ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
29 min

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
7 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
7 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
7 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
16 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
17 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
17 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
17 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
18 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
18 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
18 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
18 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
laR
 
16.02.2022 - 08:42
Aggiornamento: 15:28

Incendi boschivi, quelle morti silenziose

Gambarogno, non sono solo i danni al patrimonio boschivo a dover preoccupare. Anche gli animali pagano non di rado un alto tributo. Parla un esperto

incendi-boschivi-quelle-morti-silenziose

Una strage silenziosa, lontana dai riflettori della cronaca. Quella della fauna locale, da aggiungere al triste bilancio degli ingenti danni al patrimonio boschivo. I grandi incendi, come quello che ha interessato i monti del Gambarogno in queste ultime settimane, costituiscono spesso una trappola mortale per gli animali che muoiono carbonizzati, dal fumo o a seguito delle ustioni riportate soprattutto agli arti inferiori. Ma mentre alcune specie fuggono impaurite cambiando zona non appena percepiscono il pericolo, altre, purtroppo, soccombono.

Non tutti ce la fanno

Gli animali che tipicamente popolano i nostri boschi hanno sviluppato, da sempre, delle abilità per mettersi in salvo dal pericolo. Gli uccelli se ne volano via, i mammiferi come camosci, cinghiali, volpi scappano velocemente mentre le specie anfibie, i rettili e altre piccole creature scavano cunicoli nel terreno, si nascondono nei tronchi o si riparano sotto le rocce. Ma è chiaro che a dipendenza della tipologia dell’incendio (di corona, di sottosuolo, ecc...) questi rifugi non bastano. Senza dimenticare che molte specie (scoiattoli e ghiri), in inverno, cadono in (semi-)letargo. Il rischio è che non si risveglino più. La situazione si fa più grave se nel computo inseriamo anche i milioni d’invertebrati e insetti che non sono in grado di trovare riparo. Stime affidabili sul numero di animali che periscono nei roghi nel nostro cantone non ne esistono. Ma non è per questo che non vengono presi in considerazione e conteggiati tra i danni devastanti degli incendi boschivi. Perché per la biodiversità e l’equilibrio degli ecosistemi sono indicazioni molto importanti.

Gli incendi aiutano il recupero di determinati habitat

«Negli incendi boschivi che solitamente interessano il Ticino, di breve durata e relativamente lenti nella propagazione, la nostra avifauna e la fauna terrestre risentono fortunatamente poco delle conseguenze. Le vie di fuga permettono loro il più delle volte di mettersi in salvo. Il problema si pone più che altro se, all’interno del perimetro interessato dal rogo, rimangono delle sacche risparmiate in cui gli animali frettolosamente convergono. Se restano intrappolati e circondati dalle fiamme, è chiaro che non hanno scampo» – spiega Andrea Stampanoni, consulente scientifico dell’Uffico caccia e pesca – Ripercussioni ve ne sono dunque in ogni caso. Ogni incendio provoca danni all’ecosistema. Tuttavia, nella sua dinamica, porta, a volte, anche un vantaggio. Nel senso che contribuisce a recuperare dei particolari habitat, come le aree prative invase dalla vegetazione con l’abbandono degli alpeggi e l’avanzare del bosco. In alcuni casi quindi le fiamme favoriscono il ritorno di specie purtroppo svantaggiate da questi cambiamenti, come il fagiano di monte e la coturnice. Dopotutto si tratta di una ripartenza da zero. Per gli studiosi, è quindi interessante verificare le dinamiche che si innescano a seguito di questa, traumatica, situazione».

Il recupero ecologico richiede tempo

Gli animali si rifugiano altrove per fare ritorno una volta che la vegetazione, grazie anche alle ceneri della combustione, tornerà a ricoprire il sottobosco. Mantenendo così viva la speranza di un successivo recupero ecologico. Ma questo avverrà solo dopo molti mesi. «È difficile rispondere alla domanda “dopo quanto?”. Oltre allo spavento, il rogo priva gli animali del cibo e toglie loro la protezione assicurata dalla vegetazione. Nel caso del Gambarogno, mi è stato riferito che il comparto interessato è desolatamente vuoto. Non si sente nemmeno più un passero cinguettare; gli animali che hanno potuto fuggire, si sono spostati in altri versanti della montagna o sui rilievi vicini. Anche il rumore degli elicotteri e dei mezzi di spegnimento li ha sicuramente traumatizzati».

Monitorare le aree devastate per capire le dinamiche

Esiste un programma di monitoraggio specifico? «No. Noi sfruttiamo l’occasione per capire il funzionamento di certe dinamiche. Alcune specie animali, già monitorate, come il camoscio, la coturnice, la lepre, il fagiano, sono tenute normalmente sotto osservazione. Nell’ambito dei censimenti periodici si può dunque capire qual’è la portata del danno. Sono comunque osservazioni che vanno estese su periodi di più anni. Se del caso, anche la pressione venatoria viene allentata proprio per favorire il ritorno a una certa normalità».

Stabilità dei pendii da verificare

Preoccupazioni sorgono anche per quanto riguarda la stabilità del terreno. Gli specialisti dovranno valutare i potenziali rischi di smottamenti in caso di forti piogge; rischi che possono essere accentuati dalla distruzione del patrimonio forestale, pensando soprattutto alle radici con la loro funzione di trattenuta del terreno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved