il-ppd-a-sommaruga-quei-semafori-sono-anti-democratici
Ti-Press
“Abbattuti” dal voto dei ticinesi nel 2019
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Al Liceo di Lugano 1 è tempo di premiati

L’elenco degli studenti dell’ultimo anno più meritevoli fra alte medie e scelta opzionale di materie
Luganese
9 min

Liceo 1, nel 170° della fondazione sono 249 i neo maturati

Riportiamo tutti i nomi dei giovani studenti che hanno ottenuto a Lugano la licenza di scuola media superiore per l’anno 2021/2022
Locarnese
24 min

Losone, la Lega: ‘Il sindaco dimissiona?’. Catarin: ‘Macché...’

Un’interpellanza ipotizza tensioni in Municipio. Secca la smentita: ‘Clima sereno e costruttivo’
GALLERY
Mendrisiotto
36 min

Mendrisio e ‘l’energia positiva’ della Festa della Musica

Gli organizzatori tracciano il bilancio della nona edizione svoltasi nel fine settimana nel cuore del Borgo. L’appuntamento è per il giugno 2023
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
4 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
8 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
19 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
21 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
22 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
22 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
laR
 
07.03.2022 - 05:30

Il Ppd a Sommaruga: ‘Quei semafori sono anti-democratici’

Lettera aperta alla direttrice del Datec per il progetto Ustra, che rispolvera l’eliminazione delle rotonde sul Piano di Magadino bocciata alle urne

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sostituire le rotonde sulla tratta stradale Cadenazzo-Quartino con semafori intelligenti. Un progetto che in Ticino era stato seppellito il 19 maggio del 2019 da 71’395 voti contrari (contro 26’279 favorevoli). Di più: dalle urne di tutti i Comuni quel giorno era uscito un ‘no’ chiaro e netto alla proposta del Dipartimento del territorio che, nelle intenzioni, avrebbe permesso di snellire la viabilità sul Piano di Magadino.

Ma l’idea affossata alle urne non è defunta. L’ha riportata in vita recentemente l’Ufficio federale delle strade (Ustra), oggi proprietario dell’arteria viaria di collegamento tra Locarnese e Bellinzonese. Un ritorno che suscita non pochi interrogativi.

Ieri è partita una lettera aperta alla consigliera federale Simonetta Sommaruga, direttrice del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (Datec). A scriverla è il Partito popolare democratico (Ppd) del Distretto del Locarnese, con il sostegno del Ppd Ticino; in calce la firma del presidente distrettuale Marco Calzascia e del segretario Romolo Pawlowski.

"Come riportato dalla stampa ticinese lo scorso mese di gennaio, l’Ustra sta valutando l’ipotesi d’istallare impianti semaforici al posto delle esistenti rotonde sulla strada che percorre i Comuni tra Cadenazzo e Quartino, tratta divenuta di recente di competenza federale – scrive il Ppd –. Un progetto già a suo tempo proposto a livello cantonale dal Dipartimento del territorio e, nel 2019, chiaramente bocciato alle urne dalla popolazione ticinese, con il 73.1 per cento dei contrari. In quell’occasione, la popolazione ticinese sposò le argomentazioni del comitato referendista ‘Basta sprechi: No ai semafori sul piano di Magadino’, il quale era riuscito a raccogliere oltre 13mila firme. Tra i principali argomenti contrari al credito di 3,3 milioni di franchi stanziato per tale progetto, c’era la convinzione che l’unica soluzione al problema sarebbe stata la realizzazione del collegamento veloce A2-A13, oltre al prospettato (e avverato) miglioramento dell’offerta dei trasporti pubblici alla fine del 2020, che non era stato peraltro preso in considerazione dallo studio commissionato dal Cantone circa la realizzazione del progetto".

E ancora: "A tre anni di distanza, nonostante il chiaro no dei ticinesi alle urne, l’Ustra ripropone la semaforizzazione di quel tratto di strada, ormai di sua competenza, apparentemente non curandosi delle volontà di chi, quella zona, la vive. In sostanza, si tratta dello stesso progetto già affossato, con l’unica differenza che, in questo caso, se l’autorità competente decidesse di realizzarlo, non sarebbe soggetto a referendum".

Per il Ppd, ovviamente, c’è qualcosa che non quadra. E quindi vengono poste a Sommaruga alcune domande: "Non ritiene che, così agendo, l’Ustra dimostrerebbe che il chiaro no, espresso democraticamente dai ticinesi nel 2019, valga ben poco? Non pensa che questo modo di agire sia una clamorosa mancanza di rispetto della preziosa (soprattutto di questi tempi) democrazia diretta? Non ritiene che un tale progetto, essendo stato rifiutato ampiamente dalla popolazione ticinese, debba essere definitivamente archiviato?". Questioni che, a detta dei firmatari della lettera, interessano non solo al Ppd, bensì "sicuramente anche alle cittadine e ai cittadini ticinesi".

Calzascia: "Provocherebbero più ingorghi"

Sul tema abbiamo interpellato direttamente Calzascia, che aggiunge: «Non venti o dieci, ma appena tre anni fa il popolo ticinese si è espresso sul tema e lo ha fatto dicendo no, con una netta maggioranza, alla posa di semafori lungo la Cadenazzo-Quartino. Semafori che, per quanto definiti "intelligenti", avrebbero provocato più ingorghi che generato fluidità di traffico: gli automobilisti avrebbero infatti aggirato l’ostacolo cercando vicine strade alternative, che sono già collassate. Ora Berna sembrerebbe fare il contrario di quanto scaturito dalle urne, dimostrando di non avere alcuna considerazione per il verdetto pronunciato dai cittadini e dalle cittadine di questo cantone. Il che francamente è inammissibile e anti-democratico. Da qui la nostra lettera alla consigliera federale Sommaruga».

Ricordiamo che anche il consigliere nazionale Piero Marchesi (Udc) ha deciso di vederci chiaro sulla questione e per questo – come abbiamo anticipato nei giorni scorsi – ha deciso di rivolgere due domande al Consiglio federale: "Conferma l’intenzione di voler riproporre i semafori? In caso affermativo, non ritiene sia in contrasto con la chiara e legittima decisione del popolo ticinese?". Le risposte sono attese oggi.

Leggi anche:

Semafori sul Piano di Magadino, sonora bocciatura

Strada Cadenazzo-Quartino, Ustra rivuole i semafori?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
piano di magadino ppd locarnese semafori ustra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved