paloc-2-e-3-si-al-messaggio-senza-il-nodo-intermodale
Ti-Press
Anche mobilità lenta e trasporto pubblico nel pacchetto che va in Gran Consiglio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 min

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
3 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
4 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
18 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
19 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
14.02.2022 - 17:52

PaLoc 2 e 3, sì al messaggio senza il nodo intermodale

La commissione della Gestione del Gran Consiglio ha promosso la proposta-bis del Consiglio di Stato, emendata dai 15 milioni “muraltesi”

“Il messaggio in oggetto propone di realizzare numerose opere progettate nel contesto PALoc2 e PALoc3 che consentiranno il progressivo e decisivo miglioramento del trasporto pubblico e della mobilità lenta del Locarnese”. Ergo, sì senza ulteriori indugi al pacchetto di quasi 18 milioni di franchi per le 13 misure previste. È la “sentenza” della commissione Gestione e Finanze del Gran Consiglio (relatore Bixio Caprara) sull’importante messaggio governativo che già avrebbe dovuto passare a fine 2021, comprendendo anche i quasi 15 milioni di franchi necessari per la realizzazione del nodo intermodale alla stazione Ffs di Muralto, ma che era per così dire inciampato sull’annullamento governativo per vizi procedurali delle decisioni del Consiglio comunale di Muralto riguardanti proprio lo stesso nodo intermodale. Tutto, va ricordato, partiva dalle forti resistenze incontrate in Comune circa l’eventualità di far passare tutti i bus Fart da viale Cattori in direzione della stazione.

Nel suo rapporto unico, la commissione parlamentare ricorda appunto gli antefatti del messaggio previsto all’ordine del giorno della seduta di lunedì prossimo, 21 febbraio. Il primo e il secondo atto risalgono al 9 e al 10 novembre del ’21, quando dapprima la stessa Gestione aveva approvato il messaggio governativo originario, e il giorno dopo il Consiglio di Stato aveva accolto per vizi procedurali i ricorsi presentati a Muralto contro l’approvazione dei messaggi municipali sulla variante di Pr per l’intero comparto della stazione Ffs e il credito di costruzione per la pensilina grezza del futuro nodo intermodale. Una settimana dopo, il 17 novembre, il governo aveva conseguentemente deciso di ritirare il suo messaggio, mentre il Gran Consiglio aveva chiesto al Dipartimento del territorio di prepararne uno nuovo, togliendo i crediti per il nodo intermodale.

A caccia di un “piano B”

A dicembre, proprio per cercare di sbrogliare la matassa del passaggio da viale Cattori e cercare quelle alternative condivise auspicate dal Cantone, si era poi riunita la Delegazione di Autorità (l’organismo in cui sono rappresentati tutti gli “attori” che recitano nella grande pièce della stazione Ffs di Muralto). Ne erano uscite 4 possibili soluzioni: tirare dritto come previsto dal Mandato di studio in parallelo; procedere come sopra, ma senza i contenuti comunali nel terminal bus (copertura e piano interrato); idem, ma trovando un’alternativa al flusso del trasporto pubblico su viale Cattori; oppure ripartire da zero con un nuovo progetto. Si era convenuto di chiedere a un ingegnere del traffico se fosse ipotizzabile trovare alternative al transito dei bus lungo viale Cattori. La risposta era giunta qualche settimana dopo: si può fare, ma bisogna capire come riorganizzare gli spazi in stazione. Approfondimenti, stando a nostre informazioni, sono ancora in corso.

Nell’insieme, il messaggio che andrà ora al voto parlamentare riguarda investimenti per 17,97 milioni di franchi, sopportati dal Cantone nella misura del 47% (8,45 milioni di franchi circa), dai Comuni Cit (22,9%) e dalla Confederazione (22,7%). Nel contesto del PaLoc2 le opere sono il completamento del percorso ciclopedonale Zandone-Golino; la riqualifica, la messa in sicurezza e la priorizzazione dell’attraversamento del traffico lento tra il Debarcadero e Piazza Grande a Locarno; la formazione della corsia preferenziale per il trasporto pubblico su via Morettina a Locarno; la messa in sicurezza e la riqualifica dell’asse ciclabile Lungolago Motta-via Bramantino-via alla Morettina a Locarno; il completamento dell’itinerario ciclabile tra Tegna e Cavigliano; nonché la messa in sicurezza e la riqualifica di via Varenna a Locarno.

Poi ci sono le opere del PaLoc3. Riguardano gli stalli Bike&Ride presso le principali fermate del trasporto pubblico; il percorso ciclopedonale del Gambarogno (traversa della Pepa-Magadino e segmento Porto Gambarogno); il completamento e la messa in sicurezza della ciclopista Ponte Maggia-centro scolastico sull’argine di sponda destra della Maggia a Losone; il completamento e la messa in sicurezza della rete ciclopedonale nel comparto ex Cartiera a Tenero; la riqualifica multimodale dell’asse urbano principale a Tenero; e la progettazione stradale delle prossime opere previste nell’ambito del PaLoc3 e di cui non sono ancora stati completati i progetti di massima.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio investimenti locarnese mobilità paloc2 paloc3 trasporto pubblico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved