupati dall’ex caserma. A loro si deve anche la bonifica della pianura alluvionale di Arbigo e delle Gerre, oltre come detto alla costruzione della strada che collega Arcegno e le Centovalli, di cui quest’anno si festeggiano gli 80 anni. Un anniversario sottolineato, lo scorso gennaio, dall’arrivo a Losone dell’ambasciatrice polacca Iwona Kozlowska, che a maggio aveva poi a sua volta accolto in quel di Berna l’esecutivo del comune locarnese. Domenica 11 settembre sempre all’ex caserma di Losone, si chiuderà idealmente il cerchio con un ultimo evento popolare.

«Proprio in quelle due occasioni, è nata l’idea di organizzare nel nostro comune una festa popolare per sottolineare gli 80 anni della Strada e che allo stesso tempo fosse l’occasione per i polacchi in Svizzera di ritrovarsi – spiega il vicesindaco di Losone Fausto Fornera –. Un appuntamento che l’ambasciatrice polacca vorrebbe riproporre ogni anno, organizzando per i suoi concittadini una passeggiata in questi luoghi di memoria. Quando l’idea si è tramutata nella proposta concreta di ospitarne la prima edizione, il nostro Municipio ha subito aderito con entusiasmo, ottenendo anche la collaborazione della Parrocchia e del Patriziato».

Come ha spiegato la municipale Nathalie Ghiggi Imperatori, «l’ambasciatrice polacca arriverà a Losone già sabato sera (10 settembre, ndr) e farà visita al cimitero, dove riposano quattro soldati polacchi morti durante il loro internato nel nostro comune. La giornata di domenica invece si svolgerà, anche in caso di brutto tempo, all’ex caserma e si aprirà con la messa da campo per la Festa della Madonna d’Arbigo (nell’omonima chiesetta verranno proiettate delle fotografie storiche, ndr), seguita da una parte ufficiale a cui parteciperà, tra gli altri, anche il consigliere di Stato Manuele Bertoli. Infine vi sarà il pranzo offerto. La giornata è aperta a tutta la popolazione (necessario annunciarsi entro lunedì 5 settembre attraverso un formulario online al sito www.losone.ch) e alla comunità polacca (una cinquantina sui 130 iscritti finora), per la quale è stato anche organizzato un trasporto speciale con delle navette proprio fino alla strada costruita dai loro connazionali».

Punto di partenza per scavare più in profondità

Sempre la responsabile del Dicastero protezione dell’ambiente e acqua potabile ha sottolineato come la presenza polacca sul territorio losonese sia riscontrabile anche nelle diverse persone che vi abitano («ad esempio fino a poco fa il presidente del Consiglio comunale era Romolo Pawlowski, nipote di uno di questi internati), mentre Fornera ha concluso sottolineando come «la commemorazione farà riferimento a eventi passati, ma anche l’attualità fa riflettere su situazioni più difficili e su come la politica internazionale possa avere ripercussioni anche sulla dimensione locale. Inoltre dal punto di vista storico potrebbe essere il punto di partenza per scavare più in profondità e approfondire questo periodo della nostra storia locale, come Municipio stiamo riflettendo in maniera seria su come farlo e siamo in contatto con un ricercatore specializzato in materia».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved