semafori-sul-piano-la-non-risposta-di-simonetta-sommaruga
Ti-Press
Il traffico spesso congestionato sulla Cadenazzo-Quartino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
22 min

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
53 min

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
53 min

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
54 min

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
55 min

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
1 ora

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
2 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
3 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
3 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
3 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
3 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
3 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
07.03.2022 - 17:33
Aggiornamento: 18:01

Semafori sul Piano, la ‘non risposta’ di Simonetta Sommaruga

Piero Marchesi chiedeva se Ustra volesse far rientrare dalla finestra ciò che la popolazione ticinese aveva buttato fuori dalla porta alle urne

Sì all’«implementazione di un sistema di gestione del traffico» sulla Cadenazzo-Quartino perché «si distanzia in modo sostanziale dal progetto proposto a suo tempo dal Cantone Ticino». Di conseguenza, il Consiglio federale «non ritiene di poterlo considerare in netto contrasto con la decisione precedente del popolo ticinese».

Non contribuisce a fare molta chiarezza sulle prospettive d’intervento federali in materia stradale sul Piano di Magadino, la risposta data oggi dalla direttrice del Datec Simonetta Sommaruga al consigliere nazionale Udc Piero Marchesi. Questi, come poi anche il Ppd distrettuale locarnese, si era detto contrariato dall’idea che, nonostante la netta bocciatura popolare ticinese del progetto semaforico votato a fine 2018 dal Gran Consiglio, Berna tornasse alla carica con una sorta di variabile a quello stesso progetto. E aveva così interrogato la consigliera federale. Che nella risposta – consegnata in forma scritta – lascia dunque intendere che sì, Ustra (proprietaria dell’arteria dal 2020) è intenzionata a implementare un sistema di gestione del traffico, ma che esso sarà sostanzialmente diverso da quello a suo tempo portato avanti dal Dipartimento del territorio, votato due volte dal parlamento (giugno e dicembre 2018) e infine sonoramente bocciato dalla popolazione ticinese alle urne, con 71mila voti contrari contro 21mila favorevoli. Il progetto del Cantone prevedeva la sostituzione con semafori "intelligenti" delle rotonde situate a Quartino in zona Luserte, a Contone ovest e a Contone est, nonché il prolungamento dell’attuale fascia multiservizi ("corsia rossa") e l’introduzione di altri due semafori a Cadenazzo. L’obiettivo dei progettisti era creare un’onda verde che consentisse maggiore fluidità al traffico, senza penalizzare gli accessi laterali. La previsione era di così ridurre da 30 a 20 minuti la percorrenza fra Locarno e Bellinzona e da 30 a 15 minuti quella in direzione opposta.

Tredicimila firme e alle urne il 73% di ‘no’

Contro quel progetto – approvato appunto in seconda battuta dal parlamento, visto che nella prima i contrari non avevano raggiunto la maggioranza qualificata necessaria – era stato costituito un comitato interpartitico denominato "Basta sprechi: no ai semafori sul Piano di Magadino". Rappresentato da Marco Passalia (Ppd), Bruno Storni (Ps), Roberta Passardi (Plr) e Cleto Ferrari (ex Lega dei Ticinesi), era riuscito in poco tempo a raccogliere 13mila 164 firme quando ne sarebbero servite soltanto 7’000. La valanga di sottoscrizioni consegnata il 1° febbraio del 2019 alla Cancelleria dello Stato si sarebbe poi in pratica specchiata nel risultato della votazione popolare: 73,1 per cento di "no" ai semafori sul Piano al posto delle rotonde.

Ora, stando a quanto pubblicato a gennaio dalla rivista Touring del Tcs, Ustra interverrà sulla strada che taglia il Piano con "un nuovo sistema intelligente di autoregolazione del traffico temporaneo". Sarà un sistema "per gestire adeguatamente le esigenze regionali di viabilità tra Bellinzona e Locarno durante i prossimi 20-25 anni", come dichiarato dal capo filiale Ustra Marco Fioroni. In concreto, si parla di un nuovo impianto semaforico di gestione (con sette elementi) "basato sull’autoregolazione, adeguando in tempo reale la gestione dei nodi all’effettiva domanda": grazie al rilevamento istantaneo dei movimenti veicolari (tramite videocamere, sensori, eccetera), il sistema sarà in grado di attribuire priorità e durata di passaggio di ogni veicolo. Si tratta, aveva detto Fioroni, di una "metodica che riduce al minimo i tempi di attesa e il numero i veicoli che devono fermarsi o aspettare al semaforo".

Probabilmente basandosi su questa spiegazione, Marchesi aveva reagito ricordando che nel maggio del ’19 il popolo ticinese aveva bocciato il credito di 3,3 milioni "per l’installazione di semafori lungo la strada cantonale Cadenazzo-Quartino". Ciononostante, Ustra sembra rimanere su questo terreno. La domanda al governo era se ciò non fosse "in contrasto con la chiara e legittima decisione del popolo ticinese". Affatto, ha dunque risposto la ministra socialista.

Marchesi scandalizzato: ‘Rifarò la stessa domanda’

Per Piero Marchesi si tratta di «una risposta scandalosa. Per nulla chiara. Una non risposta alla mia domanda precisa». Il consigliere nazionale dell’Udc non lesina dunque le critiche a un Consiglio federale considerato non esaustivo nella sua spiegazione. Anzi. Dal testo (assai farraginoso), secondo l’interessato, «non si capisce cosa stia dietro quell’"implementazione di un sistema di gestione del traffico": semafori? Rotonde? Avrebbero dovuto specificare di cosa, esattamente, si tratta e non rimanere sul vago». Il deputato ticinese a Berna assicura che ripresenterà lunedì prossimo la stessa domanda, «esigendo stavolta una risposta trasparente e precisa. In aggiunta chiederò pure se il Consiglio di Stato ticinese sia già stato contattato e informato al riguardo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
piano di magadino piero marchesi semafori simonetta sommaruga ustra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved