paloc-2-e-3-si-al-messaggio-senza-il-nodo-intermodale
Ti-Press
Anche mobilità lenta e trasporto pubblico nel pacchetto che va in Gran Consiglio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
17 min

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
1 ora

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
1 ora

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
1 ora

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
1 ora

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
1 ora

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
2 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
3 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
3 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
3 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
3 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
4 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
14.02.2022 - 17:52

PaLoc 2 e 3, sì al messaggio senza il nodo intermodale

La commissione della Gestione del Gran Consiglio ha promosso la proposta-bis del Consiglio di Stato, emendata dai 15 milioni “muraltesi”

“Il messaggio in oggetto propone di realizzare numerose opere progettate nel contesto PALoc2 e PALoc3 che consentiranno il progressivo e decisivo miglioramento del trasporto pubblico e della mobilità lenta del Locarnese”. Ergo, sì senza ulteriori indugi al pacchetto di quasi 18 milioni di franchi per le 13 misure previste. È la “sentenza” della commissione Gestione e Finanze del Gran Consiglio (relatore Bixio Caprara) sull’importante messaggio governativo che già avrebbe dovuto passare a fine 2021, comprendendo anche i quasi 15 milioni di franchi necessari per la realizzazione del nodo intermodale alla stazione Ffs di Muralto, ma che era per così dire inciampato sull’annullamento governativo per vizi procedurali delle decisioni del Consiglio comunale di Muralto riguardanti proprio lo stesso nodo intermodale. Tutto, va ricordato, partiva dalle forti resistenze incontrate in Comune circa l’eventualità di far passare tutti i bus Fart da viale Cattori in direzione della stazione.

Nel suo rapporto unico, la commissione parlamentare ricorda appunto gli antefatti del messaggio previsto all’ordine del giorno della seduta di lunedì prossimo, 21 febbraio. Il primo e il secondo atto risalgono al 9 e al 10 novembre del ’21, quando dapprima la stessa Gestione aveva approvato il messaggio governativo originario, e il giorno dopo il Consiglio di Stato aveva accolto per vizi procedurali i ricorsi presentati a Muralto contro l’approvazione dei messaggi municipali sulla variante di Pr per l’intero comparto della stazione Ffs e il credito di costruzione per la pensilina grezza del futuro nodo intermodale. Una settimana dopo, il 17 novembre, il governo aveva conseguentemente deciso di ritirare il suo messaggio, mentre il Gran Consiglio aveva chiesto al Dipartimento del territorio di prepararne uno nuovo, togliendo i crediti per il nodo intermodale.

A caccia di un “piano B”

A dicembre, proprio per cercare di sbrogliare la matassa del passaggio da viale Cattori e cercare quelle alternative condivise auspicate dal Cantone, si era poi riunita la Delegazione di Autorità (l’organismo in cui sono rappresentati tutti gli “attori” che recitano nella grande pièce della stazione Ffs di Muralto). Ne erano uscite 4 possibili soluzioni: tirare dritto come previsto dal Mandato di studio in parallelo; procedere come sopra, ma senza i contenuti comunali nel terminal bus (copertura e piano interrato); idem, ma trovando un’alternativa al flusso del trasporto pubblico su viale Cattori; oppure ripartire da zero con un nuovo progetto. Si era convenuto di chiedere a un ingegnere del traffico se fosse ipotizzabile trovare alternative al transito dei bus lungo viale Cattori. La risposta era giunta qualche settimana dopo: si può fare, ma bisogna capire come riorganizzare gli spazi in stazione. Approfondimenti, stando a nostre informazioni, sono ancora in corso.

Nell’insieme, il messaggio che andrà ora al voto parlamentare riguarda investimenti per 17,97 milioni di franchi, sopportati dal Cantone nella misura del 47% (8,45 milioni di franchi circa), dai Comuni Cit (22,9%) e dalla Confederazione (22,7%). Nel contesto del PaLoc2 le opere sono il completamento del percorso ciclopedonale Zandone-Golino; la riqualifica, la messa in sicurezza e la priorizzazione dell’attraversamento del traffico lento tra il Debarcadero e Piazza Grande a Locarno; la formazione della corsia preferenziale per il trasporto pubblico su via Morettina a Locarno; la messa in sicurezza e la riqualifica dell’asse ciclabile Lungolago Motta-via Bramantino-via alla Morettina a Locarno; il completamento dell’itinerario ciclabile tra Tegna e Cavigliano; nonché la messa in sicurezza e la riqualifica di via Varenna a Locarno.

Poi ci sono le opere del PaLoc3. Riguardano gli stalli Bike&Ride presso le principali fermate del trasporto pubblico; il percorso ciclopedonale del Gambarogno (traversa della Pepa-Magadino e segmento Porto Gambarogno); il completamento e la messa in sicurezza della ciclopista Ponte Maggia-centro scolastico sull’argine di sponda destra della Maggia a Losone; il completamento e la messa in sicurezza della rete ciclopedonale nel comparto ex Cartiera a Tenero; la riqualifica multimodale dell’asse urbano principale a Tenero; e la progettazione stradale delle prossime opere previste nell’ambito del PaLoc3 e di cui non sono ancora stati completati i progetti di massima.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio investimenti locarnese mobilità paloc2 paloc3 trasporto pubblico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved