ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
18 min

Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl

Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
20 min

Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento

Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Ticino
33 min

La Lega dei Ticinesi lancia la campagna elettorale con 4 feste

Si parte da Giubiasco per poi toccare Mendrisio, Quartino e Pregassona. Come consuetudine, alla parte politica è abbinato un pranzo conviviale offerto
Muralto
36 min

Corso di cajon con la Scuola di musica

Cinque sedute per apprendere l’uso di questo strumento musicale con la Sam. Lezioni al via il 9 febbraio
Mendrisiotto
55 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
1 ora

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
1 ora

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
1 ora

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
1 ora

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
2 ore

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
4 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
4 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
4 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
5 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
5 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
5 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:34

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza

annegamenti-nel-lago-maggiore-soccorsi-e-prevenzione
RescueMedia
Le operazioni di ricerca a Vira G.

È stato individuato e recuperato il corpo dell’83enne, cittadino svizzero residente oltre San Gottardo, scomparso venerdì 12 agosto, poco dopo le 15, a Vira Gambarogno in zona Vignascia. Il ritrovamento è avvenuto nel corso della giornata di ieri a una profondità di circa 106 metri e a mezzo chilometro dalla riva. La Polizia cantonale ha coordinato l’operazione, alla quale ha contribuito il Gruppo ricerca elettronica subacquea (Gres) della Polizia cantonale di Ginevra, munito di speciali apparecchiature, tra cui un sonar per il rilevamento del fondale e un robot per le ricerche subacquee, con telecamera e braccio orientabile.

Le ricerche, particolarmente complesse a causa della profondità, sono state rese difficoltose anche dalle condizioni meteo, come ci ricorda Claudio Müller, presidente della Salvataggio sub Gambarogno: «Sul lago soffiavano venti assai rilevanti. Raffiche da Nord dapprima, poi una rotazione con raffiche da Sud in senso opposto, altrettanto marcate. Questo ha fatto sì che, come era stato il caso nel luglio del 2021 col ragazzo a bordo del pedalò annegato dinnanzi a Muralto, l’imbarcazione si sia spostata di almeno un centinaio di metri dal punto dove il malcapitato era stato visto inabissarsi. Cosa che ha in pratica aumentato considerevolmente il campo di ricerca».

‘La percezione del pericolo è anche un fattore di mentalità’

A distanza di pochi giorni, oltre all’83enne, un secondo uomo ha perso la vita nelle acque del Verbano. A Tenero un turista di 54 anni, anch’egli proveniente dal Nord delle Alpi, è affogato mentre nuotava poco distante dalla riva. E nello stesso momento veniva diramato un allarme rosso per il maltempo. Due casi, seppure diversi tra loro, accomunati da alcuni elementi. Per entrambi il dispiegamento di forze, suddiviso fra sub della Polizia lacuale e società Salvataggio, è stato importante.

E altrettanto importante è l’opera di prevenzione dei pericoli per i bagnanti in Ticino. «Non entriamo nel merito dei casi specifici, perché non abbiamo sufficienti elementi per dare un giudizio su cosa sia successo. Quello che constatiamo, come gruppo di prevenzione "Acque sicure" è che tutte le vittime di quest’anno (cinque in tutto) erano persone provenienti da fuori cantone. Oltre alla poca conoscenza delle nostre rive, subentra anche una percezione del pericolo differente per mentalità e cultura. Un ticinese difficilmente avrebbe fatto il bagno vedendo le condizioni meteo di mercoledì; diverso il discorso per chi invece è svizzero tedesco o nordico», afferma Boris Donda, presidente della commissione cantonale Acque Sicure.

L’aspetto legato alle condizioni meteo non è da sottovalutare. Quando piove molto i fiumi s’ingrossano, la corrente si fa più forte e i rischi per i bagnanti aumentano. Ma per i laghi? «A essere pericoloso non è tanto l’innalzamento del livello dell’acqua quanto le raffiche di vento che rendono le acque mosse, con forti correnti subacquee non visibili dalla riva. Senza dimenticare gli sbalzi termici – continua l’intervistato –. Quello che noi consigliamo sempre, oltre a informarsi su zona e meteo, è conoscere bene la propria capacità fisica e i propri limiti. Se si nuota in acque libere bisogna essere accompagnati da qualcuno e portarsi dietro una tavoletta, una palla, un oggetto a cui aggrapparsi in caso di necessità».

Le sette sorelle del salvataggio

Sono sette, attorno alle rive del Lago Maggiore, le società di salvataggio attive e affiliate alla Sss (Società svizzera di salvataggio). Ad esse compete il soccorso in acqua (e sull’acqua) in collaborazione con la Polizia lacuale. A livello organizzativo, riferisce Arrigo Ghiggi, alla testa della Società salvataggio sub acqua di Tenero-Contra, devono garantire una prontezza d’intervento tutto l’anno, di giorno come di notte. I turni sono settimanali, a rotazione. Non vi è quindi una suddivisione territoriale specifica come si potrebbe in un primo momento pensare; indipendentemente dal luogo d’intervento, su segnalazione della polizia, il picchetto entra in azione. Dal momento della chiamata d’allarme, i sommozzatori hanno dieci minuti di tempo per raggiungere la sede; da lì poi in mezz’ora devono essere sul luogo d’intervento, equipaggiati di tutto punto. Per questo il materiale è già pronto all’uso e caricato sulla veloce imbarcazione di soccorso. Nel caso di Tenero-Contra, la squadra conta 15 sub, appositamente formati per ricerche in acqua, regolarmente impegnati in esercizi congiunti per essere sempre aggiornati e poter collaborare con gli omologhi degli altri sodalizi. Ogni sommozzatore abilitato a queste missioni deve aver conseguito un brevetto (brevetto di salvataggio Plus Pool e Modulo Laghi o superiore) e, in aggiunta, pure l’attestato di Pronto soccorso e Bls-Dae, rilasciato al termine di corsi specifici. Gli "uomini rana" delle varie salvataggio sono istruiti per interventi nel lago (dove sono suddivisi in subacquei con brevetto subacqueo di tipo avanzato o superiore, a seconda delle didattiche), ma all’occorrenza alcuni di loro possono essere d’aiuto pure nelle ricerche condotte nei fiumi. Non da ultimo i membri del gruppo di pronto intervento sono tenuti a effettuare, al di fuori delle giornate di formazione, delle immersioni di allenamento durante tutto l’anno.

Cinque casi di annegamento

Oltre ai due recenti casi di annegamento nel Lago Maggiore, a soli cinque giorni di distanza l’uno dall’altro, in Ticino quest’anno hanno perso la vita in acqua altre tre persone. A San Nazzaro, il 22 maggio, un turista è affogato nei pressi del debarcadero. Al Pozzo di Tegna, il 17 giugno, un quattordicenne del Liechtenstein è stato trascinato via dalla corrente e il giorno dopo, a Caslano, un 78enne cittadino francese ha perso la vita nel Ceresio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved