a2-a13-ottimo-per-il-collegamento-si-agisca-ora-per-la-snl
Ti-Press
‘Bene per il collegamento A2-A13. Ora le autorità pensino alla navigazione sul Lago Maggiore’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
29 min

Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini

Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati
Ticino
45 min

Ukraine Recovery Conference, ecco un sito e una helpline

Attivati dalla Polizia, il loro scopo è quello di migliorare la comunicazione, con lo scopo di assicurare e mantenere i servizi di sicurezza
Ticino
1 ora

Ripresa la circolazione dei treni sulla linea del Gottardo

Risolto il problema che alle prime ore di stamane aveva provocato la paralisi dei convogli da e per il Ticino
Ticino
2 ore

Piogge torrenziali, grandine e forte vento sul Ticino

Allarme di intensità ‘rossa’ per le prossime ore in alcune regioni a ridosso del confine con l’Italia
Bellinzonese
2 ore

Il temporale lascia ‘muto’ internet a Gudo

Ha provocato qualche disagio il fronte di maltempo che nella notte ha attraversato il nostro cantone
Ticino
3 ore

Guasto tecnico alla linea Flüelen-Biasca, treni soppressi

Interrotto fino almeno a mezzogiorno il traffico ferroviario da e per il Ticino lungo il Gottardo. Mattinata di perturbazioni
Luganese
5 ore

Lidi e piscine nel Sottoceneri: dov’è l’acqua più ‘salata’?

Famiglie, persone in Avs, studenti: quanto pagano per una giornata di tuffi? Dall’economica Riva San Vitale alla chic Riva Caccia, viaggio fra le tariffe
Ticino
5 ore

‘Due milioni di franchi per proteggere gli allevamenti dal lupo’

Li chiede al Cantone una mozione di Gardenghi (Verdi), firmata anche dal Ps. Donati (Protezione dai grandi predatori): ‘Non servono soldi, ma meno lupi’
Bellinzonese
5 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
01.02.2022 - 16:12

A2-A13, ‘ottimo per il collegamento. Si agisca ora per la Snl’

Dopo aver ben accolto la decisione del Consiglio federale sul raccordo autostradale, la sezione cittadina del Ppd deplora la situazione della navigazione

È adesso necessario e “fondamentale mantenere costantemente l’attenzione politica su questo progetto, la cui realizzazione è attesa da decenni e non è ulteriormente procrastinabile. Ne va dello sviluppo residenziale, turistico ed economico di tutto il Locarnese”, scrive in una nota stampa la sezione cittadina del Partito popolare democratico (Ppd) in seguito alla notizia dell’inserimento da parte della Confederazione del collegamento stradale A2-A13 nel Programma di sviluppo strategico orizzonte 2040. Il monito pipidino viene lanciato subito dopo che la stessa sezione non ha mancato di esprimere “particolare soddisfazione per la decisione del Consiglio federale”.

Navigazione sul Lago Maggiore: nodo da sciogliere

Se sul fronte della rete autostradale l’orizzonte si rischiara e “le prospettive paiono positive – scrive la sezione locarnese –, altrettanto non si può affermare per quanto concerne l’annosa tematica della navigazione sul Lago Maggiore”, rammenta rammaricata, aggiungendo che “la situazione non è ulteriormente tollerabile e che sia indispensabile agire in maniera decisa nei confronti delle autorità italiane”.

E rintuzza il comunicato: “La concessionaria italiana sul Lago Maggiore abusa chiaramente delle proprie prerogative di monopolio e non consente alla Società Navigazione Lugano Sa (Snl) di gestire autonomamente il traffico viaggiatori interno”. E si legge quindi: “Il Locarnese è fortemente penalizzato da questa situazione al limite del grottesco, che vede la Svizzera non poter gestire liberamente la navigazione all’interno dei propri confini nazionali. La frustrazione è ancora maggiore vedendo circolare sul Lago Maggiore battelli italiani assai vetusti e alimentati a diesel”, sottolineando quindi come sia risaputo che la Snl è disposta a “rinnovare la flotta e a investire in natanti elettrici, purché le divergenze con l’Italia siano risolte e gli accordi rivisti”.

Che il Consiglio federale non tergiversi

La sezione locarnese sottolinea quindi di sostenere “la richiesta formulata in un primo momento dall’Ente regionale di sviluppo e fatta propria dalla Deputazione ticinese alle Camere federali di disdire la Convenzione con l’Italia che disciplina la navigazione sul Lago Maggiore e sul Lago di Lugano. Sorprendente è la recente risposta del Consiglio federale alla mozione della Deputazione ticinese, nella misura in cui la responsabilità di agire viene di fatto rinviata alle autorità cantonali. Il Consiglio federale non può tergiversare su una tematica così importante e dai chiari risvolti internazionali. Una soluzione è possibile unicamente se l’autorità federale agisce in prima persona nei confronti delle autorità italiane”, scrive ancora.

In chiusa, il Ppd locarnese invita (e auspica) “il Municipio di Locarno ad attivare ogni possibile canale a livello cantonale e federale, affinché nell’interesse di tutta la regione si possa finalmente sbloccare questa intricata matassa”.

Leggi anche:

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Navigazione Lago Maggiore, Berna non disdirà la Convenzione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
a2-a13 lago maggiore ppd locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved