ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
25 min

Morbio Inferiore, memoria mensile in santuario

Come ogni mese, l’appuntamento ricorre il 29. In Santa Maria dei Miracoli ci saranno il rosario e la messa
Luganese
53 min

Lamone, tombola al Centro diurno Talete di Pro Senectute

L’incontro con quattro giri è previsto per venerdì 30 settembre dalle 14.30 alle 16.30 in via Girella 4
Luganese
2 ore

Pregassona, porte aperte dell’associazione Amélie

Appuntamento per sabato 1 ottobre dalle 10 alle 18 in via Ceresio 43. Durante l’incontro sarà presentato il nuovo programma delle attività
Locarnese
5 ore

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
7 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
9 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
9 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
17 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
19 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
20 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
21 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
21 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
22 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
22 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
23 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:34

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza

annegamenti-nel-lago-maggiore-soccorsi-e-prevenzione
RescueMedia
Le operazioni di ricerca a Vira G.

È stato individuato e recuperato il corpo dell’83enne, cittadino svizzero residente oltre San Gottardo, scomparso venerdì 12 agosto, poco dopo le 15, a Vira Gambarogno in zona Vignascia. Il ritrovamento è avvenuto nel corso della giornata di ieri a una profondità di circa 106 metri e a mezzo chilometro dalla riva. La Polizia cantonale ha coordinato l’operazione, alla quale ha contribuito il Gruppo ricerca elettronica subacquea (Gres) della Polizia cantonale di Ginevra, munito di speciali apparecchiature, tra cui un sonar per il rilevamento del fondale e un robot per le ricerche subacquee, con telecamera e braccio orientabile.

Le ricerche, particolarmente complesse a causa della profondità, sono state rese difficoltose anche dalle condizioni meteo, come ci ricorda Claudio Müller, presidente della Salvataggio sub Gambarogno: «Sul lago soffiavano venti assai rilevanti. Raffiche da Nord dapprima, poi una rotazione con raffiche da Sud in senso opposto, altrettanto marcate. Questo ha fatto sì che, come era stato il caso nel luglio del 2021 col ragazzo a bordo del pedalò annegato dinnanzi a Muralto, l’imbarcazione si sia spostata di almeno un centinaio di metri dal punto dove il malcapitato era stato visto inabissarsi. Cosa che ha in pratica aumentato considerevolmente il campo di ricerca».

‘La percezione del pericolo è anche un fattore di mentalità’

A distanza di pochi giorni, oltre all’83enne, un secondo uomo ha perso la vita nelle acque del Verbano. A Tenero un turista di 54 anni, anch’egli proveniente dal Nord delle Alpi, è affogato mentre nuotava poco distante dalla riva. E nello stesso momento veniva diramato un allarme rosso per il maltempo. Due casi, seppure diversi tra loro, accomunati da alcuni elementi. Per entrambi il dispiegamento di forze, suddiviso fra sub della Polizia lacuale e società Salvataggio, è stato importante.

E altrettanto importante è l’opera di prevenzione dei pericoli per i bagnanti in Ticino. «Non entriamo nel merito dei casi specifici, perché non abbiamo sufficienti elementi per dare un giudizio su cosa sia successo. Quello che constatiamo, come gruppo di prevenzione "Acque sicure" è che tutte le vittime di quest’anno (cinque in tutto) erano persone provenienti da fuori cantone. Oltre alla poca conoscenza delle nostre rive, subentra anche una percezione del pericolo differente per mentalità e cultura. Un ticinese difficilmente avrebbe fatto il bagno vedendo le condizioni meteo di mercoledì; diverso il discorso per chi invece è svizzero tedesco o nordico», afferma Boris Donda, presidente della commissione cantonale Acque Sicure.

L’aspetto legato alle condizioni meteo non è da sottovalutare. Quando piove molto i fiumi s’ingrossano, la corrente si fa più forte e i rischi per i bagnanti aumentano. Ma per i laghi? «A essere pericoloso non è tanto l’innalzamento del livello dell’acqua quanto le raffiche di vento che rendono le acque mosse, con forti correnti subacquee non visibili dalla riva. Senza dimenticare gli sbalzi termici – continua l’intervistato –. Quello che noi consigliamo sempre, oltre a informarsi su zona e meteo, è conoscere bene la propria capacità fisica e i propri limiti. Se si nuota in acque libere bisogna essere accompagnati da qualcuno e portarsi dietro una tavoletta, una palla, un oggetto a cui aggrapparsi in caso di necessità».

Le sette sorelle del salvataggio

Sono sette, attorno alle rive del Lago Maggiore, le società di salvataggio attive e affiliate alla Sss (Società svizzera di salvataggio). Ad esse compete il soccorso in acqua (e sull’acqua) in collaborazione con la Polizia lacuale. A livello organizzativo, riferisce Arrigo Ghiggi, alla testa della Società salvataggio sub acqua di Tenero-Contra, devono garantire una prontezza d’intervento tutto l’anno, di giorno come di notte. I turni sono settimanali, a rotazione. Non vi è quindi una suddivisione territoriale specifica come si potrebbe in un primo momento pensare; indipendentemente dal luogo d’intervento, su segnalazione della polizia, il picchetto entra in azione. Dal momento della chiamata d’allarme, i sommozzatori hanno dieci minuti di tempo per raggiungere la sede; da lì poi in mezz’ora devono essere sul luogo d’intervento, equipaggiati di tutto punto. Per questo il materiale è già pronto all’uso e caricato sulla veloce imbarcazione di soccorso. Nel caso di Tenero-Contra, la squadra conta 15 sub, appositamente formati per ricerche in acqua, regolarmente impegnati in esercizi congiunti per essere sempre aggiornati e poter collaborare con gli omologhi degli altri sodalizi. Ogni sommozzatore abilitato a queste missioni deve aver conseguito un brevetto (brevetto di salvataggio Plus Pool e Modulo Laghi o superiore) e, in aggiunta, pure l’attestato di Pronto soccorso e Bls-Dae, rilasciato al termine di corsi specifici. Gli "uomini rana" delle varie salvataggio sono istruiti per interventi nel lago (dove sono suddivisi in subacquei con brevetto subacqueo di tipo avanzato o superiore, a seconda delle didattiche), ma all’occorrenza alcuni di loro possono essere d’aiuto pure nelle ricerche condotte nei fiumi. Non da ultimo i membri del gruppo di pronto intervento sono tenuti a effettuare, al di fuori delle giornate di formazione, delle immersioni di allenamento durante tutto l’anno.

Cinque casi di annegamento

Oltre ai due recenti casi di annegamento nel Lago Maggiore, a soli cinque giorni di distanza l’uno dall’altro, in Ticino quest’anno hanno perso la vita in acqua altre tre persone. A San Nazzaro, il 22 maggio, un turista è affogato nei pressi del debarcadero. Al Pozzo di Tegna, il 17 giugno, un quattordicenne del Liechtenstein è stato trascinato via dalla corrente e il giorno dopo, a Caslano, un 78enne cittadino francese ha perso la vita nel Ceresio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved