il-semaforo-del-co2-col-rosso-scatta-la-ventilazione
Ti-Press
Arriva uno strumento per il benessere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 min

Biasca, firmacopie con Gianluca Grossi

Sabato dalle 14 alle 17 con discussione del nuovo libro ‘La libertà è una parola. Sul giornalismo apocalittico’
Bellinzonese
11 min

Morti a Sementina: ‘vicinanza’ ma non scuse dal Municipio

Il capodicastero Giorgio Soldini ribadisce il sostegno ai vertici che andranno a processo nei prossimi mesi
Ticino
22 min

TiSin, i leghisti Aldi e Bignasca lasciano il ‘sindacato’

Capogruppo e vicecapogruppo in Gran Consiglio della Lega si dimettono e ritirano la firma dall‘associazione. Ceruso: ’No comment, daremo comunicazioni’
Locarnese
23 min

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio.
Ticino
25 min

Nelle case anziani nessun contagio di coronavirus da ieri

Nelle ultime 24 ore registrati in Ticino 113 casi e zero decessi. Negli ospedali si contano 69 pazienti Covid, di cui tre nei reparti di terapia intensiva
Luganese
29 min

Franklin College, laurea ad honorem e altre lauree

Cerimonia di consegna per 61 studenti al Palazzo dei Congressi di Lugano
Locarnese
53 min

Locarno, ferite lievi per uno scooterista urtatosi con un’auto

L’incidente della circolazione è successo poco prima delle 11, all’incrocio fra via Varesi e via Ballerini
Mendrisiotto
58 min

A Brusino il film festival dove le immagini parlano

La terza edizione del Momòhill Film Fair si terrà dal 19 al 21 maggio nella sala multiuso. I film in concorso sono 27
24.01.2022 - 10:55
Aggiornamento : 17:02

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica

Tutte le aule delle scuole comunali di Locarno saranno munite di sensori che registrano anche il tenore di CO2 contenuto nell’aria. Questo, anche in relazione al fatto che “la pandemia ha accelerato il processo di consapevolezza sull’importanza della qualità dell’aria degli spazi chiusi”. Nel caso specifico, i sensori agiscono come un semaforo, segnalando otticamente la necessità di ventilare gli spazi.

La decisione di mettere l’accento sul monitoraggio dell’aria all’interno delle aule scolastiche è stata presa dopo aver partecipato a un progetto Interreg (Quaes – Qualità dell’Aria degli Edifici Scolastici) che ha coinvolto diversi Comuni ticinesi e italiani. La posa dei sensori, sviluppati da un’azienda svizzera che vede tra i suoi fondatori due giovani locarnesi, è già stata completata. Come detto, registrano diversi parametri, tra cui il CO2 in parti per milione (ppm) presenti nell’aria. Il CO2 è uno dei maggiori responsabili del peggioramento della qualità dell’aria e provoca, oltre ad altre conseguenze, un abbassamento del livello di attenzione dei bambini chiamati a seguire le lezioni.

Il concetto è semplice e funziona in “stile” semaforico: il sensore è illuminato di verde quando il quantitativo di CO2 è al di sotto di 1’000 ppm, si tramuta in giallo superata questa soglia fino ai 1’500 ppm, e se quest’ulteriore limite venisse oltrepassato si illumina di rosso, segnalando la necessità di ventilare per qualche minuto l’aula.

Luigi Conforto, responsabile dell’Ufficio Energia, nota che «si è ritenuto importante mettere al centro la salute dei nostri bambini e docenti e questo strumento è un valore aggiunto. Si tratta di un mezzo attivo per permettere di reagire in tempi brevi a una situazione di discomfort. Non è nostra intenzione creare inutili allarmismi, dato che degli effetti nocivi si registrano con un contatto prolungato a un tenore superiore alle 2’000 ppm di CO2, ma piuttosto intendiamo attuare un’opera di prevenzione e di sensibilizzazione, volta appunto alla salvaguardia della qualità dell’ambiente di vita negli spazi destinati all’educazione dei nostri bambini».

Questo monitoraggio permette anche di far emergere l’esigenza di ventilare convenientemente gli spazi al chiuso utilizzati per studiare, lavorare e vivere. La Città di Locarno è sensibile a questi temi e si è già dimostrata precorritrice in ambito di edilizia scolastica, realizzando nel 2011 l’ampliamento della sede dei Monti con uno standard Minergie ed edificando nel 2016 una delle prime sedi nel cantone di scuola dell’infanzia Minergie-P nel quartiere delle Gerre di Sotto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
co₂ locarno scuole comunali semaforo sensori
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved