pestaggio-in-rotonda-tentato-omicidio-intenzionale
archivio Ti-Press
Calci alla testa quando la vittima era a terra
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
5 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
7 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
8 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
8 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
8 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
8 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
8 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
Ticino
9 ore

Impianti di risalita turistici, giugno positivo

L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
Grigioni
9 ore

Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli

Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’
Ticino
9 ore

Posti di tirocinio: ‘La scelta ai ragazzi, non all’economia’

Aumentano i contratti già firmati, ma c’è una sensibile differenza di offerta (e richiesta) tra un settore e l’altro. ‘Per le ragazze è più difficile’
Luganese
10 ore

Casinò Campione, confermata l’ammissione al concordato

Il tribunale di Como ha fissato l’udienza per il voto dei creditori al 19 settembre
Bellinzonese
10 ore

Sobrio finalista al concorso ‘Villaggio svizzero dell’anno’

Scelto dalla giuria per le iniziative culturali maturate attorno al festival musicale la cui edizione 2022 inizia sabato 9 luglio
Locarnese
11 ore

Losone, un mercatino locale per l’estate

Ogni giovedì, a partire dal 7 luglio fino alla fine di agosto, in via Cesura
Ticino
11 ore

‘Parto in cella, caso gestito in maniera professionale’

La commissione parlamentare dopo le verifiche: ‘L’intervento del personale di custodia e sanitario è stato immediato. La donna mai lasciata sola’
24.05.2022 - 19:02

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne

L’accusa principale è omicidio intenzionale, tentato. In subordine: lesioni gravi, tentate. Poi c’è un secondo reato, quello di aggressione (in alternativa lesioni semplici, vie di fatto). Si fa pesante la situazione per i due fratelli, uno di 20 e l’altro di 19 anni, che lo scorso 4 dicembre – assieme ad altri giovani, mai identificati – avevano pestato con violenza un 18enne nella rotonda di Piazza Castello a Locarno. La vittima era finita al Pronto soccorso con ferite diverse, soprattutto alla testa. La vicenda era rimbalzata sui quotidiani, che avevano riportato il racconto dei genitori del 18enne.

I due aggressori erano poi stati acciuffati e arrestati una quindicina di giorni dopo, il 20 dicembre. Da allora sono in carcere e presto finiranno alla sbarra. Dovranno rispondere del loro agire di fronte alle Assise criminali: la Procuratrice pubblica Valentina Tuoni ha concluso l’inchiesta e nei giorni scorsi ha promosso l’accusa.

Qualcuno urlava ‘ammazzalo’

L’Atto d’accusa ripercorre quanto avvenuto quella sera, quando molti giovani (come spesso accade il sabato nella città sul Verbano) centinaia di giovani si sono ritrovati in zona rotonda, a due passi da Piazza Grande. I due fratelli – stando all’atto d’accusa – hanno "intenzionalmente, per dolo eventuale, tentato di uccidere" il 18enne. In subordine, hanno "intenzionalmente tentato di ferirlo, mettendone in pericolo la vita, rispettivamente tentato di cagionare un grave danno al corpo e alla salute fisica di quest’ultimo".

Stando a quanto appurato dalla procuratrice pubblica, il maggiore dei due fratelli ha afferrato il 18enne per le gambe, facendolo cadere. In seguito si è messo sopra di lui e, dopo averlo afferrato per la giacca, gli ha sferrato numerosi pugni al volto. L’altro fratello, con almeno altre due o tre persone non ancora identificate, che facevano parte dello stesso gruppo, gli ha inferto calci in testa. Anche gli altri membri del branco, contemporaneamente, hanno iniziato a colpire con pedate il ragazzo a terra, sia con la punta del piede, sia schiacciandogli la faccia e la testa con la suola delle scarpe. Hanno continuato a pestarlo e si sono accaniti per almeno 30 secondi. Nel mentre – precisa Tuoni – veniva urlato "ammazzalo", "ammazzalo". Un altro ragazzo pure 18enne, ha cercato invano d’intervenire, venendo pure lui colpito con pugni alla testa e alla schiena. Infine il fratello 19enne, messosi in piedi sopra il giovane ancora a terra, lo ha colpito al capo con una bottiglia di vetro vuota.

Solo con il provvidenziale arrivo di un altro ragazzo il 18enne è riuscito a fuggire e ad arrivare nella zona della stazione ferroviaria a Muralto. Lì, attorno alle 23, ha chiamato il padre: "Mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale". Il genitore lo aveva quindi accompagnato al Pronto soccorso e, in seguito, è scattata la denuncia.

Sempre stando all’atto d’accusa, questo episodio di violenza, era stato preceduto da un’altra aggressione. Protagonisti sempre i due fratelli. In rotonda il più giovane, assieme al suo gruppo, ha attaccato briga con un ragazzo (che pure si è costituito parte civile nel procedimento penale), con spintoni, pugni in faccia e, quando la vittima di turno è cascata a terra, con calci in pancia. È a quel momento che, a difesa del malcapitato, è intervenuto il 18enne, sul quale poi si è concentrata l’attenzione dei due fratelli, ora agli arresti.

Infine, per il maggiore dei due aggressori c’è l’accusa di ripetuta contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti per consumo di marijuana.

Va detto che nel corso degli interrogatori i due fratelli, difesi dagli avvocati Andrea Ronchetti e Roberto Rulli, avevano negato parzialmente gli addebiti e in particolare i calci in testa al 18enne mentre era a terra. Più avanti, però, anche questi fatti sono stati in parte ammessi.

Una lunga scia di aggressività

Ripercorrendo la cronaca degli ultimi dodici mesi, diversi sono stati gli episodi di espressione di aggressività da parte di giovani nel Locarnese. Ecco un elenco parziale.

  • 3 luglio 2021: in città rissa fra due 24enni, arrestati il 23 luglio per accertamenti. Le ipotesi di reato: lesioni gravi, subordinatamente semplici, aggressione, rissa e vie di fatto.
  • 20 novembre 2021: un gruppo di minorenni ha aggredito due ragazzi senza motivo durante la serata, in Piazza Grande. Aperta l’inchiesta condotta dalla Magistratura dei minorenni.
  • 4 dicembre 2021: un diciottenne in rotonda è assalito e picchiato da un gruppo di ragazzi, è preso a pugni e calci. Sporta la denuncia, due gli arrestati.
  • 5/6 gennaio 2022: "scazzottamento" fra più persone, con due feriti lievi in zona Piazza Castello. L’ipotesi di reato è quella di rissa.
  • 13 maggio 2022: un docente del Centro professionale commerciale riceve un pugno in faccia da un ex alunno entrato in aula per colpirlo.
  • 14 maggio 2022: al Bagno pubblico si svolge la festa di fine anno dei liceali, il Liloball, durante la quale un 18enne viene picchiato da un gruppetto di ragazzi "venuti da fuori".
  • 20 maggio 2022: un ragazzo insieme a due suoi amici è aggredito nei pressi della stazione Ffs di Muralto nel tardo pomeriggio. Le vittime non conoscevano gli autori dell’aggressione.
Leggi anche:

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Pestaggio in piazza Castello a Locarno, arrestati due giovani

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
18enne aggressione locarno omicidio intenzionale rotonda
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved