l-acquisto-della-rotonda-aprira-nuove-prospettive-per-locarno
La rotonda in veste festivaliera (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
9 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
9 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
10 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
10 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
10 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
10 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
11 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
11 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
11 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
11 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
12 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
12 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
laR
 
13.01.2022 - 21:48
Aggiornamento: 22:20

L’acquisto della rotonda aprirà nuove prospettive per Locarno

L’intesa raggiunta con il Cantone sul prezzo per il grande spazio pubblico si coniuga con le visioni del Municipio per la città del futuro

Si aprono nuovi scenari con il prospettato acquisto, da parte della Città di Locarno, della rotonda di Piazza Castello. Il Municipio e il Cantone (attuale proprietario) sono riusciti a raggiungere un’intesa sul prezzo che – come anticipato dal Cdt – sarà di 300mila franchi.

«La nostra visione è chiara: valorizzare e riqualificare gli spazi pubblici urbani – spiega il municipale Davide Giovannacci –. La rotonda di Piazza Castello costituisce un tassello di primaria importanza nel percorso che da Largo Zorzi arriva fino al Palexpo (ex Fevi). Le idee sono tante e rientrano in un fil rouge che prevede luoghi di qualità, con un accento particolare sulla fruibilità pedonale». In Largo Zorzi recentemente sono state tolte le corsie per i bus e per il centro cittadino è stato scelto, dopo un concorso dedicato alla sistemazione degli spazi comunali, il progetto “Nouvelle belle époque”. «Stiamo preparando un messaggio municipale per i parchi gioco e, a questo punto, possiamo pensare d’inserire anche un credito per allestirne uno all’interno della rotonda – prosegue Govannacci –. Quello provvisorio ha ottenuto ottimi riscontri. Ma poi ci sono tante altre idee e, più in generale, Locarno vive un interessante fermento: penso alla zona della Peschiera, con le future nuove palestre, al comparto Santa Caterina con il Museo cantonale di storia naturale e un parco pubblico, all’autosilo in Città Vecchia che permetterà di riqualificare zone pregiate del quartiere storico. C’è da chiedersi quale altra città ticinese ha la possibilità di pensare a tante opportunità così interessanti su spazi così estesi. A mio avviso, nessuna».

Tornando all’acquisto della rotonda, come siete riusciti a ottenere un prezzo così vicino alle vostre richieste? La proposta del Cantone superava il milione di franchi. «Con il sindaco Alain Scherrer e con il collega Giovannacci ci siamo incontrati un paio di volte con la controparte a Bellinzona – risponde il municipale Bruno Buzzini –. Il loro calcolo si basava sostanzialmente sulla presunta redditività dello spazio. Non erano però stati considerati a sufficienza alcuni parametri, come i costi di gestione e di manutenzione. Noi abbiamo fornito i dati aggiornati e alla fine siamo riusciti a ottenere un prezzo confacente. Anche considerando che quel terreno di 8’300 metri quadrati all’interno della rotatoria viaria, stando al Piano regolatore, è riservato a un utilizzo pubblico e che non vi si può costruire nessun tipo di edificio». Buzzini precisa che si può lavorare unicamente sull’arredo verde e, al massimo, posare delle strutture provvisorie, come quelle del villaggio del Festival.

Mozione e gruppo di lavoro

Avete già altre idee sull’utilizzo dello spazio circolare? «Per analizzare idee e progetti è stato costituito un gruppo interdisciplinare, costituito dai municipali Giovannacci, Nancy Lunghi, Nicola Pini e dal sottoscritto. Va detto che nel corso degli anni sul tema ci sono state diverse sollecitazioni da parte del Consiglio comunale. Ultima, in ordine di tempo, la mozione del luglio 2019». Una mozione interpartitica con la quale 30 consiglieri chiedevano la realizzazione di un Parco urbano pubblico, creando “uno spazio d’incontro intergenerazionale, ricreativo e di svago dedicato alla cittadinanza e ai visitatori e aperto tutto l’anno”. «Il gruppo di lavoro si è già incontrato alcune volte – prosegue Buzzini – e penso che ora, con l’intesa raggiunta con il Cantone, le riunione potranno essere intensificate. Ovviamente avremo un’attenzione particolare per idee come quella formulata nella mozione del luglio 2019. Senza dimenticare che fra i progetti più interessanti ci sarà la riqualifica di Piazzetta Remo Rossi e il collegamento con il cuore della rotonda. Presto avremo tutte le carte in regola per procedere. Infine potremmo anche coinvolgere la Supsi, alla ricerca di idee».

I prossimi passi? «Oltre a preparare il messaggio municipale con la richiesta di credito di 300 mila franchi per l’acquisto, dovremo definire con il Cantone i dettagli, stabilendo l’area esatta contemplata nella compravendita ed eventuali servitù. Va detto, infine, che comunque, in attesa di diventare proprietari della rotonda, dovremo firmare il prolungo di un anno per la convenzione con il Cantone». Una convenzione che attribuisce la gestione dello spazio al Comune, che è stata stipulata nel 2003 e poi rinnovata per 10 anni nel 2012. È scaduta a fine 2021. Oltre a gestire la rotonda, la Città si occupa (pagandola interamente) della manutenzione, con costi annuali di circa 120mila franchi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantone intesa locarno rotonda
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved