terreno-agricolo-da-castione-a-losone-tre-opposizioni
Ti-Press
Il bosco diverrà un frutteto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
4 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
5 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
5 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
5 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
5 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
5 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
5 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
5 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
6 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
6 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
6 ore

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
6 ore

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
Locarnese
6 ore

Il Castello incantato fa tappa a Muralto, Frasco e Contone

Giovedì 18 agosto al Burbaglio l’Antico circo de madera, sabato in Valle Verzasca e domenica a Gambarogno anche i laboratori di costruzione di burattini
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, eventi di fine agosto in arrivo

Si potrà scegliere tra film, mostre e letture. Ottime occasioni per passare del tempo in compagnia
17.05.2022 - 15:22
Aggiornamento: 16:46

Terreno agricolo da Castione a Losone: tre opposizioni

Alla serata pubblica sulla compensazione prevista per le nuove officine Ffs, critiche, domande e segnali di sostegno

Compensare la perdita di terreno agricolo ad Arbedo-Castione con la bonifica di una superficie, usata dall’esercito fino al 2005, sulla piana di Arbigo a Losone. La proposta – illustrata lunedì alla popolazione del comune locarnese nel corso di una serata pubblica – nasce dalla necessità di recuperare il suolo coltivabile che sparirà nella località del Bellinzonese a causa dell’edificazione delle nuove officine Ffs.

Ma l’idea non piace a tutti. L’Unione contadini ticinesi (Uct) e il Wwf inoltreranno opposizione all’Ufficio federale dei trasporti e per motivi simili. «Siamo perplessi di fronte alla proposta – ha spiegato in sala Tanja Bisacca dell’Uct –. Abbiamo saputo di questa scelta dalla stampa e mi sembra che la collaborazione con noi per la ricerca di soluzioni, anche da parte del Dipartimento del territorio, non è stata quella che potevamo aspettarci. Peccato. In ogni caso, il progetto losonese, che ci è stato tenuto nascosto per tanto tempo, è inutile per i contadini di Castione. L’area Sac (Superficie per l’avvicendamento delle colture) andava trovata tra Riviera e Bellinzonese». Dello stesso parere Francesco Maggi, coordinatore del Wwf Ticino, che ha confermato l’opposizione, peraltro già preannunciata. A suo dire il progetto ha delle virtù, soprattutto pensando alla valorizzazione della zona. Tuttavia «per noi le compensazioni vanno fatte in loco. Invece Bellinzona propone una densificazione da paura del costruito, senza indietreggiare neanche di un metro». Gli ha risposto Andrea Maeder, responsabile aree Sac per il progetto Ffs: «In verità trasformeremo in agricola una zona industriale di 3,1 ettari a Camorino. Lo stesso dicasi per un "fuori zona" di 1,2 ettari con edifici diversi a Iragna». Per altro va ricordato che i proprietari di diversi terreni idonei nel Bellinzonese non hanno accettato le offerte Ffs.

L’opposizione di Losone

La terza opposizione arriva dal Comune di Losone, ma – come hanno specificato il sindaco Ivan Catarin e il suo vice Fausto Fornera – è di altro genere. Infatti mira a estendere l’area coinvolta, comprendendo anche la strada che scende verso il golf e parte del sedime dell’ex caserma. La richiesta: poter modificare il tracciato della carreggiata, eliminando il tornante a gomito, e rinaturare maggiormente il riale Segna, creando anche uno stagno.

Il progetto delle Ffs

Dopo l’intervento di Federico Rossini, capoprogetto Ffs, che ha spiegato i contenuti delle future officine a Castione (così come tempi e costi di realizzazione) è intervenuto Marco Mattogno, ingegnere ambientale, che si è concentrato sul progetto losonese, rispondendo anche alle diverse domande della sala. In sostanza, la zona Sac di 3,7 ettari comprenderà un vasto prato da sfalcio, un frutteto con specie rare presenti nelle valli ticinesi. Di più: nella parte verso lo Zandone la roccia sarà ripulita e lasciata a vista. Saranno poi create una pista finlandese, un sentiero perimetrale, una ciclopista a lato della cantonale e una coltivazione di cespugli con bacche e frutti. I due riali verranno riportati allo stato naturale. La zona Sac prevede che, in caso di necessità e su richiesta della Confederazione, possa diventare coltivabile nel giro di un anno.

Arriverà la terra di Castione

Rispondendo, in rapida carrellata, alle domande dei losonesi, Mattogno ha affermato che il sedime verrà bonificato, asportando uno strato di terra di diverse decine di centimetri: suolo contaminato dall’attività militare durata diversi decenni. Al suo posto verrà depositato sulla piana dell’Arbigo il materiale asportato a Castione, per lo scavo delle officine. Il viavai di camion durerà circa sei mesi e dovrebbe venir assorbito dalla rete viaria losonese senza causare eccessivi disagi al traffico locale. Nessuna risposta, invece, in merito all’investimento (milionario, si presume) per questa operazione. La gestione di prato e frutteto sarà presa a carico dalle Ffs per i primi anni (tre per il prato, cinque per il frutteto); poi passerà al Comune, con una spesa stimata in alcune decine di migliaia di franchi annui. I rappresentanti del Municipio locale hanno quindi colto l’occasione per specificare che, comunque e in ogni caso, quel terreno andrà bonificato. Ora a spese delle Ffs; ma se la proposta dovesse venir bocciata, in futuro l’opera dovrà essere sostenuta finanziariamente dal Comune, con l’aiuto della Confederazione.

E ancora: la bonifica non interferirà con un futuro sviluppo del comparto ex caserma, per ora ancora fermo alla fase del ricorso al Tribunale federale. Qualcuno ha posto dubbi sulla necessità di un frutteto e le Ffs hanno replicato che per Losone si tratta di un’opportunità, non di un obbligo.

Va detto che da parte del Comune di Losone l’appoggio al progetto c’è, anche perché rientra nei parametri stabiliti per il futuro del comparto (verde e svago), ma pure perché è collegato con una rete di aree naturali pregiate, alcune delle quali protette.

Infine sono giunte indicazioni temporali: se la trasformazione della piana dell’Arbigo in zona Sac sembra raccogliere il consenso sia del Cantone sia della Confederazione, resta aperta la questione dei rilievi botanici e faunistici, con un rapporto che sarà esaminato dalla Commissione federale natura e paesaggio. Un’analisi che durerà un paio di mesi e che scaturirà nella decisione commissionale a metà settembre. Un esame atteso il cui esito non è scontato: la commissione, infatti, non pondera i diversi interessi in gioco, ma unicamente le questioni naturalistiche.

Leggi anche:

Terreni Sac e Officine Ffs: Wwf contrario alla soluzione Losone

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
castione losone officine ffs terreno agricolo zone sac
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved