la-rotonda-dei-desideri-si-fara-con-le-idee-di-tutti-i-locarnesi
Ti-Press
Fare meno è molto difficile
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
7 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
7 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
8 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
8 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
9 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
9 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
9 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
10 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
10 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
11 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
11 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
11 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
laR
 
18.02.2022 - 05:25
Aggiornamento: 16:30

La Rotonda dei desideri si farà con le idee di tutti i locarnesi

Licenziato dal Municipio di Locarno il messaggio per l’acquisto, con un credito aggiuntivo per un concorso ristretto... ma allo stesso tempo ampissimo

Trecentodiecimila franchi per l’acquisto della Rotonda dal Cantone (spese e tasse comprese) e 140mila franchi per il lancio di un concorso di idee. Totale: 450mila franchi. Per avere, finalmente, una Rotonda di Piazza Castello che abbia un senso, che viva e che riunisca come finora ancora non ha saputo o potuto fare, o almeno non con una certa continuità.

Per concretizzare tutte queste buone prospettive il Municipio di Locarno ha appena licenziato il messaggio con cui da una parte richiede il credito complessivo necessario, e dall’altra, indirettamente, invita il Consiglio comunale a sottoscrivere la strategia d’avvicinamento alla "nuova" Rotonda; strategia che passa dal lancio di un concorso di idee, aperto a un numero limitato di studi d’architettura, tramite il quale stabilire una visione "il più possibile partecipativa".

La premessa è che, dal punto di vista pianificatorio, Piazza Castello e la sua Rotonda sono vincolate a un piano particolareggiato che per l’ampia superficie interna consente "la realizzazione di un giardino pubblico comunale comprendente piantagioni di alto fusto, giardini, aree verdi, viali, serre botaniche, giochi d’acqua, chioschi, nonché le rampe e i percorsi pedonali di accesso alle infrastrutture sotterranee di interesse pubblico, come autosili, nonché ogni altra attrezzatura o impianto compatibile con la destinazione principale dell’area". In parole povere: nessuna edificazione significativa. Anche per questo l’esito economico delle trattative con il Demanio per l’acquisizione cittadina si situa entro il limite dei 300mila franchi (ovvero 36 franchi al metro quadro), quindi ben distante dal milione inizialmente richiesto dallo Stato.

Dagli studi d’architettura ai gruppi interdisciplinari

Ora si tratta dunque di farla vivere per davvero. L’idea del Municipio è definire le potenzialità d’uso del sedime tramite una procedura di messa a concorso, "che dovrebbe essere aperta a più proposte, nonché il più possibile partecipativa". In concreto, verrebbero invitati alcuni studi d’architettura – indicativamente dai 5 ai 10, e possibilmente "anche giovani studi" – che "riceveranno un indennizzo fisso adeguato, commisurato alla prestazione fornita". Questi stessi studi avranno il compito di formare dei gruppi interdisciplinari a loro scelta, in base all’impostazione della "visione" individuata.

Una componente giudicata "fondamentale" dalla Città, e che dovrà essere debitamente considerata nelle proposte, sarà quella paesaggistica, mentre l’aspetto partecipativo include il dialogo con associazioni di quartiere, gruppi di giovani, Film Festival, polizia eccetera, ovverosia quelli che tecnicamente vengono definiti "Stakeholders". Nell’ambito di questa procedura – che differisce rispetto al classico e più rigido studio in parallelo per mandati di progetto o idee – il Comune chiederà la consulenza, per la forma da dare alla procedura stessa, della Conferenza delle associazioni tecniche del Canton Ticino (la Cat).

L’aspetto decisamente interessante è che al termine del concorso anche i diversi "Stakeholders" si potranno esprimere sulle idee sviluppate dai progettisti, così che il Municipio potrà basarsi sul rapporto degli esperti, ma anche su pareri esterni. Poi il Comune, come ente banditore, potrà assegnare o meno "un mandato per prestazioni successive di consolidamento formale dei risultati del concorso a uno più gruppi di progettazione, seguendo a discrezione le raccomandazioni del collegio di esperti e/o altri rapporti e pareri di gruppi di interesse".

La questione della possibile convivenza fra la "forma" che assumerà la Rotonda in futuro e quella temporaneamente modellata per eventi estivi, e in particolare durante il Film Festival, la Città si dice, semplicemente, fiduciosa di poter trovare adeguate soluzioni.

Nell’attesa, parco giochi e ‘pumptrack’

In attesa che tutto ciò – entro un paio d’anni o poco più – venga definito dal concorso, intenzione del Municipio è proporre alcune misure a corto termine, "soprattutto rivolte alle famiglie con bambini". Come? Installando alcuni giochi sotto le alberature, migliorando l’aspetto delle panchine e dotando lo spazio di un punto d’acqua. Questi interventi rientreranno nell’imminente messaggio di investimento per la manutenzione e il potenziamento dei parchi gioco cittadini. Con una noticella importante per gli appassionati: l’attuale struttura mobile "pumptrack" sarà mantenuta.

In qualità di capodicastero della Logistica, Davide Giovannacci è "titolare" della tematica, nel cui sviluppo ricorda comunque di aver collaborato sia con la collega capodicastero Giovani Nancy Lunghi, sia con Bruno Buzzini e il sindaco Alain Scherrer per quanto riguarda le trattative con il Cantone. A loro, per non lasciar fuori nessuno, va aggiunto Nicola Pini, che unitamente a Buzzini e Lunghi ha fatto parte del gruppo di lavoro istituito dopo la mozione interpartitica, presentata nel luglio del ’19, con cui in pratica tutto il Consiglio comunale chiedeva la realizzazione, in Rotonda, di un parco urbano pubblico.

Riguardo alla possibilità di acquisto del sedime, Giovannacci tributa «un ringraziamento al Cantone per la collaborazione. Ha capito il senso dell’iniziativa del Comune, ovverosia la realizzazione di un progetto che andrà a favore di tutta la popolazione, partendo da un suo coinvolgimento attivo nell’ambito del concorso di idee che verrà lanciato. Il che è poi quanto già auspicato dalla mozione interpartitica dell’estate di tre anni fa».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acquisto concorso messaggio piazza castello rotonda
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved