locarno-papa-mi-hanno-picchiato-di-brutto
archivio Ti-Press
L’episodio di sabato 4 dicembre è solo uno dei molti che si consumano nel fine settimana
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
6 min

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
Mendrisiotto
1 ora

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
Grigioni
1 ora

Niente fuochi d’artificio neppure a Ferragosto a San Bernardino

Le pessime condizioni idriche e il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto rimandano la ricorrenza all’anno prossimo
Mendrisiotto
1 ora

Cucina, musica e sport per le feste della Sav Vacallo

L’appuntamento si terrà all’ex asilo Riva e inizierà mercoledì 17 agosto con la proiezione di ‘Spider-Man’
Mendrisiotto
1 ora

Serata al chiar di luna alle scuole di Lattecaldo

L’evento, con entrata libera, si terrà venerdì 19 agosto nell’anfiteatro del centro scolastico
Grigioni
1 ora

A San Bernardino si danno i numeri a suon di musica

Domenica 14 agosto dalle 17 alle 19 verrà organizzata una tombola a ritmo delle melodie della fisarmonica, ricchi premi della regione in palio
Ticino
1 ora

Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni

L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Locarnese
1 ora

Locarno, lavori di pavimentazione stradale

Interesseranno da mercoledì prossimo a fine settembre la via Rinaldo Simen
Locarnese
2 ore

Minusio, miniferrovia in funzione

I convogli elettrici e a vapore circoleranno domenica dalle 20 alle 21.30
Luganese
4 ore

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand di Iseo

Appuntamento sabato 13 agosto allo stand di 300 metri. Sarà ancora possibile sparare sabato 27 agosto
Luganese
4 ore

‘Le vie dei pardi’ al Parco Ciani di Lugano

La 21esima edizione della rassegna cinematografica si terrà dal 18 al 20 agosto. Saranno proposte tre pellicole presentate a Locarno75
Bellinzonese
4 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Malvaglia

La Società La Guglielmo Tell organizza l’evento mercoledì 17 agosto dalle 17 alle 18.30 e sabato 20 agosto dalle 14 alle 17
Luganese
4 ore

Patriziato di Bedigliora, Banco e Nerocco in festa

L’evento è in programma domenica 28 agosto al capannone del campo da calcio a Banco
Bellinzonese
4 ore

Grigliata della Società Bocciofila Alta Leventina

L’appuntamento è in programma sabato 27 agosto a partire dalle 12.30 presso il Centro Atte di Ambrì
Bellinzonese
4 ore

Riviera, sbarramento della strada via Rascai

Il Comune informa della chiusura parziale o totale della tratta indicata da martedì 16 agosto a martedì 30 agosto
Bellinzonese
4 ore

La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto

Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Bellinzonese
5 ore

Cadenazzo, festa sui monti di Piantürin

Il locale Patriziato domenica 21 agosto organizza un ricco programma ricreativo a far da cornice alle rinnovate cascine
Locarnese
5 ore

Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli

Attribuito dal Gigante giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Locarno
09.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:13

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Maurizio Tamagni sui pestaggi: ‘Sono preoccupato, la storia sembra ripetersi’. Il Municipio nell’immediato applicherà misure incisive

«Sono preoccupato perché si sta ripresentando la stessa situazione che ha portato alla morte di mio figlio Damiano. Già un paio di anni prima (dell’omicidio del 2008 alla Stranociada; ndr), c’erano stati diversi episodi di violenza, in diverse zone del Ticino. Ho sempre paura che prima o poi succeda di nuovo. Fatti di questo genere non vanno presi sottogamba». A parlare è Maurizio Tamagni, papà di Damiano, nonché presidente della Fondazione omonima che appoggerà e sosterrà la famiglia di E. «Noi cerchiamo di fare il possibile come Fondazione, a livello di prevenzione e attuazione di progetti a sostegno della nonviolenza. In questo senso abbiamo appena deciso di sostenerne uno che coinvolge i genitori futuri o già con figli, sin dalla loro infanzia».

Cronaca di un sabato sera

“Mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale”. Alle 23 circa di sabato sera 4 dicembre, Paolo riceve la telefonata concitata di suo figlio E. (nome noto alla redazione) che chiede aiuto. Il padre esce subito di casa e lo raggiunge in stazione a Muralto: «Era tutto tumefatto con la faccia gonfia». Durante una conferenza stampa svoltasi martedì scorso, Paolo e Yamira – la madre – hanno raccontato l’episodio di grave violenza di cui è stato vittima suo malgrado loro figlio, uno studente da poco 18enne domiciliato nella regione che sabato è stato picchiato a sangue da una decina da una decina di ragazzi incappucciati in Piazza Castello a Locarno, noto ritrovo del fine settimana per una moltitudine di giovani. E purtroppo tristemente conosciuto per i pestaggi che vi si consumano.

L’intento dei genitori era quello di esporre l’accaduto e denunciare pubblicamente il pestaggio. Una presa di posizione forte, che ha fatto seguito all’importante eco suscitata dal post pubblicato dalla madre a inizio settimana su Facebook: una richiesta d’aiuto, un appello ai possibili testimoni di farsi avanti, per rintracciare i colpevoli e consegnarli alla giustizia.

Voleva pacificare, si è ritrovato a terra

La dinamica del pestaggio l’ha raccontata il papà: «Un amico di mio figlio (un minorenne, anche lui accompagnato in ospedale perché malmenato e ferito; ndr) stava litigando con uno di questi ragazzi; mio figlio si è intromesso per separarli. A un certo punto ha ricevuto un forte montante sul mento, è caduto a terra stordito e il gruppo ha iniziato a tirargli calci alla testa; miravano solo alla testa», ha continuato costernato con la voce tremante di rabbia. «Lo hanno menato forte» e si incitavano fra di loro a suon di «ammazzalo, ammazzalo». Dopo gli accertamenti in ospedale per scongiurare traumi cranici, il giovane è rientrato a casa e sempre martedì è andato a scuola «per non pensare a quanto gli è successo, è rimasto molto scioccato», ha spiegato la mamma.

La denuncia verrà sporta nei prossimi giorni, intanto i genitori fanno sapere che l’avvocato Gianluigi Della Santa (nonché sindaco del Comune di Gambarogno) si è proposto di seguire il caso e patrocinare la famiglia.

Non sono episodi isolati

In seguito al post su Facebook «abbiamo ricevuto tantissime chiamate e tantissimi messaggi», in buona parte di genitori che hanno espresso solidarietà e alcuni hanno persino condiviso esperienze simili in cui sono stati coinvolti i loro figli: «Abbiamo ricevuto addirittura video che imperversano su TikTok di questo gruppo di violenti che picchia e si fa filmare per poi condividere sui social quanto hanno fatto», ha aggiunto sconvolta e molto preoccupata Yamira.

Un gruppo nomade di picchiatori

Piazza Castello e la rotonda sono diventati luogo di ritrovo per una moltitudine di ragazzi, si parla di 300-400 persone ogni fine settimana: «Ci sono video sui social di centinaia di giovani che si ritrovano per passare la serata ascoltando musica, ballando, stando semplicemente insieme…». Tuttavia da quanto ha raccontato la famiglia; dagli episodi noti di pestaggi successi negli ultimi mesi in Città, nonché da voci che riportano di risse da strada, si sviluppa una fotografia preoccupante di violenza giovanile gratuita e normalizzata (ai limiti dell’esaltazione), filmata e “postata” come grande impresa, in particolare da un «gruppo nomade di picchiatori» (stando a nostre informazioni, proveniente dal Sottoceneri) che ha scelto il luogo di ritrovo come ring per menare le mani, fare del male e postare in seguito sui social le loro spedizioni. Una cultura di violenza banalizzata, spettacolarizzata, persino enfatizzata, che non coinvolge solo gli autori del pestaggio ma anche coloro che filmano e condividono i video.

La Polizia cantonale – che si occupa delle indagini – ha confermato a ‘laRegione’ il fatto e il coinvolgimento, quali vittime, di due persone. «Al momento sono in corso accertamenti per stabilire i fatti e le responsabilità. Non v’è stato alcun fermo, per ora», ha concluso.

Più pattugliamenti e controlli

«È un gran dispiacere sapere che chi era presente non ha reagito. C’è sicuramente una responsabilità individuale di chi ha commesso il reato; ma anche – eticamente e moralmente – di chi ha visto, magari filmato, e non ha fatto niente. Per me, come persona, è inaccettabile». Pierluigi Zanchi, capodicastero Sicurezza della Città di Locarno, ha commentato così il pestaggio di sabato sera, in cui due ragazzi sono stati feriti, fortunatamente, senza gravi conseguenze fisiche. Il municipale, interpellato da ‘laRegione’, ha spiegato che per arginare il fenomeno della violenza giovanile «nell’immediato, ciò che possiamo fare è rafforzare il pattugliamento nei fine settimana». Questa è stata la decisione presa in emergenza dall’esecutivo martedì scorso «in attesa dei risultati dell’inchiesta. È l’unica soluzione possibile ora», ha ribadito. «Una volta ricevuti i rapporti di polizia, si potranno prendere ulteriori provvedimenti», ha aggiunto.

Leggi anche:

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarno pestaggi violenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved