minusio-non-referendabile-il-credito-per-la-fermata-tilo
Ti-Press
Tiziano Tommasini, promotore della domanda di referendum
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
33 min

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
36 min

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
37 min

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
1 ora

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
1 ora

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
2 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
2 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
2 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
laR
 
19.04.2022 - 05:20
Aggiornamento: 17:59

Minusio, non referendabile il credito per la fermata Tilo

Regolare ma solo parzialmente ricevibile la domanda referendum contro il progetto Ffs promossa dall’ex vicesindaco Tiziano Tommasini

La fermata Ffs-Tilo a Minusio è salva. Lo ha stabilito il Municipio dovendo statuire sulla domanda di referendum presentata dall’ex vicesindaco Tiziano Tommasini. Domanda che è stata ritenuta regolare (772 firme valide sulle 827 raccolte, quando ne servivano 731) ma solo parzialmente ricevibile.

Il perché, il Municipio del sindaco Felice Dafond lo ha motivato con il fatto che è referendabile unicamente la parte di credito (342mila franchi) riguardante le opere di valorizzazione e di arredo stradale di via Verbano e via Remorino, ma non quella (550mila franchi) inerente alla realizzazione del nodo ferroviario Tilo. Questo "poiché trattasi di una spesa determinata, fissata dal Consiglio di Stato il 5 maggio 2021, in applicazione degli articoli 22, 23 e 30 della Legge sul trasporto pubblico, il cui principio e la cui portata sono stabiliti dal diritto cantonale secondo precisi criteri e che è assolutamente necessaria per l’attuazione del progetto delle Ffs, inserito nel PALoc2".

Questa spesa, ha aggiunto l’esecutivo di Minusio, "è prescritta nel suo principio dalla legislazione cantonale e ha pertanto natura vincolata poiché essa è stata predeterminata e acquisita in via definitiva da una decisione base di rango superiore, di cui ne costituisce il corollario necessario".

Ergo, la battaglia che Tiziano Tommasini ha voluto combattere contro un progetto sviluppatosi mentre l’ex vicesindaco ancora sedeva in Municipio – ma al quale si sarebbe sempre detto contrario – è stata persa. Non tanto per disinteresse da parte della popolazione sollecitata a sostenerla nell’ambito della raccolta di firme, quanto per un motivo formale.

La domanda di referendum era stata lanciata con lo slogan "No alla fermata Ffs-Tilo. Salvaguardiamo Rivapiana" e si riferiva al credito complessivo di 895mila franchi votato dal Consiglio comunale il 24 gennaio di quest’anno. Credito che si divideva appunto in due parti: 550mila franchi quale partecipazione massima del Comune alla realizzazione della fermata ferroviaria in zona Remorino (su una spesa totale di 5,7 milioni), più 342mila franchi per opere annesse di valorizzazione e arredo stradale su via Verbano e via Remorino, oltretutto cofinanziato in misura del 50% dalle Ferrovie federali svizzere.

Tommasini, contrario in primo luogo alla fermata Tilo, riteneva che il Municipio di cui faceva parte avesse sottovalutato l’importanza di maggiormente coinvolgere la popolazione nel progetto; progetto che ritiene di fatto inutile per Minusio, ma anche soggetto a forte rischio di speculazione edilizia indotta. Tommasini aveva chiarito di non contestare la politica intrapresa dalla Confederazione per agevolare l’uso della rotaia, ma considerava «opportuno che queste strutture siano servite in modo ottimale, senza sconvolgere le zone pregiate; inoltre, devono essere coordinate con altri servizi pubblici (bus, posteggi, percorsi pedonali e ciclabili)».

Tutte argomentazioni buone per le oltre 700 persone che le hanno sottoscritte in Comune, ma che avevano fatto alzare qualche sopracciglio a livello politico e non solo. Fra chi si era detto «sorpreso e perplesso» dalla decisione dell’ex collega di lanciare una crociata contro la fermata, il sindaco stesso, Felice Dafond, che aveva in primo luogo espresso più di un dubbio sulla ricevibilità della domanda di referendum. Quanto alla contestazione del credito di 342mila franchi per valorizzazione e arredo di via Verbano e via Remorino, Dafond aveva detto di ritenerla «oltre che inopportuna, anche un autogol», visto che all’opera progettata da Michele Arnaboldi Architetti Sagl «si aggiungono gli sforzi compiuti per garantire un adeguato inserimento architettonico e paesaggistico della fermata. Minusio ha chiesto la creazione di aree verdi, la piantumazione di arbusti e alberature, nonché un disegno architettonico di qualità». Ma sarà proprio questa, la parte di credito che dovrà o potrà passare dalle forche caudine di un voto popolare. A questo proposito, l’esecutivo ha comunicato che l’assemblea dei cittadini sarà convocata al voto domenica 25 settembre 2022 "compatibilmente con eventuali procedure ricorsuali; se del caso, la data della votazione verrà fissata ulteriormente". Stando alla tempistica finora indicata, l’inizio dei lavori di realizzazione della fermata Ffs-Tilo di Minusio è previsto entro l’autunno di quest’anno, per consentirne la messa in servizio nel dicembre del 2023.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
domanda referendum ex vicesindaco fermata tilo minusio tiziano tommasini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved