locarnese-le-sabbiose-terre-emerse-del-verbano
Ti-Press
Nuovi lidi
+5
14.02.2022 - 17:11
Aggiornamento: 18:33

Locarnese, le sabbiose terre emerse del Verbano

Sono due mesi che la nostra regione non vede precipitazioni, attese per oggi e domani. C’è chi ha quindi chiesto un uso parsimonioso dell’acqua.

Anche la pelle lo sente, non bastassero gli occhi che giorno dopo giorno non hanno visto altro che un cielo inaridito dal troppo sole. Il Locarnese da due mesi a questa parte è “in secca”, così come il resto del cantone. Tuttavia MeteoSvizzera ha previsto per oggi e domani un po’ di precipitazioni (“pioggia frammista a neve intermittente”), che dovrebbero metter fine a questo periodo di siccità.

Una sessantina di giorni che ha asciugato le rive del Verbano – il suo livello rimane stabilmente basso aggirandosi, da quaranta giorni a questa parte, sui 192 metri di profondità – facendo riaffiorare spiagge nascoste, depositi sabbiosi che disegnano un nuovo perimetro delle riviere e danno alla popolazione un motivo in più per esplorare rinnovati lidi familiari.

Usate l’acqua potabile con parsimonia

Mancanza d’acqua – in pianura come, salendo, in altura – che ha obbligato il Comune di Avegno Gordevio a diramare negli scorsi giorni l’avviso di uso parsimonioso dell’acqua, che solitamente è più comune leggerlo in estate. L’inverno particolarmente secco, si legge, ha determinato “le prime carenze di fornitura di acqua potabile dalle sorgenti di montagna”. L’ente ha così invitato gli abitanti a consumare responsabilmente le risorse idriche, rinunciando alla pulizia di piazzali e veicoli, all’irrigazione di giardini e orti.

Secco o asciutto? Meglio bagnato

MeteoSvizzera spiega che “le ultime precipitazioni rilevanti risalgono all’8 dicembre 2021, quando nevicò a basse quote”. A Locarno, come nel resto del Ticino centro meridionale, da allora c’è stata una lunga serie di giornate soleggiate, determinando prima un periodo ‘secco’ (cioè, nell’arco di almeno trenta giorni consecutivi non cade una goccia di acqua) e poi uno ‘asciutto’ (quando per almeno due mesi si sono totalizzati meno di 10 millimetri di precipitazioni). Secondo le definizioni e il metodo stabilito dalla stazione di rilevamento meteorologico, a Locarno “il periodo secco è iniziato lo scorso 4 febbraio, mentre quello asciutto il 6, a distanza di 60 giorni dalle precipitazioni di inizio dicembre 2021”, si legge.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acqua lago maggiore locarnese precipitazioni siccità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved