pestaggio-in-rotonda-tentato-omicidio-intenzionale
archivio Ti-Press
Calci alla testa quando la vittima era a terra
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
27 min

Un sabato al Mercato artigianale a Canobbio

La manifestazione metterà in luce anche i prodotti locali. Appuntamento in piazza per il 27 agosto
Locarnese
29 min

Cugnasco Gerra e Lavertezzo, lavori stradali

Interventi notturni su più punti della cantonale nel comprensorio
Bellinzonese
1 ora

Sbanda con l’auto, che si rovescia: donna ferita in modo serio

L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
1 ora

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
2 ore

A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente

Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
2 ore

Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti

Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Bellinzonese
2 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Margherita Coldesina e Raissa Aviles si esibiranno mercoledì 17 agosto a partire dalle 20 sul palco dello Snack bar Camping Bellinzona
Luganese
2 ore

Dialogo tra due artiste a Paradiso

Antonietta Airoldi e Carolina Maria Nazar sono protagoniste di una esposizione tra opere tessute, pittura e incisioni
Locarnese
3 ore

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
3 ore

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
3 ore

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
3 ore

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
4 ore

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
5 ore

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
7 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
24.05.2022 - 19:02

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne

L’accusa principale è omicidio intenzionale, tentato. In subordine: lesioni gravi, tentate. Poi c’è un secondo reato, quello di aggressione (in alternativa lesioni semplici, vie di fatto). Si fa pesante la situazione per i due fratelli, uno di 20 e l’altro di 19 anni, che lo scorso 4 dicembre – assieme ad altri giovani, mai identificati – avevano pestato con violenza un 18enne nella rotonda di Piazza Castello a Locarno. La vittima era finita al Pronto soccorso con ferite diverse, soprattutto alla testa. La vicenda era rimbalzata sui quotidiani, che avevano riportato il racconto dei genitori del 18enne.

I due aggressori erano poi stati acciuffati e arrestati una quindicina di giorni dopo, il 20 dicembre. Da allora sono in carcere e presto finiranno alla sbarra. Dovranno rispondere del loro agire di fronte alle Assise criminali: la Procuratrice pubblica Valentina Tuoni ha concluso l’inchiesta e nei giorni scorsi ha promosso l’accusa.

Qualcuno urlava ‘ammazzalo’

L’Atto d’accusa ripercorre quanto avvenuto quella sera, quando molti giovani (come spesso accade il sabato nella città sul Verbano) centinaia di giovani si sono ritrovati in zona rotonda, a due passi da Piazza Grande. I due fratelli – stando all’atto d’accusa – hanno "intenzionalmente, per dolo eventuale, tentato di uccidere" il 18enne. In subordine, hanno "intenzionalmente tentato di ferirlo, mettendone in pericolo la vita, rispettivamente tentato di cagionare un grave danno al corpo e alla salute fisica di quest’ultimo".

Stando a quanto appurato dalla procuratrice pubblica, il maggiore dei due fratelli ha afferrato il 18enne per le gambe, facendolo cadere. In seguito si è messo sopra di lui e, dopo averlo afferrato per la giacca, gli ha sferrato numerosi pugni al volto. L’altro fratello, con almeno altre due o tre persone non ancora identificate, che facevano parte dello stesso gruppo, gli ha inferto calci in testa. Anche gli altri membri del branco, contemporaneamente, hanno iniziato a colpire con pedate il ragazzo a terra, sia con la punta del piede, sia schiacciandogli la faccia e la testa con la suola delle scarpe. Hanno continuato a pestarlo e si sono accaniti per almeno 30 secondi. Nel mentre – precisa Tuoni – veniva urlato "ammazzalo", "ammazzalo". Un altro ragazzo pure 18enne, ha cercato invano d’intervenire, venendo pure lui colpito con pugni alla testa e alla schiena. Infine il fratello 19enne, messosi in piedi sopra il giovane ancora a terra, lo ha colpito al capo con una bottiglia di vetro vuota.

Solo con il provvidenziale arrivo di un altro ragazzo il 18enne è riuscito a fuggire e ad arrivare nella zona della stazione ferroviaria a Muralto. Lì, attorno alle 23, ha chiamato il padre: "Mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale". Il genitore lo aveva quindi accompagnato al Pronto soccorso e, in seguito, è scattata la denuncia.

Sempre stando all’atto d’accusa, questo episodio di violenza, era stato preceduto da un’altra aggressione. Protagonisti sempre i due fratelli. In rotonda il più giovane, assieme al suo gruppo, ha attaccato briga con un ragazzo (che pure si è costituito parte civile nel procedimento penale), con spintoni, pugni in faccia e, quando la vittima di turno è cascata a terra, con calci in pancia. È a quel momento che, a difesa del malcapitato, è intervenuto il 18enne, sul quale poi si è concentrata l’attenzione dei due fratelli, ora agli arresti.

Infine, per il maggiore dei due aggressori c’è l’accusa di ripetuta contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti per consumo di marijuana.

Va detto che nel corso degli interrogatori i due fratelli, difesi dagli avvocati Andrea Ronchetti e Roberto Rulli, avevano negato parzialmente gli addebiti e in particolare i calci in testa al 18enne mentre era a terra. Più avanti, però, anche questi fatti sono stati in parte ammessi.

Una lunga scia di aggressività

Ripercorrendo la cronaca degli ultimi dodici mesi, diversi sono stati gli episodi di espressione di aggressività da parte di giovani nel Locarnese. Ecco un elenco parziale.

  • 3 luglio 2021: in città rissa fra due 24enni, arrestati il 23 luglio per accertamenti. Le ipotesi di reato: lesioni gravi, subordinatamente semplici, aggressione, rissa e vie di fatto.
  • 20 novembre 2021: un gruppo di minorenni ha aggredito due ragazzi senza motivo durante la serata, in Piazza Grande. Aperta l’inchiesta condotta dalla Magistratura dei minorenni.
  • 4 dicembre 2021: un diciottenne in rotonda è assalito e picchiato da un gruppo di ragazzi, è preso a pugni e calci. Sporta la denuncia, due gli arrestati.
  • 5/6 gennaio 2022: "scazzottamento" fra più persone, con due feriti lievi in zona Piazza Castello. L’ipotesi di reato è quella di rissa.
  • 13 maggio 2022: un docente del Centro professionale commerciale riceve un pugno in faccia da un ex alunno entrato in aula per colpirlo.
  • 14 maggio 2022: al Bagno pubblico si svolge la festa di fine anno dei liceali, il Liloball, durante la quale un 18enne viene picchiato da un gruppetto di ragazzi "venuti da fuori".
  • 20 maggio 2022: un ragazzo insieme a due suoi amici è aggredito nei pressi della stazione Ffs di Muralto nel tardo pomeriggio. Le vittime non conoscevano gli autori dell’aggressione.
Leggi anche:

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Pestaggio in piazza Castello a Locarno, arrestati due giovani

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
18enne aggressione locarno omicidio intenzionale rotonda
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved