ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
2 ore

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
6 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
9 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
10 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
10 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
11 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
11 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
11 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
11 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
12 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
12 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
12 ore

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
Luganese
12 ore

Lugano, torna il presepe sott’acqua

Fervono i preparativi per l’allestimento del tradizionale evento. L’inaugurazione è prevista sabato 17 dicembre
08.04.2022 - 08:30

Onsernone, al Museo uno sguardo sui ‘Neorurali’

Nello spazio espositivo di Loco la mostra dedicata al Novecento in valle si sofferma su questa particolare immigrazione. Sabato la stagione riparte

onsernone-al-museo-uno-sguardo-sui-neorurali

Il lavoro dei boscaioli, gli attrezzi da loro usati per lavorare il legname, esaurienti foto testimonianza di quanto fosse diffusa e dura la vita dei taglialegna nell’Onsernone. A questa attività, che ha segnato lo sviluppo della vallata nel corso dei decenni, il piccolo e attrattivo Museo Onsernonese ha dedicato, lo scorso anno, una mostra temporanea dal titolo ‘Vita da boscaiolo – dal troncon e la sovenda, alla motosega e l’elicottero’. Ebbene l’interesse suscitato da questa proposta ha convinto i responsabili della struttura espositiva a riproporla al pubblico, nella sede di Loco, anche quest’anno.

All’esito positivo di questa iniziativa si accompagnano, in sede di bilancio, anche la conclusione del progetto ‘Onsernone ieri e oggi: il Novecento’ e la ricostruzione del canale d’adduzione dell’acqua del mulino. Temi dei quali si è discusso giovedì, in occasione dell’Assemblea del Museo Onsernonese. Mattia Dellagana, curatore della programmazione, nel suo intervento ha ricordato in entrata il riallestimento completo dell’intero secondo piano di Casa De Giorgi, spazio in passato dedicato alle mostre temporanee, oggi parte integrale del percorso permanente del Museo. Il pubblico può continuare il suo viaggio nella storia della valle addentrandosi, appunto, al secondo piano della sede, nel passato più recente dell’Onsernone: il Novecento.

In fuga dalle città alla ricerca dei valori della vita rurale

Da osservare, al riguardo, che è stato creato un allestimento che mette in relazione la storia della valle nel corso del secolo scorso con una delle principali particolarità che distingue l’Onsernone dalle altre vallate (pre)alpine: l’immigrazione che nel corso del Novecento ha portato in valle sia importanti personalità del mondo culturale europeo, sia rappresentanti di subculture progressiste (o regressive), i cosiddetti ‘Neorurali’, rappresentanti di una reazione alla crisi sociale e morale della città. Decisi a incoraggiare l’abbandono della società dei consumi, in gran numero raggiunsero e si stabilirono nei piccoli paesi della valle che si andavano spopolando.

La presentazione di questo particolare fenomeno immigratorio – finora assente nella mostra permanente del Museo – costituisce, come ha spiegato Mattia Dellagana, il filo conduttore lungo il quale nella seconda sala è stato illustrato il Novecento Onsernonese.

In questo spazio non ci si è limitati a ricordare le persone giunte in valle nel corso degli anni, ma si è voluto illustrare il contesto sociale, economico e ambientale, nonché le relative interdipendenze tra le diverse fasi di questo fenomeno immigratorio e le trasformazioni avvenute in valle nel corso del XX secolo. Il tema dell’immigrazione è diventato così una nuova chiave di lettura della storia più recente: com’era l’Onsernone ai tempi in cui Aline Valangin riceveva i suoi ospiti nel palazzo della Barca? Com’era la valle quando Max Frisch acquistò una proprietà a Berzona? O quando dal Nord delle Alpi giunsero frotte di ‘alternativi’?

Il progetto ha visto ugualmente concludersi il perfezionamento, lo sviluppo e la promozione del Manuale digitale presentato al pubblico nell’autunno del 2019. In modo particolare, è stata concretizzata la possibilità di accedere e consultare i contenuti della ricerca tramite un accesso online, creando così i presupposti per facilitarne la lettura.

Presto ultimati i lavori al canale d’adduzione

Per ciò che attiene il canale d’adduzione in pietra del Mulino di Loco (stabile di proprietà del Museo), danneggiato dalle intemperie dell’inverno 2020-2021, grazie agli sforzi intrapresi si è potuto avviare il lavoro di sistemazione provvisoria e raccolta fondi, in modo da assicurare il funzionamento della ruota e della macina, dalla quale si produce la farina poi messa in commercio. Per questi interventi, lo ricordiamo, sarà necessario investire circa 190mila franchi. La ricerca fondi ha permesso in tempi brevi di riunire quasi il 70% dell’importo totale, ciò che ha consentito d’iniziare subito i lavori. Nel corso dei primi mesi di quest’anno, il cantiere è entrato nel vivo. L’intervento dovrebbe essere portato a termine nel corso della tarda primavera.

Lo scorso anno, infine, è proseguita pure la campagna di restauro delle opere dell’artista Carlo Agostino Meletta, con il recupero conservativo di quattro tele del pittore onsernonese.

Nuova stagione, l’entrata è gratuita

Inserito nel tessuto culturale e delle proposte turistiche della vallata grazie anche alla rete di relazioni che ha saputo attivare nel tempo, il Museo Onsernonese, presieduto da Maria Rosaria Regolati Duppenthaler è apprezzato per la sua spinta creativa e la programmazione ricca d’idee in grado di valorizzare il passato e le testimonianze storiche da una parte, ma anche guardare al futuro, volgendosi ai nuovi sviluppi dell’arte contemporanea e delle ricerche multimediali sui beni culturali.

Segnaliamo, in conclusione, che per promuovere al meglio la propria offerta da sabato, giorno di apertura e per tutta la stagione 2022, l’entrata al museo sarà libera (idem al Mulino di Loco). Per almeno un anno cadrà così anche l’eventuale "barriera" del biglietto d’entrata, facendo di questo piccolo gioiello uno dei pochissimi musei gratuiti del nostro cantone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved