ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
11 min

Chiasso, maccheroni offerti davanti allo schermo gigante

L’evento è in programma venerdì 9 dicembre nello chalet di piazza Bernasconi. Organizzano gruppo Urani e rioni
Mendrisiotto
45 min

Mendrisio, distinzione comunale a Gardi Hutter

Dopo due anni di sospensione forzata, torna la cerimonia di fine anno. Migliore sportivo è Martino Valsangiacomo
Mendrisiotto
53 min

Chiasso celebra la Giornata del volontariato

Le associazioni attive sul territorio sono state accolte il 5 dicembre al Cinema Teatro
Luganese
1 ora

Lugano, lavori notturni in via San Gottardo e in Via Balestra

Dal 12 al 22 dicembre, dalle 20 alle 6 la Divisione spazi urbani eseguirà dei lavori di manutenzione stradale. Anche Ffs aprirà un cantiere dal 12 al 16.
Luganese
6 ore

Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta

Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
6 ore

A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato

Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
11 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
14 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
15 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
laR
 
15.03.2022 - 21:41
Aggiornamento: 22:46

Vallemaggia, il lupo minaccia i formaggi

La presenza del predatore sugli alpeggi preoccupa gli allevatori. Se vengono meno caprini e ovini, risulta compromessa la produzione casearia

vallemaggia-il-lupo-minaccia-i-formaggi

C’è un’altra questione, oltre alla scarsità di precipitazioni e gli sfasamenti climatici, che preoccupa non poco il mondo agricolo e in particolare il settore della montagna: quella della presenza dei lupi. Apparizioni, le loro, non più sporadiche come in passato. Di questi predatori si è tornati a parlare, inevitabilmente, anche in occasione dell’Assemblea annuale della Società agricola valmaggese, tenutasi domenica scorsa a Cavergno. Scontato, dal momento che gli esemplari di lupo, in questi ultimi mesi, sono cresciuti di numero, formando addirittura piccoli branchi (composti da genitori e piccoli). Ne sono stati avvistati in alta Onsernone e a Olivone, in quest’ultimo caso addirittura poco lontani dalle case. Da più parti, in sala, la trentina di soci – riferisce il presidente della Società agricola valmaggese, Marzio Coppini – si è parlato della minaccia che questi predatori costituiscono soprattutto per l’allevamento ovicaprino in montagna. Grossomodo il 70% degli alpeggi ticinesi non può essere protetto da recinzioni metalliche o cinte elettriche, è stato osservato. Difficile dunque tenerli alla larga. Il timore è che eventuali predazioni non si limitino, col tempo, a sole pecore e capre, bensì che interessino anche piccoli bovini ed equini di taglia ridotta. Scoraggiando, così, tutti gli allevatori di bestiame. È quanto sta succedendo anche nel Moesano, dove gli allevatori di bestiame proprio nelle scorse settimane hanno chiesto al Cantone una regolazione più marcata.

Un effetto dalle conseguenze gravi non da ultimo anche per la produzione lattiera-casearia locale. Le apprezzate specialità a base di latte di capra e pecora, che riscuotono un crescente successo tra i consumatori, potrebbero subire una forte contrazione se gli animali non potranno più pascolare liberamente perché minacciati dal lupo.Si tratta dunque sì di tutelare la biodiversità, ma al tempo stesso anche gli interessi del settore, concertando iniziative che possano armonizzare le esigenze, che al momento appaiono contrapposte, degli allevatori e di chi vuol salvaguardare i lupi. Tra i relatori intervenuti durante la seduta, anche Germano Mattei e Armando Donati, dell’ Associazione Territorio senza Grandi Predatori (ATsenzaGP).

Omar Pedrini , presidente dell’Unione dei Contadini Ticinesi, ha invece offerto una panoramica a livello cantonale e federale del settore agricolo. Nel corso dei lavori è stato votato un credito a favore dell’Associazione artigiani di Vallemaggia per l’acquisto di bancarelle e si è provveduto alle nomine statutarie per il biennio 2022-2024. Un ’ultima indicazione riguarda la fiera agricola che, dopo la pausa imposta dal covid, torna tra gli appuntamenti del calendario delle offerte del distretto. La data da agendare è quella di lunedì 18 aprile, a Cevio. Non ci sarà l’esposizione bovina, come in passato, che sarà sostituita da un mercato di prodotti locali e dalla presenza di varie specie di animali da fattoria.

Leggi anche:

Gli allevatori del Moesano: ‘Presenza del lupo fuori controllo’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved