vallemaggia-uno-o-piu-lupi-nel-mirino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
41 min

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
43 min

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
44 min

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
1 ora

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
1 ora

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
2 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
2 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
2 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
laR
 
03.05.2022 - 05:10
Aggiornamento: 19:38

Vallemaggia, uno o più lupi nel mirino

Dopo le recenti stragi di ovini, si attende dal governo la probabile autorizzazione all’abbattimento del (o degli) esemplari problematici

Mentre gli avvistamenti del lupo, nelle vallate ticinesi, non fanno ormai quasi più notizia tanto sono ricorrenti e mentre l’Unione contadini ticinesi torna a sbandierare la richiesta di un abbattimento immediato del predatore, da Bellinzona si attende di sapere se l’autorizzazione a sparare verrà, o meno, concessa, alla luce soprattutto delle recenti stragi compiute in Valle Rovana. Il tempo, per i pastori e i proprietari di animali da reddito, stringe, anche perché il bestiame presto dovrà lasciare le stalle. La pressione sulle autorità cantonali è dunque tanta ed è sfociata, come noto, settimana scorsa, in un’insolita azione di protesta che ha spinto un gruppo di allevatori a portare le carcasse degli ovini sbranati a Cerentino davanti a Palazzo delle Orsoline.

Mancano i risultati del Dna ma i requisiti ci sono

Insomma il momento è delicato anche per le autorità. Saranno loro (Consiglio di Stato) a decidere se il lupo che "banchetta" indisturbato in alta Vallemaggia (17 gli ovini uccisi nei raid) avrà, o meno, le ore contate, dal momento che i requisiti per la sua eliminazione, a quanto è dato sapere, vi sarebbero tutti. Mancano intanto ancora i risultati dell’esame del Dna dal laboratorio incaricato delle analisi a Losanna. Bisognerà munirsi di pazienza, visto che occorreranno ancora alcuni giorni.

Su quale esemplare puntare il fucile?

Vi è però un altro problema di non facile risoluzione: in alta Vallemaggia si parla di più lupi in azione (due certi, tre quelli scoperti dall’allevatore il giorno della mattanza del suo gregge, all’interno della recinzione) quindi quale di essi va punito con la "condanna capitale?" Occorrerà monitorare attentamente gli esemplari per identificarne il reo o verranno eliminati tutti e tre? Inoltre bisognerà accertarsi che tra di loro non vi sia un esemplare femmina gravida, per abbattere la quale, in tal caso, occorre in primo luogo un preavviso favorevole da parte di Berna (Ufficio federale dell’ambiente).

I due Dipartimenti, del Territorio per quanto riguarda l’Ufficio caccia e pesca e quello delle Finanze ed economia, da noi interpellati, non rilasciano informazioni più esaustive al riguardo. Fanno sapere di essere in una fase procedurale di valutazione.

Da parte sua il Wwf, per bocca di Massimo Mobiglia, presidente della sezione della Svizzera italiana, osserva che «senza disporre degli elementi necessari alla base di un’eventuale autorizzazione all’abbattimento, non ha senso rilasciare un preavviso. Se le autorità competenti (Cantone e Ufficio federale dell’ambiente) dimostreranno di aver rispettato tutti i criteri, Wwf Svizzera non investirà tempo in opposizioni. È chiaro che sarebbe più opportuno che i tre lupi lasciassero l’area sulle proprie zampe, spostandosi altrove prima che sia tardi. Ripeto: in assenza di elementi concreti, impossibile sbilanciarsi».

Inseguimenti alla luce del sole

Negli ultimi giorni vi sono stati ulteriori avvistamenti. Nel fine settimana, un lupo è stato ripreso mentre, in pieno giorno, inseguiva un capriolo sui prati di Cimalmotto; tracce di più esemplari sono state invece rinvenute sulla neve nella zona Grossalp; infine pare manchi all’appello un alpaca di proprietà di un allevatore della zona. Lo stesso che qualche mese fa si è visto sgozzare dal canide selvatico due esemplari che erano al pascolo nella Valle di Campo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abbattimento autorizzazione lupi vallemaggia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved