referendum-fermata-tilo-il-sindaco-sorpreso-e-perplesso
Ti-Press
Il sindaco Dafond non è contento per la sortita dell’ex collega di Municipio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Ticino
12 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
13 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
14 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
15 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
18 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
22 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
28.02.2022 - 05:25
Aggiornamento : 15:01

Referendum fermata Tilo, il sindaco: ‘Sorpreso e perplesso’

Minusio, dopo l’annunciata iniziativa dell’ex collega di Municipio Tiziano Tommasini, Felice Dafond difende il progetto in tutti i suoi aspetti

«Inaspettata e che lascia perplessi». Felice Dafond, sindaco di Minusio, ha accolto con una certa sorpresa la notizia della volontà dell’ex vicesindaco Tiziano Tommasini di lanciare una domanda di referendum contro il credito votato all’unanimità dal Consiglio comunale per la fermata Tilo a Minusio e la valorizzazione e l’arredo stradale di via Verbano e via Remorino.

‘Partecipazione finanziaria decisa dal Consiglio di Stato’

«La premessa è che una domanda di referendum è nel diritto di ogni cittadino. Detto questo, non posso nascondere una certa perplessità per le motivazioni addotte dall’ex collega. È ovvio che se verranno consegnate le firme vi sarà la valutazione di ricevibilità della domanda di referendum da parte del Municipio, come richiede la prassi». A monte, Dafond ricorda comunque che «la partecipazione finanziaria comunale, per un massimo di 550mila franchi, era stata decisa dal Consiglio di Stato sulla base della Legge sul trasporto pubblico, e contro questa decisione il Municipio non aveva ritenuto di dover ricorrere al Gran Consiglio. È, quindi, cresciuta in giudicato». Allo stesso modo, «è definitiva, poiché anch’essa cresciuta in giudicato, la licenza edilizia per la costruzione della fermata, ottenuta dalle Ffs seguendo la regolare procedura della domanda di costruzione».

Quanto al credito "aggiuntivo" di 342mila franchi, con la generosa partecipazione di Ffs in misura del 50%, per la valorizzazione del comparto Remorino, «a titolo personale sostengo che contestare questa parte di credito, oltre che inopportuno, mi sembra francamente un autogol». All’opera, progettata da Michele Arnaboldi Architetti Sagl, «si aggiungono gli sforzi compiuti per garantire un adeguato inserimento architettonico e paesaggistico della fermata. Minusio ha chiesto la creazione di aree verdi, la piantazione di arbusti e alberature, nonché un disegno architettonico di qualità». Senza dimenticare l’aggiunta di un servizio igienico a utilizzo dei viaggiatori, che non rientrava negli standard Ffs ma che è stato ottenuto dopo varie insistenze.

‘La fermata è importante e valorizza il territorio’

Confrontato con la prospettiva che un’opera attesa da tempo possa franare prima ancora di venire costruita, Felice Dafond tiene a fare un passo indietro proprio evidenziando l’aspetto della tempistica: «Della fermata di Minusio si parla da decenni, è inserita a livello di pianificazione cantonale e federale, è stata approfondita, votata e discussa nei vari gremi, ritenuta assolutamente rispettosa del contesto della mobilità regionale e si inserisce in modo ottimale nell’offerta di trasporto pubblico». Il sindaco ribadisce che «la fermata è importante perché valorizza il territorio, è una porta sul Lago Maggiore e permette ai cittadini di spostarsi con maggiore comodità. Non mi sembrano vantaggi da poco».

Quanto alla presunta carenza, o addirittura assenza d’informazione pubblica evocata da Tommasini per un maggior coinvolgimento della popolazione, Dafond non frena una reazione di sorpresa: «Abbiamo fatto tutto quel che c’era da fare, a più livelli, andando a più riprese in Consiglio comunale. È in previsione il concorso tra vari architetti e i loro gruppi di lavoro per capire cosa si potrebbe inserire nel comparto Remorino per valorizzarlo, e con quanto ottenuto torneremo in legislativo. Infine, vanno citate le mozioni presentate nello stesso gremio. Quindi tutto si può dire ma non che sia mancata l’informazione». Un concetto, questo, già ampiamente sottolineato nel messaggio municipale appena votato dal legislativo; messaggio in cui si ricordava "la presentazione nel 2014 dello studio d’analisi e ricerca del laboratorio dell’Università della Svizzera italiana", nonché i "i lavori di semestre dell’Accademia di architettura di Mendrisio nel 2015" o, ancora, "il lavoro specialistico di ricerca dello Studio UHT Projects & Management Sa di Lugano, finalizzato a individuare le potenzialità pubbliche e private del comparto".

In conclusione, il sindaco sottolinea che «Minusio vuole giustamente valorizzare i suoi spazi, compreso il comparto Remorino dove sorgerà la fermata Tilo. Questo tema riprende fra l’altro quello più generale sviluppato dalla Confederazione a livello pianificatorio e che prevede lo sviluppo centripeto degli agglomerati laddove vi sono le fermate, senza che ciò determini il rischio di speculazioni edilizie».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
felice dafond fermata tilo minusio referendum sindaco tiziano tommasini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved